Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

venerdì 9 settembre 2016

Bardi: Anche se non lo chiami peak oil sempre peak oil e'

Secondo alcuni il picco del petrolio e' gia' passato da una decade (del petrolio convenzionale, no shale, no tar sands ..) 



vabbe', ma son dei pazzi ;D .... pero' pero' se lo dice Bloomberg invece ..



sono le scoperte di nuovi giacimenti tradizionali (cioe' giacimenti veri, non spremute di stracci inumiditi di petrolio come 'a rivoluzzzione d'o shale) dal 1947 ad oggi. Notate nessuna tendenza? /sarc

Leggi tutto e vedi altri grafici qui, da un sito in inglese di quel bardo delle elite (/sarc) del Bardi:


Cassandra Legacy - Peak oil by any other name is still peak oil


PS: Nel frattempo la popolazione umana dal '47 ad oggi e' piu' che triplicata, da meno di 2,5 mld a quasi 7,5 oggi (and counting). Faccio presente che anche il piu' sfigato africano se compra una lattina di Coca o qualsiasi altro bene consuma petrolio (produzione, trasporto), anche se non ha mai avuto una macchina o luce elettrica in casa (un po' lo stesso discorso che faceva St.Angelo a proposito di miniere ed energia l'altro gg: praticamente tutto implica consumo di energia, anche dove a prima vista non ci pensi). Tutto questo mi ricorda il famoso (?) "Dirupo di Seneca" del Bardo:



Fotovoltaico? Solare a concentrazione? Eolico? .. basteranno? Mmmmm... se non ci stiamo andando a schiantare contro un muro quantomeno ci dovremo ridimensionare parecchio, mi sa. E dimenticare i sogni di crescita infinita necessari ad un sistema monetario basato sui debiti con cui ci martellano da quando siamo al mondo. 

10 commenti:

  1. E' sufficente, a parità di lavoro, una tecnologia che dimezzi il consumo di energia derivata da petrolio, per raddoppiarne la disponibilità.
    Amanita Muscaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, si, certo, come no ... e poi dimezzare ancora i consumi quando la disponibilita' di petrolio si e' dimezzata ancora e cosi' via, noh? .. hehe. Bello il mondo dei sogni eh?

      Non dico che non abbia senso quello che dici ma ... campa cavallo. Molto piu' probabile che il 90-99% della gente fara' senza e solo i piu' ricchi ne avranno ... io esagero spesso per semplificare, chiaro che ci sono altre strade, ma secondo me non saranno sufficienti, sicuramente non lo saranno per tenere in vita questo sogno/incubo della crescita infinita (condizione necessaria per ripagare gli interessi alla moneta-debito delle banche).

      Elimina
  2. Nel grafico manca il time.
    Quindi, acquisisco una petroliera e risolvo il problema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. manca il time? E che c'e' in ascissa secondo te? .. ah, dici il seneca cliff? Ciccio, Time significa che ' un concetto generale ... mannaggia :( ...

      piu' che la petroliera forse sarebbe da comprare il suo contenuto, specie ora che e' relativamente "in regalo" ..

      Elimina
  3. post sacrosanto

    unica cosa, direi che stiamo ragionando a lungo (diversi, se non decine di, anni)

    a breve e a medio, invece>

    vuoi la "gestione della percezione" mediatica, vuoi la complessita' del sistema, vuoi la massa inerziale del sistema, vuoi la sconfinata potenza di fuoco "monetaria" della cupola massonico/finanziaria mondiale, vuoi la supinaggine delle popolazioni de facto SCHIAVE finanziariamente

    cambiano completamente le carte in tavola.

    a breve e a medio, puo succedere di tutto
    a dispetto dei "fondamentali" energetici, economici e demografici di cui si parla sopra

    a breve e a medio, i fondamentali sono FUORVIANTI


    ...
    che cazzo di mondo alla rovescia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, certo, ovvio che si parla di lustri e decenni. Se parli di scoperta di nuovi pozzi devi mettere in conto lo sfasamento temporale verso il futuro della messa in produzione e consumo di quei giacimenti.

      Elimina
    2. .. altrettanto giusto il tuo ragionamento sulle dinamiche inprevedibili di breve/medio (vedi Sauditi che si mettono a pompare alla Tafazzi pur di far fuori venezuelani, shale e russi)

      Elimina
  4. Altro mio post sul blog di Ugo Bardi, dal titolo:
    "Ricchezza e povertà: consumi pro-capite"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto, l'ho twittato e letto (a volte twitto roba anche solo per "segnarmela").

      http://ugobardi.blogspot.it/2016/09/ricchezza-e-poverta-consumi-pro-capite.html

      Bella prova (anche se nei commenti uno dice credo giustamente che non tornano i conti sull'andamento della popolazione).

      Quindi per chi come me non e' piu' sbarbino da mo (sigh! sob! ormai vado piu' per il mezzo secolo che per i 40) le rogne grosse sarebbero evitate. Ummm, ok, ci puo' stare. Ma nei tuoi conto manca la BOMBA economica/debito/derivati/finanza .. quella mi sa che sciopa moooolto prima.

      Bel post comunque e mi fa piacere che tu e il Bardo vi siate "rappacificati" :)

      Elimina
    2. Rileggi il post che l'ho aggiornato con altri dati.

      Ho anche risposto a chi criticava l'andamento della popolazione.

      Elimina