Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

mercoledì 10 agosto 2016

Tougha (Via VdE): 10 cose che i media mainstream non vi diranno sulla guerra in Siria

Questa mi mancava:


La principale fonte dei media occidentali sul conflitto siriano è un negozio di magliette a Coventry, in Inghilterra. 
Non è uno scherzo. Se seguite le notizie è probabile che abbiate sentito i media parlare di un’entità grandiosamente definita “Osservatorio Siriano per i Diritti Umani” (“Syrian Observatory for Human Rights”, SOHR). Questo cosiddetto “osservatorio” è gestito da una sola persona nella propria casa a Coventry, in Inghilterra. A migliaia di chilometri di distanza dal conflitto siriano — eppure è definito come la fonte più rispettata dai media occidentali (BBC, Reuters, The Guardian, International Business Times, per fare degli esempi). Le credenziali di questa persona consistono nell’essere proprietario di un negozio di magliette nella stessa via della propria casa, nonché essere un noto dissidente dell’attuale presidente siriano.

Leggi tutto qui:

Voci dall'estero - DIECI COSE CHE I MEDIA MAINSTREAM NON VI DIRANNO SULLA GUERRA IN SIRIA 
Zero Hedge rilancia un articolo di TheAntiMedia.org che raccoglie una serie di punti “ai margini” della narrazione ufficiale sulla guerra in Siria. Questi argomenti sono generalmente raccolti proprio dai media mainstream, ma passati sempre in tono minore e senza che essi scalfiscano il “frame” generale. Si tratta di argomenti probabilmente noti ai nostri lettori, ma questa è una sintesi abbastanza efficace.

Nessun commento:

Posta un commento