Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

lunedì 4 gennaio 2016

Connor: Anche una guerra mondiale o una pandemia darebbero come risultato una popolazione di perlomeno 5 miliardi di persone nel 2100


Aldo mi chiede se non penso che la recessione globale a in cui ci stiamo entrando ridurra' la domanda industriale d'argento, da parecchi decenni preponderante sulla sua domanda "per investimento" (e domanda monetaria sino agli anni '60). Gli ho risposto un po', a chiacchera, nei commenti QUI. Certo che le incognite da considerare sono tante, la piu' misconosciuta, direi, quella di quanti saremo su sto pianeta nei prossimi anni/decenni. Perche' la domanda non e' solo quanto ogni singolo compra ma anche di quanti singoli si tratta (eh!). Interessante, a questo riguardo, e' questo post di qualche gg fa su Effetto Risorse (un po' macabro ma interessantissimo .. questi si che sono veri "fondamentali"):


Effetto Risorse - La crescita inesorabile della popolazione umana
Di Steve Connor, da The Independent

Traduzione di Massimiliano Rupalti (via Population Matters) 
Anche una guerra mondiale o una pandemia darebbero come risultato una popolazione di perlomeno 5 miliardi di persone nel 2100

leggi tutto QUI


beh, 5 miliardi sarebbero 2 e rotti in meno di oggi ... ovviamente se uno dice che saremo 10 mld tutto bene, bello e buono, mentre se uno ipotizza quello che pare quantomeno possibile .. verra' etichettato dal demente di turno come "antiumano", deus ex machina dello sterminio e minchiate simili (sig!)

Comunque, ragionando di solo argento, oro e risorse minerarie in generale direi che il problema non pare che sara' la mancanza di domanda .. a meno che i 5 mld non siano ridotti tutti a condizioni medievali, tipo "non so con che arma sara' combattuta la terza guerra mondiale ma so con cosa sara' combattuta la quarta: sassi e clave". Ma non credo. 

Si, immagino che Aldo non pensasse al 2100 .. e neach'io alla fine, anche se queste macrotendenze mi intrigano sempre molto. Il post era per 

1) evidenziare quello che nessuno pare mai guardare e che a me pare una parte basilare della domanda e cioe' quanti sono quelli "che domandano" e non solo quanto domandano e 

2) che non mi darei troppi grattacapi a temere che la domanda industriale (d'argento come di altre risorse minerarie non rinnovabili e tutte o quasiin zona picco storico delle produzioni) crolli A ZERO. Crollata sara' gia', visto quello che abbiam visto specie nell'ultimi anno sui prezzi delle commodities, dei miners, ecc. Tanto peggio di dove siamo gia' arrivati non penso proprio che potremo arrivare. Ancora un po' peggio si ma ad un certo punto .. che facciamo, facciamo saltare tutte le compagnie minerarie e petrolifere del mondo?  No, ho idea che piuttosto il problema sara' dall'alta parte, dal lato offerta, che fra picchi storici delle produzioni e tagli ai CapEx ... lascia solo maturare le cose .. come si dice "la miglior cura per i prezzi bassi sono i prezzi bassi" ... poi dimentichiamo la natura anche monetaria di oro e argento e come l'argento, come i miners, ha sempre tendenzialmente overperformato l'oro, sia verso il basso .. che verso l'alto? 

No, non mi preoccuperei troppo che la domanda industriale cada a zero e che tutta la produzione d'argento del mondo "cada sulle spalle dei metallari" :D


E tutto questo poi senza considerare la fantafinanza a bolle in cui viviamo .. 

Nessun commento:

Posta un commento