Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 31 gennaio 2016

Jansen: La Cina pone fine alla pubblicazione dei numeri relativi ai ritiri di oro fisico all'SGE


Koos (Kus, tipo bacio, nome di fantasia, in realta' si chiama Jan) Jansen (il vero cognome, olandese, pare piuttosto impronunciabile), responsabile dal 2012 della diffusione nel "gold space" dei dati dei ritiri di oro fisico allo Shanhai Gold Exchange (SGE, fondato solo nel 2002, dopo l'apertura della Cina ai mercati mondiali), che come abbiamo imparato soprattutto grazie a lui sarebbero circa il doppio della domanda d'oro cinese secondo il piu' ufficiale World Gold Council (WGC), ci fa sapere che i cinesi si stanno muovendo sempre piu' verso l'occultamento dei dati che abbiamo seguito con tanto interesse in questi ultimi anni.


BullionStar - China Stops Publishing SGE Withdrawal Figures

Chinese gold demand is roughly twice as much as what was widely assumed across the globe and SGE withdrawals provide a spy-hole to track the Chinese gold market! However, at the same time my findings were spreading through the gold space the Chinese slowly started to cover their tracks.
(...) After the crisis in 2008 it became even more apparent in the higher echelons of the Communist Party that the international fiat monetary system was not sustainable. 
The development of the Chinese gold market, that has its roots in the late seventies but leaped forward in 2002 when the SGE was erected, had to accelerate to protect the Chinese economy from future turmoil. 
Being the second largest economy globally but in arrears regarding physical gold reserves – as a result of a closed market since the Communist Party came in power in 1949 – China has a strong motive to buy gold in secret. 
For, if they would openly buy the volumes they do the gold price would swiftly be affected, damaging China’s window of opportunity in coming on par with Western gold reserves.

Man mano che lui scopriva i numeri ed i meccanismi del mercato cinese dell'oro, dice, le autorita' cinesi invece cercavano di renderlo piu' opaco agli occhi del mondo. 

I cinesi venivano da decenni di chiusura, iniziata nel 1949 con l'arrivo al potere del partito comunista e che inizio' a finire solo grossomodo con l'inizio del nuovo secolo (mi pare di ricordare che la Cina sia entrata a far parte del WTO solo nel 2000, appunto). 

Mentre le riserve auree di tante banche centrali sono cresciute in quei decenni di chiusura, quelle cinesi praticamente restavano ancora tutte da costruire. 

La crisi del 2008 poi avrebbe reso palese che il sistema non e' destinato a reggere e accumulare oro deve essere parso assolutamente vitale... come pure non pubblicizzare troppo la cosa, anzi, piu' restava in sordina e meglio era. 

E cosi' negli ultimi anni, mentre Koos si dava da fare per capire meglio l'entita' degli import e i meccanismi del mercato cinese, i cinesi si davano da fare per nascondersi meglio:


And so, the Chinese decided to roll out more measures to hide their insatiable gold demand. 
On top of being dishonest about their true official gold reserves and eclipsing gold import data in regular customs reports, the Chinese ceased publishing the (English) China Gold Market Reports and SGE Annual Reports – and by 2014 all existing reports were taken offline. 
The yearly (Chinese) Gold Yearbook by the China Gold Association was no longer digitally published, only in hard copies. 
When I asked my contact at the SGE last year if I could purchase a copy of the China Gold Market Report I was told, “due to new regulatory measures the reports are not publicly available anymore”. 
Be aware, in all the aforementioned reports total Chinese gold demand consistently equals SGE withdrawals – confirming the significance of SGE withdrawals – and the reports exactly disclose total Chinese gold import.

"Quando l'anno scorso  chiesi se potevo comprare una copia del China Gold Market Report mi hanno detto che "a causa di nuove misure regolative i report non sono piu' disponibili al pubblico".  (!)

But hiding the reports was not enough for the Chinese gold market architects. 
Apparently, the publishing of SGE withdrawals had to be discontinued, as it simply attracted too much attention to the true size of the Chinese physical gold market. The (Chinese) Market Data Weekly Reports on the first two trading weeks of 2016 at the SGE listed no withdrawal figures. 
In an announcement on the SGE website from 11 January 2016 it stated the giant bourse would henceforth publish its weekly “delivery amount” (total deliveries from both spot deferred products and physical products) and “load-out volume” (withdrawals). Though in week 1 there was no “load-out volume” published and the disclosed “delivery amount” excluded delivery of physical products as I reported last week. The reporting by the SGE in week 1 did not match the announcement. 
The 2016 week 2 report is different, now it seems the top left number (247,201.86 Kg) in the overview table indeed resembles total deliveries of all spot deferred products (114,536 Kg) plus total deliveries of all physical products (182,833 Kg). Yet, the sum of both deliveries is 297,359 Kg according to my calculations, not 247,203 Kg.  
So, I’m probably missing something, in any case SGE withdrawals are not disclosed!


Insomma, non solo non sono piu' pubblici i report annuali, ma anche i numeri dell'SGE non tornano piu, Koos dice che i conti non tornano e alla fine i dati sui ritiri di oro fisico non vengono piu' rivelati

When I called the SGE I was told the “load-out volume” (withdrawals) will not be published anymore, a statement that matches the new reports. 
This is a disaster for the gold community. 
SGE withdrawals provided a unique transparent metric for Chinese gold demand and it’s gone. 
However, the fact the Chinese stopped publishing SGE withdrawals once again strongly confirms the importance of these numbers from the past! 
Until December 2015 these numbers gave us a direct measure of Chinese wholesale gold demand. The truth became a little uncomfortable for the Chinese. 
Ah well, I guess I’ll be focusing more on other gold markets from now on

Ricordo che Koos non e' nato come venditore di bullion con BullionStar, ma che aveva, quando ho iniziato a seguirlo anni fa, un suo blog, In Gold We Trust, e solo dopo ha preso a lavorare per il deposito di metallo fisico di Singapore. Quindi diviene piu' difficile accusarlo di essere uno che spara cazzate solo per far  far soldi ai suoi amici venditori di bullion. 

2 commenti:

  1. Da Italia Oggi, 30 Gennaio - Dieselgate: sembra incredibile, ma anche il governo italiano ha proposto di alzar i limiti dei gas velenosi, invece di ridurli.

    Ogni anno, in Italia, vi sono 23 mila morti premature a causa dell'esposizione dalla popolazione al biossido d'azoto (NOx). L'Italia viola i limiti per il biossido d'azoto previsti dalla direttiva UE del 2008 sulla qualità dell'aria, e per questo motivo il 28 Maggio 2015 il governo Renzi ha ricevuto una lettera di messa in mora dalla Commissione UE: i veicoli diesel, la maggioranza dei veicoli circolanti in Italia, superano in media di 7 volte il limite UE di biossido di azoto.

    Invece di operare per la riduzione dei limiti UE, il governo Renzi ha proposto di triplicarli, scrivendo il 28 Ottobre 2015 al Technical Committee Motor Veichles della UE.

    Con l'obiettivo di far rientrare nei limiti UE il 60% dei test sui diesel che oggi li superano, il governo italiano ha proposto di elevare fino al 2020 i limiti consentiti di Nox in misura piu che doppia rispetto a quelli proposti dall'associazione europea dei costruttori di auto (Acea).
    Limiti, questi ultimi, che molti hanno giudicato studiati apposta per salvare le Volkswagen fuorilegge.

    E infine, i limiti di polveri sottili proposti dall'Italia, superano di sette volte quello considerato come massimo accettabile dal Joint research center, il centro di ricerca scientifica al servizio della Commissione UE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diversi meteo che ho visto in questi gg dicevano che siamo 10 gradi in media sopra la media di gennajo. Temperature da Aprile. Piogge scarse, come ad agosto (!) .. e le polveri sottili si accumulano e galleggiano nell'aria che respiriamo.

      Elimina