Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 17 gennaio 2016

Barrai: Il Petrolio e' il nuovo Subprime 2016?


Bel postone di Paolo Barrai, che ricompone bene molti dei tasselli del puzzle che vi ho presentato io in questi mesi (e cita e linka addirittura Chris Martenson ripreso dai Tylers l'altro giorno). Analisi su cui sostanzialmente d'accordo, anche se magari con accenti diversi, non so, non avrei buttato li il petrolio oggi come i subprime ma il ragionamento che fa mi torna e mi pare interessante visto che in italiano se ne leggono poche di analisi un minimo estese. Lettura che consiglio.


COME SIAMO ARRIVATI A UN PREZZO DEL PETROLIO E DELLE MATERIE PRIME COSI' BASSO?  E SOPRATUTTO COME SONO LE IMPLICAZIONI PER IL FUTURO DELL'ECONOMIA? 
La caduta del prezzo del petrolio potrebbe essere assimilata al fallimento dei subprime nel 2007... che poi porto' al LEHMAN MOMENT nel 2008?

LA RISPOSTA E' SI, SE OVVIAMENTE DOVESSERO ACCADERE DETERMINATE COSE NEI PROSSIMI MESI... IN QUESTO ARTICOLO PROVIAMO A SPIEGARE IL CONTORTO MECCANISMO MACROECONOMICO SOTTOSTANTE. (......) 

tutto QUI

5 commenti:

  1. Ed è proprio sugli Usa che Roubini si concentra e nello specifico sula serie di fallimenti in arrivo per le società di shale oil schiacciate dal calo continuato del petrolio che adesso viaggia sia per il Brent che per il Wti nella fascia alta dei 28 dollari.

    Quale collegamento ci sarebbe fra il calo dei consumi e delle vendite con le chiusure delle società shale in arrivo? Molto semplice: chi dichiara fallimento è costretto anche a licenziare e chi è licenziato nn è più un consumatore, proprio nel momento in cui il paradosso di un greggio low cost avrebbe potuto garantire un maggior potere d’acquisto alla classe media.

    Non solo c’è da ricordare anche altri due fattori: il primo è che il settore energetico a suo tempo era particolarmente generoso sul fronte dei salari, il secondo che l’economia Usa e in particolar modo il Pil, dipende per i 3/4 dai consumi dei privati.

    In questo caso i default a raffica potrebbero incarnare quella che a suo tempo fu la crisi dei mutui subprime sofferta dagli istituti ddi credito i quali, a differenza del 2008, oggi, sono protetti da una maggiore capitalizzazione.

    http://www.trend-online.com/prp/previsioni-roubini-default/

    RispondiElimina
  2. Nouriel Roubini: "Solo l'accordo tra banche centrali eviterà un crollo come nel 2008"
    L'economista: "Vedo inquietanti parallelismi, il detonatore può essere la catena di fallimenti delle società energetiche Usa esposte sul petrolio"

    http://www.repubblica.it/esteri/2016/01/18/news/nouriel_roubini_solo_l_accordo_tra_banche_centrali_evitera_un_crollo_come_nel_2008_-131521574/

    ..che abbia copiato da Barrai ? ;D

    RispondiElimina
  3. alla fine arriva anche RC (tal Bottarelli)

    I danni “nascosti” del prezzo del petrolio. E come le commodities potrebbero innescare la valanga

    http://www.rischiocalcolato.it/2016/01/danni-nascosti-del-prezzo-del-petrolio-le-commodities-potrebbero-innescare-la-valanga.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+blogspot%2FHAzvd+%28Rischio+Calcolato%29

    mi piace (sarc) come su RC si fa passare sempre la roba di altri per propria, sto Botta per esempio lo cita mai ZH, da cui mi pare prenda tutte le grafiche? Non mi pare.

    Com'e' che diceva sempre il buon Funny quando lo leggevo? "Difendere il frutto del nostro lavoro e del NOSTRO sudore"? ...

    RispondiElimina
  4. Il cialtrone di Barrai :-)))), ma riporti anche i suoi articoli, ma sai chi è quello, indagato a più riprese, fa spamming sulla Svizzera dove prende commissioni per far entrare capitali là, la Svizzera che collasserà come San Marino, fine segreto bancario per uscire dalla black list, i capitali mafiosi usciranno sempre più, cambio insostenibile per la loro mini economia, banche che iniziano ad applicare tassi negativi sui c/c fra i primi a farlo, i primi a essere massacrati saranno proprio gli italiani che hanno capitali là, questi terr***** del web sono pericolosi perchè rovineranno migliaia di persone, ma metteteli alle poste (fondo sovrano CDP) se non sapete dove metterli, invece di queste fantasiose e pericolose esportazioni di captali verso paesi che vi fotteranno, altro che al sicuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, qualcuno mi ha fatto vedere tempo fa dei suoi problemi con la Consomb, mi pare ... che ti devo dire, io prendo quello che mi pare interessante dalla rete. Ho riletto dopo un po' il suo blog ed ho trovato un post interessante e ve l'ho girato. Ti pare che questo sia "fiancheggiare"? A me per niente, mi pare una logica demente. Ho detto per caso "affidatevi a lui e migrate in CH"? Non mi pare (anche se foooorse sarebbe anche un'idea non cosi' malvagia.

      Non e' neanche che strippi di simpatia per lui, ha spesso toni che non mi piacciono .. questo non toglie che se uno dice una cosa che mi pare convincente (o anche solo interessante come punto di vista, stimolante) te lo tweetto tramite AF magari.

      fra l'altro .. ti pare che tutti gli altri siano dei santi? Magari traders che aspettano solo l'occasione giusta per shortare a morte qualche compagnia addirittura qualche stato? Beato te che sei senza peccati e scagli le pietre.

      C'e' una specie di demenza che direi propriamente italica che se uno anche solo PARLA di qualcuno pare che se lo sia sposato. demenza pura. O forse trollaggio e trucchetti retorici del cazzo da avvocato/retore per frollare il cervello ai meno accorti e portarli dove vuoi tu

      Elimina