Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

giovedì 1 giugno 2017

Bilderberg 2017: Inossidabile Gruber, new entry Servettini e ... Gozi (Gozi?!)

A proposito dei bei, lunghi post di Blondet dell’altro giorno .. e’ tempo di Bilderberg 2017. E direi che se vuoi trasformare la “teoria” di Blondet in nomi e cognomi ... 

Italiani presenti: 

- l’inossidabile Lilli "Semper Fidelis” Gruber (ex RAI, ex PD, ecc ed ora opinion maker a La7)

- il per me inguardabile, indigeribile Beppe ServeGGNNini (neo vice-direttore del Corriere della Sera)

- Sandro Gozi (ma che, davero? Questo pare un tonto di prima, sembra Stanlio .. altro Piddino ovviamente. Il nostro prossimo Macron italico? Oddio :O .. eh si, mi sa che ne sentiremo parlare di piu’ prossimamente, per improbabile che sia il soggetto)

- Maurizio Molinari (editore in capo de La Stampa, robba degli Elkann, ggente fidata ;D .. e’ quel nanetto senza spalle che ognitanto viene chiamato a far l’opionionista dai vari Gruber e Mentana)

- Fabiola Gianotti (boss del CERN.. il CERN?! Per darsi un tono da “incontro elegante e de curtura"?)

- John Elkann lo mettono sotto ITA .. Tz! Mah!


Pare che si parlera’ (non e’ dato sapere in che termini-direttive .. ma bastera’ vedere che narrative spingeranno i suddetti prossimamente ;D) di:

  • The Trump Administration: A progress report 
  • Trans-Atlantic relations: options and scenarios
  • The Trans-Atlantic defence alliance: bullets, bytes and bucks
  • The direction of the EU
  • Can globalisation be slowed down?
  • Jobs, income and unrealised expectations
  • The war on information
  • Why is populism growing?
  • Russia in the international order
  • The Near East
  • Nuclear proliferation
  • China
  • Current events

Lista dei partecipanti (tutti vecchia nobilta’ europea - un po’ scarsi quest’anno, boss di assicurazioni e banche, boss di multinazionali .. e poi la truppa d'assalto: leccaculo-propagamerda giornalisti, baroni universitari, politici venduti illuminati ...) :

CHAIRMAN
Castries, Henri de (FRA), Former Chairman and CEO, AXA; President of Institut Montaigne

PARTICIPANTS
Achleitner, Paul M. (DEU), Chairman of the Supervisory Board, Deutsche Bank AG
Adonis, Andrew (GBR), Chair, National Infrastructure Commission
Agius, Marcus (GBR), Chairman, PA Consulting Group
Akyol, Mustafa (TUR), Senior Visiting Fellow, Freedom Project at Wellesley College
Alstadheim, Kjetil B. (NOR), Political Editor, Dagens Næringsliv
Altman, Roger C. (USA), Founder and Senior Chairman, Evercore
Arnaut, José Luis (PRT), Managing Partner, CMS Rui Pena & Arnaut
Barroso, José M. Durão (PRT), Chairman, Goldman Sachs International
Bäte, Oliver (DEU), CEO, Allianz SE
Baumann, Werner (DEU), Chairman, Bayer AG
Baverez, Nicolas (FRA), Partner, Gibson, Dunn & Crutcher
Benko, René (AUT), Founder and Chairman of the Advisory Board, SIGNA Holding GmbH
Berner, Anne-Catherine (FIN), Minister of Transport and Communications
Botín, Ana P. (ESP), Executive Chairman, Banco Santander
Brandtzæg, Svein Richard (NOR), President and CEO, Norsk Hydro ASA
Brennan, John O. (USA), Senior Advisor, Kissinger Associates Inc.
Bsirske, Frank (DEU), Chairman, United Services Union
Buberl, Thomas (FRA), CEO, AXA
Bunn, M. Elaine (USA), Former Deputy Assistant Secretary of Defense
Burns, William J. (USA), President, Carnegie Endowment for International Peace
Çakiroglu, Levent (TUR), CEO, Koç Holding A.S.
Çamlibel, Cansu (TUR), Washington DC Bureau Chief, Hürriyet Newspaper
Cebrián, Juan Luis (ESP), Executive Chairman, PRISA and El País
Clemet, Kristin (NOR), CEO, Civita
Cohen, David S. (USA), Former Deputy Director, CIA
Collison, Patrick (USA), CEO, Stripe
Cotton, Tom (USA), Senator
Cui, Tiankai (CHN), Chinese Ambassador to the United States
Döpfner, Mathias (DEU), CEO, Axel Springer SE
Elkann, John (ITA), Chairman, Fiat Chrysler Automobiles
Enders, Thomas (DEU), CEO, Airbus SE
Federspiel, Ulrik (DNK), Group Executive, Haldor Topsøe Holding A/S
Ferguson, Jr., Roger W. (USA), President and CEO, TIAA
Ferguson, Niall (USA), Senior Fellow, Hoover Institution, Stanford University
Gianotti, Fabiola (ITA), Director General, CERN
Gozi, Sandro (ITA), State Secretary for European Affairs
Graham, Lindsey (USA), Senator
Greenberg, Evan G. (USA), Chairman and CEO, Chubb Group
Griffin, Kenneth (USA), Founder and CEO, Citadel Investment Group, LLC
Gruber, Lilli (ITA), Editor-in-Chief and Anchor "Otto e mezzo", La7 TV
Guindos, Luis de (ESP), Minister of Economy, Industry and Competiveness
Haines, Avril D. (USA), Former Deputy National Security Advisor
Halberstadt, Victor (NLD), Professor of Economics, Leiden University
Hamers, Ralph (NLD), Chairman, ING Group
Hedegaard, Connie (DNK), Chair, KR Foundation
Hennis-Plasschaert, Jeanine (NLD), Minister of Defence, The Netherlands
Hobson, Mellody (USA), President, Ariel Investments LLC
Hoffman, Reid (USA), Co-Founder, LinkedIn and Partner, Greylock
Houghton, Nicholas (GBR), Former Chief of Defence
Ischinger, Wolfgang (INT), Chairman, Munich Security Conference
Jacobs, Kenneth M. (USA), Chairman and CEO, Lazard
Johnson, James A. (USA), Chairman, Johnson Capital Partners
Jordan, Jr., Vernon E. (USA), Senior Managing Director, Lazard Frères & Co. LLC
Karp, Alex (USA), CEO, Palantir Technologies
Kengeter, Carsten (DEU), CEO, Deutsche Börse AG
Kissinger, Henry A. (USA), Chairman, Kissinger Associates Inc.
Klatten, Susanne (DEU), Managing Director, SKion GmbH
Kleinfeld, Klaus (USA), Former Chairman and CEO, Arconic
Knot, Klaas H.W. (NLD), President, De Nederlandsche Bank
Koç, Ömer M. (TUR), Chairman, Koç Holding A.S.
Kotkin, Stephen (USA), Professor in History and International Affairs, Princeton University
Kravis, Henry R. (USA), Co-Chairman and Co-CEO, KKR
Kravis, Marie-Josée (USA), Senior Fellow, Hudson Institute
Kudelski, André (CHE), Chairman and CEO, Kudelski Group
Lagarde, Christine (INT), Managing Director, International Monetary Fund
Lenglet, François (FRA), Chief Economics Commentator, France 2
Leysen, Thomas (BEL), Chairman, KBC Group
Liddell, Christopher (USA), Assistant to the President and Director of Strategic Initiatives
Lööf, Annie (SWE), Party Leader, Centre Party
Mathews, Jessica T. (USA), Distinguished Fellow, Carnegie Endowment for International Peace
McAuliffe, Terence (USA), Governor of Virginia
McKay, David I. (CAN), President and CEO, Royal Bank of Canada
McMaster, H.R. (USA), National Security Advisor
Micklethwait, John (INT), Editor-in-Chief, Bloomberg LP
Minton Beddoes, Zanny (INT), Editor-in-Chief, The Economist
Molinari, Maurizio (ITA), Editor-in-Chief, La Stampa
Monaco, Lisa (USA), Former Homeland Security Officer
Morneau, Bill (CAN), Minister of Finance
Mundie, Craig J. (USA), President, Mundie & Associates
Murtagh, Gene M. (IRL), CEO, Kingspan Group plc
Netherlands, H.M. the King of the (NLD)
Noonan, Peggy (USA), Author and Columnist, The Wall Street Journal
O'Leary, Michael (IRL), CEO, Ryanair D.A.C.
Osborne, George (GBR), Editor, London Evening Standard
Papahelas, Alexis (GRC), Executive Editor, Kathimerini Newspaper
Papalexopoulos, Dimitri (GRC), CEO, Titan Cement Co.
Petraeus, David H. (USA), Chairman, KKR Global Institute
Pind, Søren (DNK), Minister for Higher Education and Science
Puga, Benoît (FRA), Grand Chancellor of the Legion of Honor and Chancellor of the National Order of Merit
Rachman, Gideon (GBR), Chief Foreign Affairs Commentator, The Financial Times
Reisman, Heather M. (CAN), Chair and CEO, Indigo Books & Music Inc.
Rivera Díaz, Albert (ESP), President, Ciudadanos Party
Rosén, Johanna (SWE), Professor in Materials Physics, Linköping University
Ross, Wilbur L. (USA), Secretary of Commerce
Rubenstein, David M. (USA), Co-Founder and Co-CEO, The Carlyle Group
Rubin, Robert E. (USA), Co-Chair, Council on Foreign Relations and Former Treasury Secretary
Ruoff, Susanne (CHE), CEO, Swiss Post
Rutten, Gwendolyn (BEL), Chair, Open VLD
Sabia, Michael (CAN), CEO, Caisse de dépôt et placement du Québec
Sawers, John (GBR), Chairman and Partner, Macro Advisory Partners
Schadlow, Nadia (USA), Deputy Assistant to the President, National Security Council
Schmidt, Eric E. (USA), Executive Chairman, Alphabet Inc.
Schneider-Ammann, Johann N. (CHE), Federal Councillor, Swiss Confederation
Scholten, Rudolf (AUT), President, Bruno Kreisky Forum for International Dialogue
Severgnini, Beppe (ITA), Editor-in-Chief, 7-Corriere della Sera
Sikorski, Radoslaw (POL), Senior Fellow, Harvard University
Slat, Boyan (NLD), CEO and Founder, The Ocean Cleanup
Spahn, Jens (DEU), Parliamentary State Secretary and Federal Ministry of Finance
Stephenson, Randall L. (USA), Chairman and CEO, AT&T
Stern, Andrew (USA), President Emeritus, SEIU and Senior Fellow, Economic Security Project
Stoltenberg, Jens (INT), Secretary General, NATO
Summers, Lawrence H. (USA), Charles W. Eliot University Professor, Harvard University
Tertrais, Bruno (FRA), Deputy Director, Fondation pour la recherche stratégique
Thiel, Peter (USA), President, Thiel Capital
Topsøe, Jakob Haldor (DNK), Chairman, Haldor Topsøe Holding A/S
Ülgen, Sinan (TUR), Founding and Partner, Istanbul Economics
Vance, J.D. (USA), Author and Partner, Mithril
Wahlroos, Björn (FIN), Chairman, Sampo Group, Nordea Bank, UPM-Kymmene Corporation
Wallenberg, Marcus (SWE), Chairman, Skandinaviska Enskilda Banken AB
Walter, Amy (USA), Editor, The Cook Political Report
Weston, Galen G. (CAN), CEO and Executive Chairman, Loblaw Companies Ltd and George Weston Companies
White, Sharon (GBR), Chief Executive, Ofcom
Wieseltier, Leon (USA), Isaiah Berlin Senior Fellow in Culture and Policy, The Brookings Institution
Wolf, Martin H. (INT), Chief Economics Commentator, Financial Times
Wolfensohn, James D. (USA), Chairman and CEO, Wolfensohn & Company
Wunsch, Pierre (BEL), Vice-Governor, National Bank of Belgium
Zeiler, Gerhard (AUT), President, Turner International
Zients, Jeffrey D. (USA), Former Director, National Economic Council
Zoellick, Robert B. (USA), Non-Executive Chairman, AllianceBernstein L.P.

PS: chissa’ perche’ la Old Babbion ha nominato l’insulso SeverGGNNIni Ufficiale dell’Ordine dell'Impero Britannico .. mah. Da Wiki:

Nel settembre 2001 la regina d'Inghilterra gli ha conferito il titolo di Officer (of the Order) of British Empire [16], mentre nel 2011 il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano lo ha insignito dell'onorificenza di Commendatore della Repubblica [17].

PPS: Secondo me la Botteri e’ la che rosica ancora e sempre da matti che a lei non la chiamano mai ... e pure Zuccoloni ... :D


PPPS: A che ci serve la democrazia? Decidano loro per noi, sono certo che sanno il fatto loro .... ;D



---


Non esistono fotografie della riunione del gruppo Bilderberg, il cui lavoro è riservato. 
La sicurezza per l’incontro non è gestita dall’FBI, né dalla polizia della Virginia, ma da una milizia privata organizzata dalla NATO.

VoltaireNet - Scontro al Bilderberg 2017 
Mentre il presidente Trump sembra aver più o meno risolto i suoi problemi di autorità interna, il conflitto ormai si manifesta in seno alla NATO. Washington sta parlando attualmente contro la manipolazione del terrorismo, mentre Londra non ha intenzione di rinunciare a uno strumento così utile per estendere la propria influenza. Il gruppo Bilderberg, inizialmente organizzato come una cassa di risonanza dell’Alleanza, è appena stato teatro di un difficile dibattito tra i partigiani e gli avversari dell’imperialismo in Medio Oriente.
---

Lillina-zombie che fa il suo “silenzio stampa” beccata alla discesa dall’aereo (verso il minuto 3 mi pare) ... e Servettini manco cagato dal giornalista ;D



7 commenti:

  1. Secondo me in questi incontri organizzano solo dei gran orgioni. Volessero discutere basterebbe un gruppo WhatsApp. :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sii, dai, buttiamola in pettegolezzi che piacciono tanto alle masse: Eyes wide shut! Lilly col frustino e Servettini con la palla in bocca e a pecora! Barroso coi tacchi a spillo e la Lagarde con un cazzone nero ed in latex! .... :D

      Elimina
    2. Di sicuro si saranno scambiati anche qualche criptovaluta.

      Elimina
    3. haha ... non credo :D

      Elimina
  2. Dite quel che vi pare del Bilderberg, ma hanno un senso dell’umorismo incredibile. Basta leggere come si fi descrivono: “un gruppo diversificato di leader ed esperti di politica”.

    Meno di un quarto dei partecipanti è donna, e ci sono meno neri che dirigenti di Goldman.

    Forse per “diversità” intendono che alcuni detengono hedge fund mentre altri possiedono enormi conglomerati industriali. Alcuni sono nel board di HSBC, altri in quello di BP. Alcuni sono lobbisti, altri lobbizzati. Questo genere di cose.

    Ancor più idiota è la loro agenda: “la globalizzazione può essere rallentata?”. Pensate che i leader riuniti di Google, AT&T, Bayer, Airbus, Deutsche Bank, Ryanair, Fiat Chrysler e della Borsa di Francoforte vogliano frenarla? Ci campano.

    Eric Schmidt di Google, un habitué, una volta a Davos iniziò un discorso con le parole: “Suppongo che tutti qui concordino che la globalizzazione sia una cosa meravigliosa”. Al tavolo del Bilderberg ci sono i capi di 4 dei 10 più grandi agglomerati finanziari del mondo: AXA, Allianz, ING e Banco Santander. C’è la leggerissima possibilità che la domanda “la globalizzazione possa essere rallentata?” venga accolta da un coro di risate…

    Ma la mia barzelletta preferita di quest’anno è questo punto: “la guerra sulle informazioni”. Il Bilderberg è preoccupato per le fake news? La conferenza più segreta del mondo, che spende centinaia di migliaia di dollari per tenere la stampa lontana dalle sue sacre discussioni, che ha trascorso decenni a mentire e a nascondersi, vuole ora garantire la diffusione della verità?

    Sappiamo che l’elenco dei partecipanti non è totalmente accurato. Sopra vi è una fotografia del ministro spagnolo dell’economia, Luis de Guindos, con gli occhiali da sole a sinistra. Seduto accanto a lui c’è un uomo che la Banca Mondiale insiste non sia Fernando Jiménez Latorre, , uno dei suoi direttori esecutivi. Latorre è stato nominato alla carica da Guindos lo scorso anno – e non c’è nella lista di quest’anno (confrontate la foto sopra con quella di Latorre ).

    Quando parlano di “guerra sull’informazione”, bisogna capire da quale parte stanno. Non qui a Chantilly, ma molte volte prima sono stato detenuto dalla polizia armata per aver cercato di denunciare questa conferenza. Mi hanno caricato in auto e preso la mia fotocamera. Mi hanno buttato fuori dalla mia camera d’albergo all’1 di notte e mi hanno messo sotto un riflettore della polizia su una montagna austriaca. Ho realmente lottato con un poliziotto in una stazione della metropolitana di Atene. E vogliono parlare di una guerra sulle informazioni?

    Se vogliono una risposta alla domanda “perché cresce il populismo?” – anch’essa nell’ordine del giorno – forse dovrebbero guardarsi allo specchio. Non tutti sono contenti di avere un’élite tecnocratica, miliardaria e non eletta che fa lobbying con politici a porte chiuse.

    Vedere il ministro dell’economia spagnolo bloccato per tre giorni con Ana Botín, capo del Banco Santander, la più grande banca spagnola, mentre intorno a loro ronzano dirigenti Goldman Sachs, proprietari di hedge fund ed il segretario della Nato e poi non vedere conferenze stampa alla fine… questo potrebbe essere parte del problema.

    Quando Trump non risponde a date domande, è uno scandalo. L’ultima conferenza stampa del Bilderberg è di metà anni ’70. Loro hanno combattuto la guerra alle informazioni per troppo tempo. È il momento che inizino a parlare. (see, campa cavallo. Se mai parleranno sara’ per dire cazzate, specchi e fumo e manipolazioni. Er)

    https://comedonchisciotte.org/il-bilderberg-e-fuori-della-realta-come-al-solito/

    RispondiElimina
  3. Anni fa ebbi a che fare con il notaio Servegnini..padre del qui presente e notaio ultranovantenne in quel di Cremona. Come era la casta...?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah! figlio di notai.. ma che bello ... io ADOOOORO i notai .... ;D

      Bella gente, non c’e’ che dire /sarc

      Elimina