Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

venerdì 31 marzo 2017

Armstrong: Siamo sul punto di una esplosione VERSO L’ALTO del mercato?

Bestiali questi post di Armstrong, quelli in cui, invece di prevedere un crash dei mercati azionari, USA in primis, prevede salite verticali (?!?). Possibile? Googletradotto con lievi correzioni nelle frasi chiave.


Armstrong Economics -  Are we On the Verge of a Market Explosion to the Upside? 
Domani si finisce il primo trimestre del 2017. La politica su scala globale sono la forza motrice. Il fallimento di Trump e di riforma dei movimenti in Europa sono il catalizzatore per inviare il mercato azionario a livelli record ancora una volta come la gente perde fiducia nel governo completamente e abbiamo poi girare a basta guardare come parcheggiare il denaro. Attraversiamo quella linea si muove al di là del punto di non ritorno in cui il denaro si riversa in titoli azionari, non a causa dei guadagni, ma perché il capitale è in fuga dal governo e delle banche e ha solo bisogno di un posto dove essere parcheggiato. Come ci muoviamo in avanti, cercheremo delle buone azioni per parcheggiare i soldi e sopravvivere al caos politico all'orizzonte.
Il massimo storico nel rapporto del PE è stato nel 2009, al fondo dello schianto - NON AL MASSIMO! [?! Er]
Quando si raggiunge un punto che viene meno la fiducia nelle banche nella moneta, o nel governo, dove si rifugiano i soldi grossi? Gli individui possono comprare oro, ma non si può tenerlo in una cassetta di sicurezza in una banca se le banche possono essere sequestrati. I grandi soldi si parcheggiano nelle blue chips e nei beni materiali come gli immobili (se fuori dal percorso delle guerre). Il picco 2009 nel rapporto del PE riflette quel momento di un completo collasso della fiducia. Questo è il punto chiave che dobbiamo capire. Così, mentre mi sto concentrando sulla politica, che è il carburante per accendere il crollo della fiducia del pubblico. Nessuno può fermare questo - non Trump, non Le Pen, o qualsiasi altro politico reazionario. Abbiamo attraversato il punto di non ritorno, perché nessuno parla di ristrutturazione dell'intero sistema monetario e sistema del debito. Questo non avverrà FINCHE’ non abbiamo crash e bruciare. Nessuno cambia nulla fino a quando ci e costretto.
Possiamo tecnicamente vedere che il Dow ha rotto-out a livello trimestrale. Supporto si trova al livello di 19.230. L'unico modo per fare una seria correzione richiede il Dow per rompere la zona 17.000 su una base di chiusura. La chiusura del trimestre al di sopra 19.230 mantiene il positivo del mercato da una prospettiva più ampia. 
Tenete a mente che Trump FALLIRA'! La cosa è inevitabile. La tendenza è contro di lui e non è possibile combattere la tendenza. La gente aveva tante speranze per Obama che sarebbe vissuto fino a sue promesse e realmente vedere “Change We Can Believe In”. Quando tutto quello che faceva era lo stesso di Bush, che ha distrutto la fiducia nel sistema bipartitico e impostare il terreno per Trump come il nostro computer è stato di previsione. E 'diventato effettivamente un candidato di terze parti con il Partito Repubblicano. Ora, quando non riesce a invertire la tendenza globale, dove saranno persone si rivolgono? Una volta che si sollevano le speranze di cambiamento e di Trump non può trasportare, tutte le scommesse sono fuori muovendo in avanti. Cioè quando il mercato azionario inizia a salire per ragioni che potrebbero confondere la maggior parte delle persone. Questo non è il “Trump Rally”, ma il rally del crollo della fiducia del pubblico. 
Questo è l'anno dall'inferno politico su scala globale. Questo è tutto su flussi di capitale e Trump è morto sbagliato sul commercio, il dollaro, e tutto ciò che fa con le tasse, che sarebbe meglio farlo in fretta, perché quando la politica si sposta ancora una volta, saranno solo aumentare a causa dei governi; federali, statali e locali, sono rotto e che non cambieranno. Il cambiamento politico si sta diffondendo in Europa, Australia e persino in Asia. 
Questo è il crollo di fiducia nel governo e Trump non può invertire questa tendenza. In realtà, Trump ha sollevato le speranze tra la maggioranza silenziosa che le cose cambieranno. Il suo fallimento, soprattutto per il commercio, sarà poi acida la fiducia nel governo del tutto, esattamente come Obama. Questo è quando disordini civili diventa davvero pericolosa. Lo stesso vale in Europa. La perdita dell'estrema destra nei Paesi Bassi ha incoraggiato Bruxelles a presupporre che questo è solo un movimento “populista” di breve durata, che si estinguerà. Questo rende impossibile ogni movimento di riforma da parte loro e assicura che ci schianteremo e bruceremo a partire dal 2018. 
Alla fine della giornata, il prossimo livello di resistenza è ancora nel livello di 23000. Dopo di che, si attraversa la soglia in una transizione di fase. Questo è quando tutto comincia a diventare veramente confuso e folle. WEC di quest'anno a Hong Kong, che si concentrerà su come tradare un mercato verticale. [!!! :O Er]

8 commenti:

  1. "I grandi soldi si parcheggiano nelle blue chips e nei beni materiali come gli immobili (se fuori dal percorso delle guerre)."

    Non è proprio sistematico, alcune potrebbero decollare, altre fallire. Insomma, io a questo mercato verticale non do per certezza ma lo prendo come plausibile, un possibile evento. Infatti una mia esposizione azionaria c'è, ma molto diversificata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vi segnalo la versione di Armstrong perche’ fuori dal coro (almeno dal coro dei vari “austriaci” e simili che leggo spesso, che sono anni che parlano di crollo letale-finale dei mercati azionari). Poi, alla fine, sempre un crollo-massacro epocale si prevede, solo con modalita’ diverse :D

      Oppure, magari, va come la pensano i vari Borghi-Bagnai-ecc, che basta il controllo della banca centrale e la sovranita’ monetaria, i debiti pubblici si possono cancellare, ecc.... hanno delle innegabili ragioni, anche loro, ma quando argomentano che l’inflazione non partira’ - percarita’, con fior di dati alla mano e serie referenze - i miei dubbi li ho. A sentir loro e’ solo una questione di Euro e tolto quello che si ripartira’. Mah.

      Poi notate coem NESSUNO (o quasi) dei suddetti mette minimamente in conto il problemuccio delle risorse, che per me e’ il vero elefante nella stanza. E qui un MAH CUBITALE!


      Piuttosto il post di Armstrong non parla dell’oro e dei miners in oro. Se tutto l’azionario parte a palla, incurante dei fondamentali, a mio avviso perche’ un po’ di questi immensi capitali da parcheggiare non dovrebbero finire anche nei miners? Ti pare? Idem l’oro. Ok, i TRILIONI non li puoi parcheggiare in metallo fisico ... ma vuoi che almeno una parte non debba finire nell’unica cosa che non ha rischi di controparte in questo scenario che dipinge? (scenario se non probabile certamente possibile)

      PS: Perche’ Borghi parla di ARTE e investimento nell'ARTE? ..... proprio l’ultimi scemo non mi pare, anzi. Fra gli accedemici come Bagnai (o Marattin LOL) e Borghi io starei ad ascoltare Borghi, che e’ l’unico che ci campava (e con successo) col trading-borse-banche-investimenti ;D

      Elimina
    2. Inflazione o meno, se svaluti l'import diventa peso, e se certe cose internamente non ci sono, diventa un problema. (Italia <-> energia)

      Ma l'arte non è per niente una stupidata, il divario tra ricchi e poveri si amplierà, e l'arte seguirà i ricchi.

      Io però non ci investo in arte, perchè? Perchè i ricchi sono volubili, una volta apprezzano questo, un'altra quello.... e a me cresce la borsa, non quella finanziaria.

      Elimina
    3. Mmm.. io credo che i ricchi valutino quello che I MERCANTI D’ARTE decidono che vale ;D

      quanto alle risorse, beh, se vedi la marea di dati che Borghi e Bagnai hanno postato in questi anni ti rendi conto che la storia de LA PENZINA A 4 EUVO non torna mica tanto. Quanto ad energia ne avremmo, e rinnovabile anche ... se non fosse che quel caro ragazzo di Firenze non avesse TAGLIATO LE GAMBE alle rinnovabili (ed a tutto il mercato e lavoro che ci stava crescendo attorno). Un geGno. In cambio regali alle multinazionali del petrolio. UN GEGNO, DAVVERO.

      PS: in Basilicata si stanno accorgendo che la gente si ammala di piu’ da quando estraggono petrolio .. ma chissenfrega. Sono sempre i famosi costi esternalizzati. Fai presto a dire che, per dire, lo shale costa solo 20 usd ad estrarlo (Shell e’ arrivata a dire questo! LOL): basta che accolli alle comunita’ i costi in salute-malattie, le strade da rifare perche’ sfasciate dal vivai delle autocisterne, i danni enormi e destinati a restare a falde acquifere ed agricoltura (!) .. poi magari prendono anche sussidi dagli stati perche' “creano lavoro” > ecco come faranno a dire che col petrolio a 20 usd/barile sono in attivo!

      Son buono anch’io di far soldi cosi! E sempre il famoso fare i froci cul culo degli altri.

      Elimina
  2. Ciao, vorrei fare una domanda all utente Burghy se possibile. Sto per recarmi a Kiev e ho contattato la banca nazionale per acquistare dei bullion, visto che consegnano solo di persona. Quali sono i limiti di esportazione e quali dichiarazioni sono da farsi in dogana? Al rientro in eu ci sono dei VAT da pagare sui bullion argento? Ciao, grazie se avrete tempo di rispondermi

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. mi sa che non si degna piu’. O meglio non CI degna piu’. Col contagocce le sue perle, max un pajo di righe all’anno ;D .. avra' le sue ragioni.

      Elimina