Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

lunedì 6 marzo 2017

Il Pedante: L'incubo no cash e il teorema di Pangloss

Un Pedante DOC di un annetto fa:

The Pedant - L'incubo no cash e il teorema di Pangloss
Delle tante pessime idee escogitate dalla civiltà occidentale per autodistruggersi, l'abolizione del denaro contante è forse la più folle e pericolosa. I pretesti variano secondo l'inclinazione del gregge: in Italia si dice per fermare l'evasione e all'estero - nientemeno - per sconfiggere il terrorismo e le mafie. 
Ovviamente in un'ipotetica società cashless gli evasori e i criminali continuerebbero a frodare il fisco e a muovere miliardi truccando bilanci, creando società di comodo e corrompendo funzionari e politici, esattamente come fanno oggi. E i ladri troverebbero altri modi per rubare, esattamente come ne hanno già trovati. Le cose cambierebbero invece per tutti gli altri, quelli che non avendo conti in Lussemburgo e/o inclinazione al crimine non potranno più proteggere la propria ricchezza dalle crisi finanziarie e dall'arbitrio dei governi.   
(...) Ciò che è fin qui descritto è già realtà e già da solo basterebbe a fare di un'economia senza contanti uno strumento di distruzione del risparmio e di trasferimento infallibile dall'ampia platea dei poveri al vertice puntiforme dei ricchi. Non c'è invece limite alle ulteriori distopie che una schiavitù di questo tipo può produrre: da una sorveglianza di massa soffocante e feroce all'uso punitivo del negato accesso al denaro, dall'automatismo fiscale (con conseguente nullaosta a qualsiasi inasprimento e arbitrio, non essendoci rischio di renitenza) al controllo "granulare" degli acquisti (ad esempio negando determinate categorie merceologiche a determinate persone, o per perseguire determinate scelte di consumo). Uno scenario orwelliano di marca ultrastalinista paradossalmente sponsorizzato dalle pecore del libero (sic) mercato. 
Di solito a questo punto della discussione qualcuno se ne esce con la domanda: "Ma se non fai nulla di male, perché temi?". Una domanda il cui sottinteso insinuante - sarai mica un ladro? un evasore? un furbetto? - ammutolisce e confonde, recuperando nella colpevolizzazione dell'interlocutore quell'autorità dialettica che la sua logica spregevolmente conformista le sottrae. 
Consegnarsi mani e piedi legati alla discrezionalità di un governo - qualsiasi governo - tradisce una visione simbolica e per certi versi divinizzante delle istituzioni che è propria delle teocrazie e dei totalitarismi. (...) 

leggi tutto QUI

7 commenti:

  1. "Ma se non fai nulla di male, perché temi?" è alla pari di "Se pagassimo tutti, ognuno pagherebbe meno"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tipico del dipendente statale, direi, fra l'altro :)

      Elimina
    2. Quello che ti ruba lamerce (come me alle poste) e se gli dici:"ehi! e come se io ti prendessi 5o euro dalla busta paga!" e lui risponde:"non è mica la stessa cosa!"
      Oramai sono convinto. Ilproblema dell'italia? I dipendenti pubblici di ogni genere e grado. ;-) Questi lavorano per farti fallire..e non erogare servizi ai cittadini. Che se li chiedono, sono dei rompiscatole. Ciao! Er... sto paese mi va sempre piu stretto... faro la "uriel fanelli" All'estero.. e "benvenuto!" ;-) In italia pensano con "ilculo" ;-) Ciao! the.gem

      Elimina
    3. Ola Gem! ... qualcuno tempo fa ti aveva fatto una domanda ma non eri su questi frequenze ...

      Beh, il dipendente statale direi che in generale deve baciarsi i gomiti perche' in quest'ultima decade e' stato il meno colpito, in generale, dal macello che invece ha stroncato tanti nel privato. Se poi vedi quelli che timbrano e vanno fare un altro lavoro il sangue ribolle (piu' tasse piu' servizi! .. o servizietti! o servizi PER LORO)

      Per quanto mi stia sul culo pero' mi tocca difendere lo stato e la spesa pubblica e la moneta sovrana PERCHE' L'ALTERNATIVA E' PERSINO PEGGIO (checche' ne dicano i vari Bassi, Rebuffo, Giannino, Phastidio, Fart from America, Mario Monti, Goldman ... )

      Se migri fammelo sapere che magari ti raggiungo o mettiamo su qualcosa assieme o in collaborazione (ce l'hai la mia email?

      Elimina
  2. "Se pagassimo tutti, ognuno pagherebbe meno"
    verissimo


    i maggiori evasori odierni sono>
    - banche centrali
    - banche "d'affari" e commerciali
    - multinazionali


    se pagassero loro, pagheremmo MOLTO meno tutti


    en passant,
    non usano il contante, per evadere

    usano:
    FALSO IN BILANCIO, FALSE FATTURAZIONI E TRIANGOLAZIONI, DERIVATI, CAMERE DI COMPENSAZIONE, RICICLAGGIO (per quanto riguarda l'evasione), SCATOLE CINESI, SEDI E SOCIETA FITTIZIE, PARADISI FISCALI


    e, a buon peso:
    INSIDER TRADING E TURBATIVA DEI MERCATI, CORRUZIONE, TRUFFA, FINANZIAMENTO ATTIVITA ILLEGALI, USURA, ABUSO DI POSIZIONE DOMINANTE, MONOPOLIO, CARTELLI E VIOLAZIONE CONCORRENZA E LIBERO MERCATO, APPROPRIAZIONE INDEBITA, ATTENTATO ALLA COSTITUZIONE, CIRCONVENZIONE DI INCAPACE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un mondo a dimensione di multinazionale e di ladrONE in giacca e cravatta, molto ma MOLTO di piu' di quanto non fosse gia' prima.

      E Giannino, Napoletano (Sole24Ore), Monti, Liberisti de noartri alla Bassi, REbuffo & Co., ecc sono i suoi apostoli

      Elimina