Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

mercoledì 29 marzo 2017

Armstrong: La crisi finanziaria del 1992-1993

Bel racconto di come si sviluppo' la crisi del proto-euro fra 1992 e 1993 (compreso il fallito tentativo di Ciampi di tenere la Lira entro la banda di oscillazione decisa dall’ERM, cosa che ci costo’ gran parte delle riserve valutarie italiane e fini’ col caro Soros (ed altri) che divenne famoso facendo miliardi shortanto Lira e Pound). E’ interessante notare come la crisi non fu solo della Lira o del Pound ma proprio di tutto il meccanismo insanamente deciso come prova generale dell’euro. Come tutto ando’ in vacca allora, allo stesso modo finira’ in vacca l’euro, dice Armstrong. Finira’ in vacca perche’ e’ nato storpio, e’ nella sua natura di finire in un disastro, nel suo corredo genetico, per cosi’ dire.

Sorry, solo googletradotto, troppo lungo (poi magari correggo i punti che il computer traduce troppo ad cazzum). Il testo in inglese cliccando il titolo qui sotto:


Armstrong Economics - The Financial Crisis 1992-1993
Per coloro che non lo conoscono, Sir John Major era il Primo Ministro della Gran Bretagna nel periodo 1990-1997. Una delle più grandi storie BS [stronzate. Er] è come si tende ad incolpare di quegli eventi una sola persona. Ognuna di queste mercato “manipolazioni” o attacchi, sono tipicamente caratterizzati con un membro di “The Club” prendere la posizione anteriore. In questo caso è stato George Soros. Gli fu dato il volto personale di quell'evento che ha rotto la sterlina. E 'stato affatto solo Soros. Egli non ha ottenuto che il commercio corretto dal nulla. Tutti nella comunità di trading ha visto arrivare. E 'stato simile alla crisi greca nel 2010. Una volta che un membro è in difficoltà, i commercianti guardarsi intorno e vedere chi sarà il prossimo. 
Il 1992/1993 crollo del Meccanismo di Cambio Europeo (Exchange Rate Mechanism - ERM) è stato un sistema introdotto dalla Comunità economica europea il 13 Marzo 1979, a cui la Thatcher era contro. Faceva parte del Sistema Monetario Europeo (European Monetary System - SME), destinato a ridurre la variabilità dei tassi di cambio e di raggiungere la stabilità monetaria in Europa in seguito al crollo di Bretton Woods nel 1971. Solo dopo gli accordi del Plaza nel 1985, ha lo SME prepararsi economica e monetaria d'Europa, che ha dato alla luce l'introduzione di una moneta unica, l'euro, che ha avuto luogo il 1 ° gennaio 1999. il crollo di Bretton Woods, l'ERM, e la venuta di euro hanno tutti la stessa comprensione imperfetta di economia. I governi pensano di poter per legge o regolamento annullare i propri fallimenti. Tutti e tre i sistemi potrebbero mai sopravvivere sotto il socialista / establishment militare per i politici fanno quello che vogliono sostenere il potere, non per gestire l'economia in modo significativo. 
Chiaramente, la tensione all'interno del meccanismo di cambio ha cominciato a costruire dalla metà di luglio del 1992, concentrandosi inizialmente sulla lira italiana, quindi sulla sterlina e poi su una varietà di altre valute. Tuttavia, ciò che è stato anche trascurato il fatto che luglio 1992 è stato anche quando il rublo russo ha iniziato le contrattazioni per la prima volta. Nel frattempo, la Banca di Cina richiesto visitatori stranieri in Cina per condurre transazioni con certificati di cambio esteri che sono stati emessi dalla Banca della Cina tra il 1979 e il 1994. In effetti, si trattava di un sistema monetario a due livelli - v nazionale internazionale. In seguito alla crisi ERM, questo sistema a due livelli in Cina è stata abolita, e tutte le transazioni poi ha avuto luogo in Renminbi. L'intero sistema dei cambi globale stava cambiando. Il più grande errore le persone fanno guardando la crisi sterlina inglese del 1992, è stato quello di vedere le cose attraverso una prospettiva miope di isolamento. 
La pressione sul Markka finlandese era così forte in quel momento era costretto ad abbandonare il suo peg con l'ECU. Italia ha aumentato i tassi di interesse per cercare di sostenere la sua moneta, ma ancora la lira si è indebolito più volte. La Bundesbank non ha tagliato i tassi di interesse abbastanza temendo l'inflazione e la speculazione continuerebbero, che ha messo pressione su altri stati. Era il 13 settembre 1992, quando la decisione italiana di svalutare Lira italiana del 7% ha avuto luogo (le altre valute rivalutare del 3,5%: Lira svaluta 3,5%). Le pressioni sulla lira hanno portato gli operatori a guardarsi intorno e vide che la Sterlina Inglese é stato anche sopravvalutato tutto rispetto alla Germania. 
Di qui, la sterlina è diventato il prossimo obiettivo proprio come fece il Portogallo dopo la Grecia nel 2010. E 'stato nero Mercoledì, 16 Settembre 1992, quando il governo conservatore britannico John Major è stato costretto a ritirare la sterlina dal meccanismo di cambio europeo ( ERM) dopo che è stato in grado di mantenere la sterlina sopra del suo limite inferiore previsto nel meccanismo di cambio. Sì, mi era stato chiamato durante questa crisi. La prima chiamata dalla Gran Bretagna mi ha chiesto che cosa il nostro modello è stato di previsione. Ho avvertito che la sterlina ha dovuto essere svalutato e che l'ERM stava crollando esattamente come fece Bretton Woods. Mi è stato detto John Major non poteva svalutare la sterlina per quella era la sua promessa elettorale. Ho pensato di crisi e richiamato. Ho scritto le parole per dire che avrebbe permesso la sterlina di galleggiare e cercare il proprio livello. Questo era leggermente differente da una svalutazione che sarebbe stato ancora un piolo cambio fisso. Permettere la sterlina a stare a galla sarebbe lasciare che il mercato a prendere la decisione, piuttosto che i politici. Pertanto, il maggiore non ha violato la sua promessa e non svalutare ufficialmente la sterlina - ha lasciato galleggiare a cercare il proprio livello. 
Il giorno dopo la crisi britannico si è conclusa con efficace ritiro da ERM, che a sua volta capovolto la contropressione su Italia. Così, il giorno dopo, il 17 settembre del 1992, anche l'Italia ha ritirato dalla ERM. Ancora una volta, i tentativi di risolvere politicamente valute prodotto un fallimento totale e assoluta, come è avvenuto con Bretton Woods e, naturalmente, il più recente crollo svizzero Peg. Vedremo lo stesso risultato finale con l'Euro. 
Il marco tedesco è stato inviato ai massimi significativi anche nei confronti del dollaro nel mese di settembre 1992. I mercati dei cambi sono rimasti disturbato per il resto dell'anno, con una recrudescenza delle pressioni speculative che portano all'abbandono di piolo della Svezia alla centralina, la svalutazione di entrambi l'escudo portoghese e la peseta spagnola è venuto nel novembre 1992 e l'abbandono della ECU-peg della Norvegia nel dicembre 1992. nel gennaio del 1993, l'Irlanda testimoniato pressione economica a causa della svalutazione della sterlina dal Regno Unito, e questo poi costretti Irlanda di svalutare del 10% . Germania, infine, ha ridotto i tassi di interesse nel mese di febbraio, marzo e aprile del 1993, cercando di alleviare la pressione economica all'interno delle valute che non era ancora stato riallineato. L'intera crisi del 1992-1994 è stato un preludio alla crisi finale che avrebbe colpito l'euro per ragioni analoghe e la paura di inflazione della Germania che imporre l'austerità sul resto d'Europa. Era alti tassi di interesse della Germania nel 1992/1993 che ha rotto la parte posteriore del meccanismo di cambio. 
In effetti, poi la Francia ha presentato un problema per i politici che hanno fatto evidente del loro impegno per la politica ‘franco forte’, che teneva il franco alla sua parità esistente. Francia voleva anche i tassi di interesse più bassi per alleviare la recessione, e sembrava pronto a sfidare le autorità economiche tedesche pubblicamente, che erano preoccupati per l'inflazione, in modo che ha mantenuto i tassi di interesse elevati di austerità. Il 18 giugno, il tasso di intervento sul mercato monetario francese è stato spinto di sotto dei tassi tedeschi. Questo è stato accolto con scetticismo nei mercati. Di conseguenza, le pressioni speculative all'interno del meccanismo di cambio hanno continuato a costruire. Questa volta, queste pressioni si rivoltò contro il franco francese nel mese di luglio 1993. La Banque de France è stato costretto ad aumentare il suo tasso di interesse per evitare che il franco cada attraverso il suo meccanismo di cambio banda inferiore. Tuttavia, la Bundesbank non abbassò il tasso di sconto, e massicce vendite del franco francese, franco belga, corona danese, peseta spagnola e escudo portoghese ha avuto luogo in risposta. Ancora una volta, l'ossessione della Germania con l'iperinflazione del 1920 impone la loro risposta. Oggi, abbiamo visto il prezzo di austerità tedesca sull'intera condizione economica dell'Europa. Mentre il meccanismo di cambio rotto, oggi c'è un governo pieno federalized a Bruxelles cercando di mantenere l'austerità e la stessa filosofia che ha rotto il meccanismo di cambio nel corso del 1992/1993 Crisi. 
A questo punto nel tempo, il meccanismo di cambio era in crisi totale in Europa. Si potrebbe pensare che hanno imparato da Bretton Woods, ma i politici sono accecati dal loro interesse, che viene sempre prima di quella del popolo o paese. massiccio intervento era necessario per mantenere queste valute appena sopra il loro piano ERM. Il 2 agosto 1993 i funzionari monetari CE e ministri delle Finanze, infine, hanno convenuto che le bande AEC dovrebbero essere allargate dal 2,25% al ​​15% (ad eccezione di quello tedesco-olandese). Con le bande più ampie, il sistema sarebbe meno vulnerabile alla speculazione. 
Al centro di tutto questo era completa incomprensione del tedesco della iperinflazione e il loro tentativo di imporre l'austerità su tutta l'Europa, che è deflazionistica e la crescita anti-economica. 
La crisi ERM del 1992/1993, reso famoso George Soros, sì, ma è risvegliato commercianti internazionali di hedge fund ai mercati valute. I commercianti poi si girò verso i mercati periferici - Russia successivo e poi sud-est asiatico, che ha visto il suo picco quota di mercato nel gennaio 1994 e in basso nel settembre 1998 (56 mesi).
Era il 11 ottobre 1994, quando il rublo è caduto nel mercato interbancario di Mosca di oltre il 20% nei confronti del dollaro statunitense. “Martedì Nero” è diventato il primo crisi valutaria in Russia post-comunista causata anche dai politici. Dal luglio 1992, quando il rublo prima potrebbe essere legalmente scambiato dollari degli Stati Uniti, a ottobre 1995, il tasso di cambio tra il rublo e il dollaro è sceso da 144 rubli per US $ 1 a circa 5.000 per US $ 1. E 'stato il galleggiante del rublo nel luglio 1992 che ha iniziato lo spostamento dei flussi di capitale globali e mercati valutari. I politici, per l'orgoglio, artificialmente impostare il valore del Rublo troppo alto nei confronti del dollaro riflette glorie passate, che era esattamente lo stesso errore degli inglesi di entrare nel meccanismo di cambio. rapidi cambiamenti del tasso nominale dell'economia russa riflette l'instabilità macroeconomica complessiva. Dopo la crisi ERM, i commercianti poi si girò verso i mercati emergenti mirati Russia. 
Questo è stato il Martedì nero con un crollo del 27% in termini di valore del rublo nei confronti del dollaro. Alla fine, nel luglio 1995, la Banca centrale russa ha annunciato l'intenzione di mantenere il rublo all'interno di una banda di 4.300 a 4.900 per ogni US $ 1 a ottobre 1995. In seguito ha esteso il periodo di giugno 1996. Hanno tentato un tasso di cambio “banda crawling”, che hanno introdotto per consentire il rublo deprezzamento graduale fino alla fine del 1996, questo ha portato a un ulteriore collasso da 5.000 a 6.100.

Dopo l'introduzione russa della “banda strisciante”, i commercianti hanno rivolto la loro attenzione al mercato emergente nel sud est asiatico con la forza più concertata. Questo alla fine manifestata nel 1997 asiatico valuta Crisi. Poi i commercianti tornarono indietro alla Russia. Ho detto molte volte come sono stato invitato alla cena FMI messo su da Edmond Safra a Washington. Mi era stato piantato poi ad unirsi “The Club” e comprare in Russia hanno avuto il FMI in tasca. Il FMI avrebbe continuato a garantire il debito russo così si potrebbe comprare il debito e guadagnare 5 volte l'importo degli interessi altrimenti. Il FMI eliminerebbe il rischio. Ho detto “Non esiste! Il mio computer ha avvertito la Russia sarebbe crollato”.
 
Naturalmente questo alla fine ha portato al crollo del 1998, che a sua volta messo in moto il crollo grazie alla Long Term Capital Management che hanno perso sul mercato obbligazionario russo. Questa cosa si ripercosse fino al collasso di Lehman e Bear Stearns a partire dal 2007, alcuni dicono perché la Bear si rifiuto' di partecipare al piano di salvataggio del Long-Term Capital Management. 
E’ stato tutto messo in moto dai politici, che cercano di decidere loro i cambi delle valute, cosa che non capiscono che non possono decidere loro.

6 commenti:

  1. L'euro deve assolvere al suo compito. Potranno lasciarlo andare solo dopo aver concluso lo shopping dalle nazioni periferiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, ne han dette tante sul perche’ e’ nato.. per molti lo hanno voluto gli americani, per altri serve alle multinazionali perche’ annulla il rischio cambio, altri ancora perche’ cosi’ la Germania ha fatto fuori noi, loro concorrente storico (paese trasformatore votato all’export) ... probabilmente un insieme di tutte queste ragioni. E SI, penso propio che i tedeschi-olandesi-austriaci ci lasceranno andare affanculo nel momento in cui ci avranno massacrato e depredato per bene. E lo faranno anche con l’aria di quelli traditi, di quelli con le ragioni dalla loro. Vomito. So much for the European Union of love, democracy, respect, solidarity & peace.

      Elimina
  2. http://www.zerohedge.com/news/2017-03-29/chinese-gold-miner-claims-discovery-largest

    RispondiElimina
    Risposte
    1. visto e letto .. post in arrivo stasera ;D
      giusto per inquadrare un attimo sti titoloni che spesso fanno, come anche sul petrolio “scoperto ultra mega giacimento! e blablabla"

      Elimina
  3. Un 12-13% di produzione annua ANCORA DA ESTRARRE, questo penso sia la sintesi no? Poi meglio così, un bene reale che aumenta in quantitá controllata é una riserva di valore e unitá di conto, se così non fosse sarebbe solo tesoreggiato (o tesaurizzato nel altro caso) e si rischierebbe di entrare nel solo più collesionismo, nel mio campo collezionistico funziona così con ció che colleziono, ovvero un qualcosa di non più riproducibile e di quantitá scarsa, ovvero non adatto e utile ad essere denaro, ma solo riserva di valore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, NON e’ un game changer. Ma MANCO PER SBAGLIO.
      Pero’ a leggere i titoli uno che non ne sa ci cascherebbe “Ue! Un minierone! Ale! Che robe!”

      ;D

      Elimina