Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

lunedì 6 febbraio 2017

Sui Target2: Simon, Evans-Pritchard, Lugano

Un po' di articoli sui famigerati-fantomatici saldi Target2

Felix Simon (2012, su Voci dall'Estero) - NON C’È DA PREOCCUPARSI DEI SALDI TARGET2 
Proponiamo qui un interessante articolo del 2012 di Felix Salmon in cui si riassume e si chiarisce l’annoso dibattito sul reale significato dei saldi Target2. La questione è tornata alla ribalta dopo la recente dichiarazione di Draghi che finalmente ha smentito la pretesa di “irreversibilità” dell’euro, richiamando però i paesi che eventualmente volessero lasciare l’euro a una piena regolazione dei conti con l’Eurosistema. 
Nente di più semplice: i saldi Target2 non sono che regolazioni contabili tra BCE e banche centrali nazionali utili alla funzionalità dell’Eurosistema e facilmente liquidabili in caso di uscita, data la caratteristica delle banche centrali di essere istituti di emissione. 

(...) Se una signora spagnola fa un assegno al suo terapista, il denaro esce dal suo conto ed entra nel conto del terapista. Finché entrambi i conti sono presso banche spagnole, si tratta solo di un trasferimento da una banca all’altra, ed il il saldo Target2 presso il Banco de España rimane invariato. Supponiamo però che la nostra correntista spagnola decida di trasferire €1.000 da Banco Santander su un conto della Deutsche Bank. In questo caso, il saldo nel suo conto Santander andrà a sotto di €1.000, ed il Banco de España dovrà anch’esso dedurre €1.000 dal conto di Santander presso la Banca centrale. In Germania, €1,000 si materializzano sul conto Deutsche Bank, ed alla prima occasione Deutsche Bank depositerà questa somma nel suo conto presso la Bundesbank, cosicché la Bundesbank aggiungerà €1.000 al saldo di Deutsche Bank. 
In pratica, il Banco de España avrebbe appena distrutto €1.000, e la Bundesbank avrebbe appena creato €1.000. Non è un problema — si tratta di banche centrali, e la funzione delle banche centrali è quella di creare e distruggere denaro. Ma per semplici ragioni di contabilità, i conti nell’Eurosistema devono essere pareggiati. Teniamo presente che quelli che per noi normalmente sono degli attivi, per le banche sono passività. Quindi Deutsche Bank deve €1.000 alla nostra signora spagnola — che è un altro modo per dire che lei deposita €1.000 presso Deutsche Bank. A sua volta, Deutsche Bank deposita €1.000 presso la Bundesbank, il che significa che la Bundesbank deve €1.000 alla Deutsche Bank. E la catena continua: la BCE deve €1.000 alla Bundesbank, il Banco de España deve €1.000 alla BCE, e Santander deve €1.000 al Banco de España, dal momento che Santander ha di fatto dovuto prendere in prestito il denaro dal Banco de España per poterlo trasferire alla Deutsche Bank. 
Trattandosi di alta finanza, gli obblighi verso le banche centrali nazionali sono qui garantiti, sicché il Banco de España detiene garanzie da parte di Santander che coprono abbondantemente i €1.000 dovuti. Da parte sua, il Banco de España invece non è tenuto a fornire garanzie alla BCE. Le banche centrali non hanno bisogno di fare nulla del genere: le garanzie non sono necessarie poiché esse possono sempre stampare denaro in caso di bisogno. (... leggi tutto QUI) 

---

Fabio Lugano (su Scenari Economici) - Target2. Perchè De Grauwe vede il saldo positivo tedesco come un problema per la Germania, e la semplice soluzione
(...) La risposta è semplice. La Buba dovrebbe: 
convertire il proprio saldo positivo in una riserva monetaria nella valuta del paese periferico ed utilizzarla per acquistare , e mettere nel proprio bilancio, la quota di titoli della BCE acquistata nel programma APP con quella massa monetaria e che, con lo scioglimento della BCE, dovrebbero essere trasferiti alle singole banche centrali nazionali. 
In questo caso l’attivo di Target 2 sarebbe “Asciugato” dal punto di vista monetario, almeno per la massa monetaria tedesca, mentre dovrebbe essere contabilizzato dalla Banca d’Italia come propria massa monetaria. Questo almeno per la parte, ora prevalente, legata al QE. Per il resto rimarrebbe la cura di De Grauwe della non conversione dei crediti dei non residenti. Con questo il saldo target 2 verrebbe ad azzerarsi. 
Certo la BuBa potrebbe anche continuare a detenere il saldo di target 2 in valuta dello stato straniero (nel caso specifico Italia), ed eventualmente regolare la massa monetaria nazionale con ordinarie operazioni sui titoli, come si è sempre fatto, cioè vendendo titoli nazionali per ridurre la massa stessa. Però in questo modo non ci sarebbe l’effetto punitivo così ricercato da De Grauwe e si vivrebbe effettivamente in una comunità rispettosa ed ordinata, quindi non nell’Unione Europea. (Leggi tutto QUI)

---


Di questo post sull'ottimo (davvero!) Voci dall'Estero mi garba molto anche l'immagine scelta .. un messaggio subliminale? Comunque un post imperdibile, un riassuntino della situazza molto edificante ed utile:

Ambrose Evans Pritchard (Telegraph, Voci dall'Estero) - SUL RAPPORTO MEDIOBANCA E I COSTI DELL’ITALEXIT

Sul Telegraph, Ambrose-Evans Pritchard commenta il recente report di Mediobanca sui costi dell’uscita dell’Italia dall’euro facendo riferimento al dibattito in corso, sia sul significato reale dei saldi Target2 recentemente richiamati da Draghi, sia sulla possibilità effettiva di ridenominare in lire anche il debito di nuova emissione. Il dato è che il tema non è più un tabù e il mondo bancario inizia a prenderlo seriamente in considerazione. (.... leggi tutto QUI)


4 commenti:

  1. no problem

    credo che i crucchi accetteranno volentieri a saldo qualche laterizio metallico, vecchie reliquie barbariche che fan polvere e basta (e non danno interesse!!) al pazzesco controvalore di 36000 euri/kg

    cosi ci liberiamo un po' di spazio nelle sacristie e magari ci possiamo mettere un bel supermarket di cinesi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto a 1 Eulo! ... anzi, tutto a 1 Lila!

      Elimina
  2. Secondo me, in caso di scioglimento della BCE, la questione Target2 è di secondaria importanza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 'nzomma... ho idea (speri di sbagliarmi) che ci hanno gia' ciuffato 100 tonnellate d'oro con gli "irrilevanti" Target2 (nel senso che ho la vaga idea che i tedeschi, complici politici e banchieri centrali italiani venduti/scemi, agitando lo spettro dei Target2 mi sa che si sono fatti dare oro dalla BdI e in cambio a noi hanno lasciato i loro IOU alla Fed di NY...)

      Elimina