Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 26 aprile 2016

L'esercito in Libia a proteggere ... i pozzi delle multinazionali?



ANSA - Libia chiede aiuto per proteggere pozzi. Primo appello di Sarraj alla comunità internazionale 
Appello di Tripoli a all'ONU e all'UE per sicurezza pozzi petrolio. Renzi dal G5 di Hannover: "Iniziative comunità internazionale dovranno essere richieste dal governo". 
Obama manda 250 soldati in Siria. 
Intanto, fonti di governo e Stato maggiore Difesa smentiscono notizie di stampa, come destituite di fondamento, che oggi parlavano dell' offerta da parte di Roma di 900 soldati. (...)


Giorgio Cremaschi (via L'Antidiplomatico) - Il Governo Fantoccio delle Multinazionali del Petrolio ci riprova
 
Il capo del governo insediato a Tripoli dalle cannoniere occidentali ha cominciato a rendere i servizi per i quali è stato insediato. 
Serraij ha chiesto truppe Nato per proteggere i pozzi delle multinazionali di cui è il capocantiere sul posto. [lol. Er]
La spudoratezza della richiesta è tale che Renzi ha sentito il bisogno di specificare che non si tratta di proteggere i pozzi dell'ENI. Sarebbe dunque solidarietà petrolifera disinteressata la nostra. 
In realtà sappiamo che da tempo Italia, Francia e Gran Bretagna si sono spartito il paese secondo vecchi confini coloniali e nuovi insediamenti petroliferi. All'Italia la Tripolitania, Tripoli bel suol d'amore, alla Gran Bretagna la Cirenaica, alla Francia il Fezzan. (...)

Oh, ma ha ragione il miot roll: mica e' vero che tutte ste guerre in MedioOriente a cui assistiamo da piu' di 20 anni ormai hanno a che fare con le risorse, col petrolio, nono. 

E poi, no, non e' un uso di risorse pubbliche (e non poche) per proteggere gli interessi di questa e quella multinazionale. nono. Non paghiamo mica noi per aerei, armi leggere, missili, navi, eserciti .. no, paga ciccioformaggio. Poi lamentati solo degli incentivi alle rinnovabili in bolletta. Il petrolio invece arriva gratis... lo dico giusto perche' di gente che si lamenta degli incentivi alle rinnovabili (ben mazzulati da Renzie, en passant) ne ho letta tanta, di quelli che si lamentano di come il contribuente foraggia guerre e luridate varie invece .. chissa' perche'. Scusate tanto cari "sviluppisti forever", cari "il petrolio non finira' mai", cari "chi parla male del petrolio vuole riportarci al medioevo". 

non possiamo mica fare senza petrolio, no? si fottano i marocchini quindi, no? Poi meravigliati quando arrivano qui in massa. Son piovuti dal cielo.


---
Franco Bechis (Libero, via Dagospia) - È PARTITA LA GRANDE FUSIONE ANSA-AGI – A DARE IL VIA LIBERA ALL'INCORPORAZIONE DELLA AGENZIA DI STAMPA DELL'ENI NELLA PANCIA DELLA PIÙ GRANDE NEWS FACTORY ITALIANA, È STATO IL COMITATO ESECUTIVO DELL'ANSA PRESIEDUTO DA GIULIO ANSELMISe ne chiacchierava ormai da un annetto, anche con malizia (attribuendo a Matteo Renzi la regia politica dell' operazione) - Secondo i rumors per dare sostenibilità finanziaria all'operazione l'Ansa metterebbe pure in vendita la storica sede di via della Dataria, a due passi dal Quirinale....

Cosa vuol dire? Che d'ora in poi le notizie le da direttamente l'ENI? Naaa ...

Nessun commento:

Posta un commento