Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 5 aprile 2016

Rickards: Keynes non hai mai definito l'oro "una reliquia barbarica", anzi, negli anni '20 dava consigli giusti ad un Churchill che non lo ascolto' e che porto' il Regno Unito in una delle sue peggiori recessioni di sempre


Altra ottima intervista a Jim Rickards - uno dei migliori e piu' oggettivi storici degli ultimi 100 anni e dell'evoluzione del gold standard che conosco - questa volta da parte dell'ottimo Chris Martenson, uno dei pochi (ma in crescita) metallari e "picchisti". Sarebbe da tradurre tutto ma per ora mi limito a googletradurre e rendere un po' meno in "computerese" questo passaggio (si parlava di ragioni ridicole usualmente in bocca a chi sfotte i metallari):

(...) Non c'è abbastanza oro per sostenere il commercio mondiale e del commercio. Questa è un'altra affermazione priva di senso. C'è sempre abbastanza oro. E' solo una questione di prezzo. 
A 1250 $ l'oncia, se si vuole avere un gold standard, non è una buona idea perche' sarebbe altamente deflazionistico. Ma a 10.000 $ l'oncia non sarebbe deflazionistico, sarebbe leggermente inflazionistico. 
Non è mai una questione di quanto oro c'e' o meno. La questione e' sempre solo il suo prezzo. Penso che andare a un gold standard a $ 1250 sarebbe un disastro. 
Winston Churchill fece esattamente questo tipo di errore nel 1925 quando reintrodusse il gold standard [dopo la solita creazione di denaro a go-go che ha sempre caratterizzato i periodi bellici, dalle guerre napoleoniche sino alla guerra del Vietnam e ovviamente anche passando per la Grande Guerra e cioe' la prima guerra mondiale. Er] con un cambio corrispondente a circa $ 20 l'oncia, e fu un disastro [recessione da paura in Uk, disoccupazione alle stelle e deflazione di addirittura un 50% dei prezzi al consumo (!) Er]. 
Tra l'altro ci fu una persona che disse a Churchill di non farlo ... Churchill era Cancelliere dello Scacchiere a quei tempi, che è un po' come essere oggi segretario al Tesoro negli States. La persona che disse a Churchill di non farlo e che gli consiglio' invece di farlo ma ad un prezzo molto più elevato, cioè circa $ 40 l'oncia, fu John Maynard Keynes. 
Keynes ha questa reputazione di essere un castigamatti dell'oro, ma nel mio libro - A New Case for Gold - parlo anche di come Keynes in realtà aveva capito l'oro molto bene. 
Tra l'altro Keynes non ha mai chiamato oro "una reliquia barbara" questa è un'altra cosa che si sente dire spesso ma e' largamente storpiata. Quando ha usato le parole "reliquia barbara", si riferiva al Gold Exchange Standard imperfetto del 1920. E aveva ragione su questo: era viziata perché il prezzo era sbagliato.
Così ancora una volta, prendo questi argomenti anti-oro, li senti ... sono tutti miei amici tra l'altro, che si tratti di Barry Ritholtz, o Joe Weisenthal ... sono brave persone, ma solo che non capisco. Io non sono un rivenditore d'oro, io non vengo pagato una commissione se qualcuno compra oro. Sono un autore, io sono un analista, per cui quello che faccio è fornire una funzione educativa. Per prima cosa ho abbattere le argomentazioni anti-oro (e nessuno di loro trattenere l'acqua) e poi trascorro il resto del libro dando ottimi motivi per cui si dovrebbe avere buona.

Ci sono molti altri punti assai interessanti in questa intervista, magari ne faro' oggetto di altri post piu' avanti. L'ottimo Chris Martenson ci fornisce anche di trascrizioni delle sue interviste, questa la trovate QUI



PS: Rickards ipotizza alla conclusione di questa fase storica un oro fra i 10 e i 20mila dollari l'oncia e consiglia di mettere in oro un 10% dei propri risparmi.

5 commenti:

  1. Da quando la sterlina ha abbandonato il legame a quando ha smesso di essere la moneta di riferimeto, è passato poco tempo.

    Invece il dollaro è duro a morire.

    RispondiElimina
  2. Ciao Er, ma hai notato che tanti affermano che l oro faró 7mila....10mila...20mila....MA consigliano sempre un 10% di investimento?? Ma se secondo loro va su fin la perché non mettere di più?? Io parlo così perché sono andato ben oltre il mio 10%.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse perche; lo credono ma - ovviamente - non lo possono GARANTIRE :)

      Poi, magari, prima che questo succeda passeranno parecchi anni ancora e cheffai, stai senza un soldino cash da parte per, say, 10 anni? Poi, per esempio, se consideri i tuoi asset come la casa, l'auto, i risparmi, ecc .. un 10% e' tanto. Non devi, forse, considerare solo i soldi cash nel conto corrente

      Diciamo che pure io sono oltre il 10% ma sicuramente NON LO CONSIGLIO agli altri.

      Diciamo che mettere un 5-10% in metalli preziosi pare proprio cosa buona e giusta, che dovrebbe essere una prassi diffusa molto piu' di quanto non sia. Tutto qua.

      Elimina
    2. ho casa di proprietà, auto con 50000 km e cash per campare 4 anni (con i prezzi attuali). tutto ciò che guadagno (e avanza), tolte le spese mensili, lo divido al 50% tra cash e oro.
      non mi interessa prendere la miseria di interessi che ti offrono le banche e i prodotti finanziari....
      se sale a 7mila cambio vita, se no continuo a lavorare.
      nella peggiore delle ipotesi incremento la pensione (che avendo 34 anni non prenderò mai, spero forse in una sociale)

      Elimina
  3. Io sono attorno al 10%. La famiglia mi vieta si oltrepassare, altrimenti sarei ben oltre.

    RispondiElimina