Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

mercoledì 13 aprile 2016

TicinoLive: Prelievo forzoso. Nel silenzio dei media, l’Austria inaugura la direttiva europea del bail-in


Questa news l'avevo letta qualche giorno fa su Zero Hedge ma ecco una versione in italiano:

TicinoLive - Prelievo forzoso. Nel silenzio dei media, l’Austria inaugura la direttiva europea del bail-in

E meno male che non solo a noi italiani e agli altri terroni Greci o Ciprioti applicano queste regole, consolante, dai. Forse. 


2 commenti:

  1. Clementina Tondella, 75 anni, viene derubata sul bus.
    Passa in posta per ritirare un po' di soldi, ma non ha il libretto, e la direttrice, pur conoscendola, dice di non poterla accontentare.
    “Ho spiegato che mi avevano rubato il libretto con tutti i documenti, e mi ha chiesto di portarle la denuncia di furto. Ho portato la denuncia, e mi ha detto che voleva la carta di identità. Ho rifatto la carta di identita, e mi ha detto che fino al 19 Maggio non avrebbe poturo pagarmi. Ho protestato. E io come vivevo, i soldi c'erano, ne avevo bisogno. Niente da fare, la “direttrice di area” aveva bocciato la mia richiesta, e dovevo rassegnarmi”.
    Clementina è ricorsa ad un avvocato, che ha querelato le Poste per appropriazione indebita.
    Nel frattempo, per mangiare deve girare per gli esercizi, e al momento del conto, dichiarare che non può pagare.

    Le STESSE Poste, cioe CDP, partecipa al fondo “Atlante”, 6 miliardi di euri per salvare il deré ai banchieri banca-rottieri.
    Con i soldi (anche) della pensione di Clementina.

    Così va l'Italia.

    E i cittadini continuano a fidarsi di Poste, e a lasciarci i soldi dentro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cosi' va. che storia edificante.

      .. Appropriazione Indebita. Proprio.

      Elimina