Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

mercoledì 18 maggio 2016

Durden: Soros, l'S&P e le call SPDR


Zero Hedge - Soros Makes Gold His Largest Holding As He Cuts Equity Exposure To Lowest Since 2013, Doubles S&P Puts
One of the more closely watched 13F reports yesterday in addition to that of Warren Buffett was that of Soros Fund Management, the family office of George Soros, which revealed that while the 85 year old billionaire was not quite as bearish as his former chief strategist Stanley Druckenmiller, or Carl Icahn for that matter, had turned decidedly sour on overall equity exposure.

As shown in his 13F, Soros slashed his overall long equity holdings by over 25% to just $4.5 billion as of March 31, which was the lowest such position since 2013.

Anche Soros (85 anni e non volerci lasciare mai .. sigh) non e' piu' tanto rialzista nell'S&P ... e dopo che Druckenmiller (segui il tag sul suo nome per vedere il post in oggetto) ha detto che la sua piu' grossa posizione valutaria (:D) e' in oro ...


(...) Soros also disclosed owning call options on 1.05 million shares in the SPDR Gold Trust, an exchange-traded fund that tracks the price of gold. It was unclear if Soros has been influenced by Druckenmiller who earlier this month at the Sohn Conference, called gold his largest currency allocation as central bankers experiment with the "absurd notion of negative interest rates."
---

Aggiornamento (in italiano):

ByoBlu - Il Senato USA approva legge per processare Arabia Saudita. E Soros si butta sull’oro.


1 commento:

  1. oh! Soros finanzia rivoluzioni da ancor prima del crollo del muro di Berlino

    Il miliardario George Soros, importante finanziatore della campagna per le elezioni presidenziali di Hillary Clinton, ha avuto collegamenti con un attacco terroristico nella ex Cecoslovacchia.

    In un'epoca di attacchi terroristici sotto falsa bandiera, un documento della CIA riservato, risalente al febbraio 1987, rivela il collegamento del miliardario George Soros con un attacco terroristico in Cecoslovacchia, lo riporta il giornalista investigativo Wayne Madsen in un articolo pubblicato sul suo portale, Infowars.

    I fondi di Soros erano destinati agli avversari dei governi comunisti. Tra questi gruppi il "pro-democrazia" come Carta 77, il primo nucleo di resistenza organizzata contro il governo cecoslovacco alla fine del 1980.

    Secondo il giornalista, un terzo dei fondi della Carta 77 preveniva dalla Soros Foundation, e un altro numero consistente di entità collegate con la CIA, e il National Endowment for Democracy degli Stati Uniti (NED). ......

    http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=15822


    C'e' una cosa pero' .... se finanziava rivolte contro il comunismo era bravo, noh? ...... pero' poi anche dopo e decenni dopo che era crollato il comunismo ha continuato (devi, ultima, l'Ucraina) ... ma allora il comunismo NON era il problema, direi.. il problema era un dominio geopolitco americano. O no? Non ti pare?

    RispondiElimina