Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 12 febbraio 2017

Su Emmanuel Macron, candidato "Rothschild" contro la Le Pen ed altre facezie

Alcuni "dettagli" interessanti si imparano da Federico Dezzani:

Federico Dezzani Blog - E ne rimasero due: Angela Merkel e Mario Draghi
(...) Certamente nessuno di quei Paesi che si avvicinano alle elezioni, promettendo ottimi risultati al “gruppo di Coblenza”: ci riferiamo a quei movimenti nazionalisti che il 21 gennaio, all’indomani dell’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca, si sono ritrovati nella città tedesca per lanciare la loro sfida congiunta all’Unione Europea (gli amanti dei retroscena ricordino che Coblenza fu la base dei monarchici francesi dopo la Rivoluzione del 1789, rivoluzione coordinata da quegli Illuminati che avevano la propria base a Francoforte…). Al vertice delle forze populiste hanno presenziato Matteo Salvini, Frauke Petry, Geert Wilders e Marine Le Pen. 
Con quale Paese la cancelliera Angela Merkel potrebbe quindi procedere verso la creazione di una federazione europea? Con la “germanica” Olanda? Molto difficilmente, considerato che il populista Partito della Libertà è dato in testa ai sondaggi ed ha promesso di indire un referendum sulla permanenza nell’Unione Europea. Oppure con l’altra metà del “motore franco-tedesco”, quella Francia dopo il Front National è il primo partito e la “populista” Marine Le Pen avrà gioco facile a sconfiggere al ballottaggio il candidato della banca Rothschild, Emmanuel Macron? 
Ci sono pochi dubbi sulla dinamica dell’eurozona all’indomani della vittoria di Marine Le Pen, tanto che il suo consulente economico, Bernard Monot, ha già svelato il piano da attuare nelle ore successive al voto del 7 maggio:
  • immediata convocazione di un vertice europeo d’emergenza;
  • sostituzione dell’euro con un paniere di valute, paragonabile al vecchio ECU;
  • libera fluttuazione del “nuovo franco” fino ad massimo del 20% rispetto al paniere;
  • ridenominazione del debito pubblico in franchi;
  • abolizione della legge del 1973 per riportare la Banca di Francia sotto il controllo del Parlamento e successiva politica monetaria espansiva per stimolare l’economia. 
Intervistato dalla BBC, il sullodato Ted Malloch (il cui solo nome ha scatenato la reazione isterica delle istituzioni europee quando la Casa Bianca ha ventilato di nominarlo ambasciatore presso la UE) ha asserito che l’euro potrebbe implodere nei prossimi 18 mesi. (...)

1) Il ruolo della citta' di Coblenza. Non un fatto fondamentale ma interessante

2) Il candidato che stanno pompando a palla contro la Le Pen e' niente meno che un uomo di Banca Rothschild. notiziola da niente, certo non degna di essere raccontata nei tg, robba da complottisti sciechimiche-rettiliani, noh? 

3) Nel 1973 la Banque de France pare sia stata sottratta anche lei alla politica e resa "indipendente" ... che e' solo un altro modo per dire che dipende da qualcun altro (chi?).


Leggi tutto QUI tutto il post di Dezzani, trovi anche il video dell'intervista a Theodore Roosevelt Malloch. Si, Ted si chiama proprio cosi', Theodore Roosevelt 😯

Su Macron vedi anche questo post 


Federico Dezzani Blog - Francia 2017: vincerà Marine Le Pen, grazie all’errore della banca Rothschild

.. e questo, di un molto meno ottimista Blondet, almeno a parole, sulla possibilita' che la Le Pen possa davvero vincere visto che le masse di pecoroni di pseudosinistra voteranno, alla fine, chiunque pur di "arginare l'ascesa del neonazismo". Che Manitu' li perdoni, che non sanno quello che fanno:


Blondet & Friends - Il trucco per cui i francesi voteranno di nuovo un socialista. Dei Rotschild.

Molto interessante anche questo post ..


Blondet & Friends - La Le Pen “vuol negare il passaporto israeliano agli ebrei francesi”. Rabbia di Giuliano Ferrara.

.. su come esistono fior di programmi per permettere agli ebrei in giro per il mondo di farsi una "vacanza nell'esercito israeliano".


2 commenti:

  1. urca, ecco perche' anche Chiccuccio Mentira...

    https://iburattinisenzafili.blogspot.it/2015/07/lista-degli-ebrei-influenti-italiani.html

    comunque impressionante, non lo sapevo e non lo sospettavo minimamente sino a uno o due anni fa:


    Antoine Bernheim
    - Assicurazioni Generali
    - Banca Lazard LLC
    - Amministratore e vicepresidente MedioBanca

    Franco Bernabè
    - Amministratore Delegato ENI
    - La7
    - Amministratore delegato Rothschild Europe
    - Membro Trilateral Commission

    Carlo De Benedetti
    - La Repubblica
    - L'Espresso
    - Fondazione De Benedetti

    John Elkann
    - FIAT
    - La Stampa
    - consiglio di amministrazione RCS
    - Membro Bilderberg
    - Vicepresidente Aspen Istitute
    - Banca Leonardo

    Mauro Masi
    - Direttore della RAI

    Giorgio van Straten
    - Influente membro del Consiglio di Amministrazione della RAI

    Ynon Kreiz
    - Presidente e capo esecutivo di Endemol (tutta la programmazione Mediaset)



    Paolo Mieli
    - Ex direttore Corriere della Sera, ora presidente di RCS Libri, storico, editorialista RCS

    Corrado Augias
    - Giornalista di Repubblica, conduttore Rai Tre, parlamentare europeo con il PDS 1994-1999.

    Gad Eitan Lerner
    - ex dirigente di Lotta Continua, giornalista di Rai Tre e, dal 1993 vicedirettore de La Stampa.
    Direttore, per un brevissimo lasso di tempo, del telegiornale di Rai Uno poi passato a La7.

    Clemente J. Mimun
    - Giornalista di Canale 5 poi direttore del telegiornale di Rai Due attualmente passato alla direzione di Rai Uno.

    Enrico Mentana
    - Già giornalista di Rai Due poi direttore del telegiornale di Canale 5 e testimonial di alcuni spot a favore dell'8 per mille da devolvere alle Comunità Ebraiche.

    Giuliano Ferrara
    - PCI, CIA, Il Foglio...

    David Sassoli
    - Giornalista Tg1, Europarlamentare PD (?)

    Furio Colombo
    - ex direttore Unità

    ecc. ecc.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. voglio dire, se pensi che gli ebrei in Italia sono solo lo 0,06% della popolazione (36.000 persone) ... niente male il loro peso nell'informazione 😯

      Elimina