Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 8 maggio 2016

Hersh (Premio Pulitzer): Hillary Clinton approvo' l'invio di gas sarin ai ribelli siriani per incastrare Assad

Vi avevo gia' segnalato l'articolo originale nei commenti. Arrivata brevi manu la traduzione su VdE:

Voci dall'Estero - SEYMOUR HERSCH, GIORNALISTA PREMIO PULITZER: HILLARY CLINTON APPROVÒ L’INVIO DI GAS SARIN AI RIBELLI SIRIANI PER INCASTRARE ASSAD
Il sito Free Thought Project riporta un articolo sui legami di Hillary Clinton con l’attacco chimico al gas sarin a Ghouta, in Siria, nel 2013. Dalle relazioni tra USA e Siria (ne avevamo parlato qui), al ruolo della Clinton nella politica estera USA e nell’approvvigionamento di armi dalla Libia verso l’Isis (ne avevamo parlato qui e qui), alle dichiarazioni del giornalista premio Pulitzer Seymour Hersh su un accordo del 2012 tra l’amministrazione Obama e i leader di Turchia, Arabia Saudita e Qatar, per imbastire un attacco con gas sarin e darne la colpa ad Assad, tutte le prove punterebbero in una direzione: i precursori chimici del gas sarin sarebbero venuti dalla Libia, il sarin sarebbe stato “fatto in casa” e la colpa gettata sul governo siriano come pretesto perché gli Stati Uniti potessero finanziare e addestrare direttamente i ribelli siriani, come desideravano i sauditi intenzionati a rovesciare Assad. Responsabile della montatura l’allora Segretario di Stato USA e attuale candidata alla presidenza per i Democrat, Hillary Clinton. (...)

Mandate il link al vostro amico piddino/piddinoide che si abbevera solo alla fonte sacra di Repubblica (De Benedetti) .. o peggio. Chissa' che martellandolo un po' non si svegli un attimo o almeno si vergogni un po ... o, piu' probabile (sigh!) vi mandi affanculo, prima con un sorrisino accondiscendente e poi sul serio, nei fatti :o

Sicuro sicuro Chicco Mentana ci fara' un approfondimento di 4 ore e pure Formigli, Floris, Vespa ... la Gruberi! ... ;D

Nessun commento:

Posta un commento