Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 26 febbraio 2017

Barnard: Mary Jo White, le banche e Travaglio


Paolo Barnard - TRAVAGLIO UNA MERDA? NO, CINICO E FA SOLDI CON GLI ITALIANS. ATTENTI A MARY JO WHITE.
Quasi 7 anni fa, SETTE ANNI FA, scrissi questo: 
“Nel “Paese serio” di Marco Travaglio, cioè gli USA, il sistema giudiziario/statale è cento volte più corrotto del nostro, al contrario delle puttanate che Travaglio spara dove ci dice che in America chi non paga le tasse va a Guantanamo. Domanda: perché la magistratura americana non è riuscita a fermare i banditi di Wall St. prima del crollo globale e della devastazione di un paio di miliardi di vite umane? Risponde il giornalista investigativo Matt Taibbi: “Perché nella magistratura americana ci sono conflitti d’interesse inconcepibili. Tutti i più autorevoli magistrati incaricati di sorvegliare Wall Street si erano già venduti a Wall Street, nei nomi di MARY JO WHITE, Linda Thompson, Gary Lynche, Paul Berger. 
(ATTENZIONE PER I LETTORI: RICORDARE IL NOME MARY JO WHITE, CHE ERA CON OBAMA IL CAPO DELLA SEC, CIOE’ LA ‘MAGISTRATURA’ RESPONSABILE DI PERSEGUIRE LE MEGA BANCHE CRIMINALI) 
Infatti quando hanno lasciato i pubblici uffici, sono immediatamente diventati consulenti delle grandi banche, con stipendi da 5 o 10 milioni di dollari all’anno. Il loro segnale per i colleghi è preciso: NON disturbate le banche, se no a fine mandato addio alle consulenze milionarie. I pochi pm che invece hanno tenuto fede al mandato di giustizia sono finiti malissimo. Uno è Gary Aguirre della Security Exchange Commission, indagava sul banchiere John Mac, amico di Bush jr. e di Hilary Clinton. La SEC gli dice “Non continuare!”, Aguirre insiste, è licenziato su due piedi.” 
Nel “Paese serio” di Travaglio, quando uno degli impuniti della Mafia finanziaria è sotto il mirino dei pochi magistrati ancora integri, ci pensa il sistema stesso a garantirgli l’impunità, non ci pensa il Dell’Utri di NY, no, il sistema stesso. Sempre Taibbi: “L’attuale capo del braccio investigativo della SEC, Robert Khuzami, incontra gli avvocati di Wall Street e gli dice PUBBLICAMENTE: abbiamo una nuova politica, per cui se i vostri clienti sono indagati o già sotto accusa, potete venire da noi e noi vi diciamo se i magistrati vi stanno incriminando e cosa c’è nelle carte. Se sì, potete patteggiare con noi un condono, e non avrete più problemi”. 
Immaginate una politica del genere proposta da Berlusconi o da Renzi, aggiungo io oggi. Al Fatto Quotidiano prenderebbe una stenosi coronarica collettiva di redazione, li dovrebbero contropulsare in rianimazione e forse ne sopravviverebbe uno solo, l’amico Peter ‘scimmia ridens’ Gomez (perché lui non ci arriva mai, è Peter Pan). 
Quanto sopra lo scrissi 7 anni fa, ignorato da tutti, mentre gli strali di Marchino T non viaggiavano mai verso i lidi di ‘Government Sachs’, perché gli USA sono un… “Paese serio!”, dice Marchino, mica hanno Dell’Utri e le Olgettine (magari li avessero, sarebbe come avere la colite invece di un tumore al cervello). 
Oggi mi sono andato a leggere chi Trump sta mettendo a capo del Vigilante Pubblico delle mega banche USA, la SEC (non cosa da poco), e chi mi ritrovo nelle news? Ma lei, Mary Jo White, e cosa sta facendo Mary il Mega-Magistrato del Paese “serio”? 
Bè abbandona la SEC americana e ritorna a guadagnare milioni di dollari di conflitti d’interesse al suo vecchio mega studio legale di Wall St., la Debevoise & Plimpton, e aspettate!, questa è la… sesta volta che sto Magistrato americano passa da un incarico pubblico a uno privato, e viceversa. LA SESTA VOLTA. Sarebbe come se in Italia Giuliano Amato fosse divenuto sei volte giudice costituzionale mentre sei volte era stato consulente legale della Mafia. E aspettate! Nell’arco di 24 ore la Mary Jo White passa dalla funzione di pubblico ministero del governo USA contro le banche criminali e già sotto indagine dalla Magistratura, alla funzione di avvocato dello studio legale che difende quelle stesse banche NEI MEDESIMI PROCEDIMENTI. E, ripeto, per la sesta volta nella sua vita. Si stima che il totale dei suoi ricavi da sto balletto sia attorno a 109 milioni di dollari. 
Dear Marco, di cognome Travaglio, ho sempre pensato che tu fossi una cinica merda che le cose le sa ma le nasconde per vendere libri e copie di giornale e andare in Tv. Ora lo so, sei solo un ignorante e guadagni bene perché il 99,9% degli italiani è scemo. Peccato che nei “Paesi Seri” di cui hai sempre parlato perché loro non avevano Dell’Utri e i 104 indagati del PD, non ti assumerebbero neppure come barista di un giornale, visto come conosci i fatti. Ma me ne fotto di te. 
Il messaggio allo 0,02% che mi legge è: teniamoci Mafia Capitale, la P3-4-5 e ringraziamo. Washington è un abisso di orrore in confronto. Poi c’è il resto sugli Amerikans…

Nessun commento:

Posta un commento