Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

giovedì 22 dicembre 2016

Platerotti (S24O): La squadra dei Goldfinger accumula munizioni d’oro pronte all’uso

Oro sovrano straniero conservato alla Federal Reserve di NY

Su MercatoLibero - dove ormai pare parlino solo di BTC ed onore a loro visto che oggi il Bitcoin ha rotto verso l'alto, sopra quota 800 usd, e ben oltre, guadagnando almeno un 10% in un sol giorno (la fuga dalla Cina e dello Yuan che pare destinato a indebolirsi ancora e' potente) - vedo un bel link:



S24O - La squadra dei Goldfinger accumula munizioni d’oro pronte all’uso
(...) Sulla base dei piani su cui nessun governo ha fatto grande pubblicità ma la cui esistenza è stata confermata nei rispettivi parlamenti, Germania, Olanda, Belgio e Austria – il blocco delle nazioni-guida dell’Europa Centrale e della stessa eurozona – si avvia a riportare sotto la propria gestione diretta più del 50% delle riserve auree totali nazionali tra il 2018 e il 2020: anche prendendo in considerazione solo i quattro «big» dell’eurosistema (reimpatri non dettagliati di lingotti sono in corso anche da parte della Francia, della Romania e della Polonia tra i Paesi UE, a cui si può aggiungere la Svizzera che avrebbe in programma di riportare nei Cantoni fino a 500 tonnellate d’oro custodite tra Londra e New York).



"su cui nessun governo ha fatto grande pubblicità" .. o su cui i me(r)dia di massa non hanno fatto gran pubblicita'. Ehm.


(...) Dal 2009, anno di avvitamento della recessione e della crisi del debito sovrano in Europa, dei salvataggi bancari e delle bancarotte nazionali (Grecia, Portogallo, Irlanda e Cipro furono salvate dai prestiti di Fmi, Bce e Commissione Ue, la cosiddetta Troika), è cominciata una vera e propria corsa al rimpatrio dell’oro sovrano: tra Asia ed Europa, la stessa Federal Reserve di New York ha calcolato in oltre 7mila tonnellate [?!?! Nota di Er] la quantità di lingotti riportati a casa in gran segreto sia dai Paesi sulla sponda opposta del Pacifico che su quella dell’Atlantico: nel dettaglio, lo stock di lingotti custoditi nel sottosuolo di Manhattan dalla Federal Reserve è crollato dalle oltre 12.500 tonnellate del 2008 a poco più di 5.200 tonnellate. Dove siano finite precisamente non è noto, anche se tutti sono convinti che gran parte sia stata rimpatriata da Cina, Russia e India, oltre che naturalmente dall’Europa. (...) 



Di nuovo, "in gran segreto" .. ehm ehm, veramente qui su AF sono almeno 5 anni che ne parliamo, e con una discreta - e dovuta - enfasi anche. Il gran segreto forse era solo per i lettori dei "giornaloni". 

Come per Bagnai che viene raggiunto e confermato dai vari "espertoni", Alesina e Giavazzi per esempio, 3-4-5 anni dopo che lui ha detto ed argomentato qualcosa, vedo che anche per noi pare valere la stessa regola: vi parlo di manipolazione dei mercati dei metalli preziosi e dopo 4-5 anni che arrivano i processi e la teoria del complotto si dimostra realta' del complotto. Vi parlo dei rimpatrii edopo 4-5 anni ecco che arriva il giornalone di massa a "scoprire" il fatto. Non so se esserne felice o incazzarmi ancora di piu'. 

Comunque la cosa che veramente fa incazzare e come praticamente tutti - pure Romania e Polonia, impariamo da Platerotti, l'autore del pezzone - si sono gia' dati da fare. I soli coglioni, imbambolati, venduti che non hanno ancora mosso un dito - e saremmo forse i piu' grossi detentori di oro fisico a Londra e soprattutto a New York (ma anche in CH e a Basilea, alla Banca dei Regolamenti Internazionali, la BIS/BRI), per piu' di 1000 tonnellate, vado a memoria, mi pare piu' della meta' delle nostre riserve ufficiali e quindi anche piu' di 1200 tonnellate probabilmente - siamo noi e nostri politichetti "seri" da operetta e ladri di polli che ci governano da un pajo di decadi (PD, PDL, inciucione storico ultraventennale e sino agli ultimi pagliacci). 


Comunque tocca persino baciarsi i gomiti per articoli come questo, che , per esempio, almeno ammette che anche l'oro "della BCE" in realta' e' tutto oltremare, a Londra e soprattutto a NY:


L’unica cosa certa è che a Francoforte non solo non è depositato neanche un lingotto delle 504 tonnellate d’oro che la Bce ha dichiarato di possedere a fine 2015, e che meno della metà di questo tesoro - bene rifugio, indicatore di fiducia e riserva di valore per eccellenza - è ai confini dell’Eurosistema, cioè a Roma (Banca d’Italia) e Lisbona (Banca del Portogallo). Al contrario, più del 50% dei lingotti Bce, secondo le stime degli analisti di BullionStar, è “curiosamente” affidato alla custodia (e in parte si dice alla gestione) di due banche centrali che con l’Eurozona e con l’euro non hanno nulla a che fare, la Fed di New York da un lato e la Bank of England a Londra dall’altro 
Anche tralasciando il fatto (peraltro non positivo) che la Bce non conduce neppure un audit (...)



.. e leggi tutto sul Sole, dove si parla anche, poi, dell'oro della Banca d'Italia, del mancato rimpatrio italico (Alleluja! Se ne parla!), di dov'e' il "nostro" oro, ecc.. Come dicevo da baciarsi i gomiti nonostante un pochino di imprecisioni qua e la (vedi note). Platerotti conclude con una domanda: 


che sia in arrivo un Gold Standard 2.0 ?


Non credo .. ma certamente avere oro nelle proprie mani (e parlo di Banche Centrali) sara' OVVIAMENTE nevralgico nel futuro prossimo.


---


PS: Per dire come son messi al Sole: nella grafica che vi hi riportato in apertura (ce ne sono altre, vedetevele sul giornale di Confindustria) scrivono "fonte frnby" ... frnby? e che e'? ... ah! FRB of NY magari, Federal Reserve Bank of New York (quella il Liberty Street 33, che ha le valuts sotterranee cosi' curiosamente vicine a quelle di JPMorgan). Ma neanche un piffero di revisore di bozze hanno da quelle parti? (e no, non e' perche' sono al fallimento: fosse la prima volta che se ne vedono di strafalcioni. Capire un blog, ma il giornalONE italiano della finanza...).


PPS: poi le spruzzatine (spruzzatONE) di stronzate non possono ovviamente mancare (e' il foglio di Confindustria, checcevoifa'):



"Dal 2009, anno di avvitamento della recessione e della crisi del debito sovrano in Europa, dei salvataggi bancari e delle bancarotte nazionali (Grecia, Portogallo, Irlanda e Cipro furono salvate dai prestiti di Fmi, Bce e Commissione Ue, la cosiddetta Troika ...".


Si, certo, la Grecia e' stata salvata dalla Troika. Distraetemi, vi prego, che se no bestemmio. Ma quella gran @%$@£@% @£%&**@£ , ma se ormai TUTTI hanno ammesso che e' stato un salvataggio di banche tedesche e francesi che avevano prestato a cazzo al sud e che di una crisi, appunto, di DEBITO PRIVATO si e' trattato?! L'han scritto tutti ormai, l'ha ammesso la BCE, i vari "economistoni" di cui sopra ... ma niente, loro ripetono, la Troika e' buona e' salva. Si vede che hanno sempre in progetto di far "salvare" anche noi dalla Troika (e sara'/sarebbe la definitiva FINE).



PPPS: Oh, citano anche Koos Jansen. Chissa' dove hanno imparato a conoscerlo ;D (e fra l'altro ancora imprecisioni: BullionStar non e' LA borsa digitale di Singapore. Non e' una borsa e men che meno digitale: vendono e conservano per i clienti metallo FISICO. E va beh, uno si rassegna, il figlio di Angela che dice che le once troy pesano 28 grammi, i giornaloni che non fanno i compiti a casa .. un paese di cazzoncelli (se va bene).


PPPPS: 7mila tonnellate ripatriate (in gran segreto. LOL. Ci ho fatto la foto :D)?!? No, e' meglio se smetto di rileggere l'articolo se no .. ma ciccio, saranno 700 forse, 7mila e' tutto l'oro straniero che avevano in "cassaforte" nel 2008! ... davvero: MAH! :O  .. miii, bastava che si fossero guardati un attimo il grafico che hanno pubblicato loro stessi!

Nessun commento:

Posta un commento