Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 22 marzo 2016

Trivelle Italiche


Leggevo l'altro giorno dei commenti che sono veramente oltre l'imbecillita', troppo oltre l'imbecillita' sulla storia del Referendum sulle trivelle. Mi ricordo in particolare il mentecatto che scriveva "se greenpeace non le vuole allora ce lo diano loro il petrolio e il gas che non avremo" o qualcosa del genere. Veramente da restare storditi di fronte a commenti di tale epica michionaggine. Come se ENI ce lo regalasse il petrolio e il gas che estrai in Italia! Maaaaamma mia! L'articolo era questo:

Il Fatto - Referendum, il 17 aprile votiamo Sì e fermiamo le trivelle
Producono solo il 3% del gas di cui l’Italia ha bisogno, e lo 0,8 % del nostro consumo annuo di petrolio. 
Generano un gettito di royalties modestissimo, impiegano poche decine di persone. Ma inquinano, e molto.

A parte che visto l'attuale glut, sovrapproduzione (e/o depressione globale incipiente) mi pare che quel che poco che c'e' in Italia semmai sarebbe da conservare per quando sara' finita la pacchia (non per i produttori ;) ), e a parte che sarebbe il caso semmai di puntare piu' seriamente sulle rinnovabili (cosa che Renzie sta accuratamente evitando di fare, anzi! Fra l'altro, lo sapete che chi risparmia verra' penalizzato in bolletta e chi sperpera ad cazzum premiato? Geniale) ... ci sarebbero un pajo di cosette da sapere:

Bologna Today - Trivelle: la mappa di Legambiente delle piattaforme in Emilia Romagna“

(...) 47 piattaforme collegate a 319 pozzi. Coprono a malapena l'1,7% del fabbisogno di gas nazionale.



Proprio non se ne puo' fare a meno? Un paese che - specie stante la globalizzazione - e' destinato a diventare di base una Florida europea, un ritiro per pensionati e turisti, che si va a sputtanare potenzialmente pezzi di costa .. per cosa? Quattro spiccioli? ... che poi in realta' sarebbe da baciarsi i gomiti se "alla collettivita'" entrassero 4 spiccioli: in realta' i soldi escono e non a spiccioli (e anche senza considerare gli "effetti collaterali" di cui qui sotto):

"le attività estrattive nella zona dell’Alto Adriatico sono però la principale causa antropica del fenomeno della subsidenza, l’abbassamento del suolo dovuta alla perdita di volume del sedimento nel sottosuolo. Gli effetti più rilevanti della subsidenza si registrano in particolare sulla fascia costiera dell’Emilia Romagna che negli ultimi 55 anni si è abbassata di 70 cm a Rimini e di oltre 100 cm da Cesenatico al Delta del Po".
Alcuni studi - aggiungono gli Ambientalisti - "riportano come l'abbassamento di 1 centimetro all'anno comporta, nello stesso periodo, una perdita di 1 milione di metri cubi di sabbia su 100 km di costa, che significa spendere annualmente 13 milioni di euro per il ripascimento delle spiagge, contro i 7,5 milioni di euro all’anno ottenuti come Royalties dalle compagnie petrolifere.

Che affarone, eh? Geniale. Per loro.

Da RomagnaNoi

Io vedo sempre la solita storia, quella della "esternalizzazione" dei costi: Uno produce o estrae qualcosa e di dice che costa, che so, SOLO x. Bello. Peccato che si dimentica sempre di dire che poi pero' ci sara' anche la conseguenza A (e la paghera' la collettivita' sotto forma di malattie e soldi, tasse), ci sara' il controeffetto B (e lo paghera' la collettivivita' sotto forma di malattie e soldi, tasse), l'effetto collaterale C (e lo paghera' la collettivivita' sotto forma di malattie e soldi, tasse) ... fra l'altro la volta che ho visto 'sti tuboni in spiaggia per "ripascirla" (per la gioja di bagnini .. quelli che poi capita di vedere andarsene via con sacconi della spazzatura pieni di cash a notte fonda .. ma lasciamo stare i bagnini qui, non e' questo il punto) erano di una ditta olandese (!). 

Tanto per cambiare: cornuti e mazziati. 

Per cui, certo che andro' a votare SI, non foss'altro che per fare dispetto ai piddini che si sono adoperati per NON accorpare il referendum alle prossime elezioni (cosi' buttando credo 400 milioncini di euro .. tanto son di nessuo, mica soldi nostri)

E intanto consiglio la lettura di questo post sulle cucine ad induzione:


Effetto Risorse - Inutile votare contro le trivellazioni in Adriatico se non ci attrezziamo per fare a meno di petrolio e gas


9 commenti:

  1. yeah

    se ne fotteranno, come se ne fottono di tutti i referendum
    (acqua pubblica, finanziamento partiti, etc)

    nondimeno, se il governo (fantoccio delle banche) sostiene una cosa,
    mi sembra dovere civico ed etico fare l'esatto opposto

    RispondiElimina
  2. In base alla foto in alto, la spiaggia del mare si sarebbe alzata!
    Se si estraggono risorse da sotto il suolo, esso dovrebbe abbassarsi, non alzarsi!

    Az...
    mi sono sbagliato!
    Sono i cambiamenti climatici, che adesso c'è più caldo e il mare si alza!...
    ops...
    il mare si alza, non la spiaggia!

    Penso che ci sia qualcosa che non va in quelle foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Pulvi... ehm, non mi sono spiegato. Si vede che non bazzichi la riviera romagnola: Ogni anno o quasi chiamano delle ditte specializzate (io ho visto macchinari di una che era olandese) che con immensi tubi ciucciano sabbia dal largo e la ributtano sulla spiaggia (che d'inverno, con le mareggiate, e' stata erosa. Un po' per la subsidenza, naturale ma anche, appunto, creata dalle piattaforme di ciucciaggio gas a pochi km dalla costa).

      La valle padana e' geologicamente molto giovane e creata dai sedimenti portati dai fiumi. Essendo giovane non e' ancora ben compattata (per gravita', per il peso degli strati superiori piu' recenti) e quindi ci sarebbe subsidenza anche naturalmente (vuol dire che il terreno sprofonda e magari va a finire sotto il livello del mare)

      Molti non lo sanno ma la valle padana e' stata bonificata nei SECOLI, un po' come l'Olanda. Nel medioevo mezza valle padana erano paludi! Dappertutto ci sono opere idrauliche che esistono magari da secoli, argini dei fiumi (pensili, il letto del fiume e' piu' alto della campagna attorno) ... piu' recentemente idrovore e pompe a gogo un po' ovunque.

      Poi magari ci sara' anche un contributo dovuto al riscaldamento globale e alle fusioni dei ghiacciai, anche polari) ...

      Elimina
    2. [im]http://www.impresasarti.com/images/ingegneria_idraulica_applicata/sabbiodotti_per_ripascimenti.jpg[/im]

      esempio di "ripascimento" con sabbie prese al largo e pompate sulle spiagge

      Elimina
    3. fai una ricerca per immagini con la parola "ripascimenti" e vedrai

      Elimina
    4. .. cosi' la Regione Emilia Romagna, mi pare che sia lei a pagare (o le provincie/comuni?) spende milionate di euro ogni anno, a primavera, per poter far fare soldi alla macchina del turismo della costa.

      Capito la storia royalties MINORI delle spese pubbliche?

      Elimina
  3. ci vorrebbe un ripascimento di neuroni...
    alegher!

    RispondiElimina
  4. Federica Guidi si dimette. È il suo primo atto da ministro.

    Il ministro ha dato le dimissioni per colpa del compagno. Con Renzi quel termine non va più usato.

    La Camusso dopo le dimissioni della Guidi: “Adesso serve una persona competente”. Vabbe’, proviamo anche questa.

    Il compagno della Guidi si difende dalle accuse. “Dai, non è un cesso come dite”.

    L’inchiesta riguarda l’appalto per un oleodotto che porterà il petrolio nel porto di Taranto. Proprio come ora, ma stavolta dentro un tubo.

    Le intercettazioni rivelano che Gianluca Gemelli si è fatto fare un emendamento dalla Guidi. Vai a capire come si parlano nell’intimità.

    La Guidi diceva al fidanzato: “Anche Maria Elena è d’accordo”. E lui chissà che ha pensato.

    Renzi: “Quell’emendamento l’ho voluto io”. Ci tiene che le multinazionali lo sappiano.

    La Guidi: “Sono assolutamente certa della mia buona fede”. Ma non ricorda in quale emendamento fosse inserita.

    La Boschi: “Il ministro Guidi non aveva detto di essere fidanzata”. Lei lo ha saputo dall’estetista.

    Il governo teme che il caso Guidi possa avere ripercussioni sul referendum del 17 aprile. Ad esempio che se ne parli

    Il premier: “Non ci manderanno a casa”. Quello deve deciderlo Confindustria.

    Movimento 5 Stelle e Lega Nord starebbero scrivendo insieme una mozione di sfiducia al governo. Non vorrei essere in quello che dovrà leggerla.

    Il portavoce della Lega: “Non si possono usare i ministri come capro espiatorio”. Eh, di rom non ce n’erano.

    I pm di Potenza incontrano Maria Elena Boschi. L’inchiesta era partita con questo obiettivo.

    La Boschi: “Non temo l’incontro con i magistrati”. Ormai sono di casa.

    RispondiElimina
  5. Referendum trivelle, Ravenna è per il ‘No': “Occupazione a rischio”. Ma intanto la capitale dell’offshore sta sprofondando dentro al mare: “Tornerà palude”

    http://tv.ilfattoquotidiano.it/2016/04/08/referendum-trivelle-ravenna-e-per-il-no-occupazione-a-rischio-ma-intanto-la-capitale-delloffshore-sta-sprofondando-dentro-al-mare-tornera-palude/504367/

    RispondiElimina