Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

venerdì 15 gennaio 2016

Armstrong: Gold – No Time Left for Conspiracy Theories (Previsioni sul Prezzo dell'Oro)

Martin Armstrong parla dell'oro e ripete ancora che cosa guida il suo prezzo non e' l'inflazione della moneta (la definizione ufficiale, "tecnica" di inflazione pare sia questa, la quantita' di moneta esistente, compresa tutta quella creata dalle banche a riserva frazionaria, la maggior parte, mentre quella che noi chiamiamo inflazione sarebbe la "inflazione dei prezzi al consumo), come ripetono un branco di cialtroni ladri venditori d'oro (sostanzialmente questo e' il concetto che veicola sempre) e/o teorie che parlano del denaro fiat = diavolo ...

There is no time for nonsense conspiracy theories or other sophistry. This is about a major shift in political economic trend, which is far more important than the job to sell gold by people pretending to be analysts with nothing new to add to the issue other than inflation, fiat, and the theory that all paper currency is evil.

... ma la fiducia o meno nel governo (o magari, direi, nel sistema economico-finanziario in generale, nelle banche, nei mercati, nel futuro in generale). Quello che portera' su l'oro sara' il crollo della fiducia nei governi (beh, mi pare che fosse appunto la sfiducia nel sistema finanziario 
nel 2008, visto che ovunque il sistema bancario privato e' stato salvato da stati / pagatori di tasse / banche centrali - banche centrali e quindi loro organismi nati apposta per questo scopo).

Ma a parte questa annosa diatriba, su cui ognuno ha la sua idea e se la tiene quindi non vale piu' di tanto stare a discuterne, e' interessante la sua previsione sulle quotazioni future del metallo giallo:




Short term, we still have the risk of gold going under $1,000 per ounce. 
It’s going to flip when everything is right — not before. 
It will probably max out at $5,000 per ounce or perhaps $6,000 at best. 
That we will not know until we have the low and the projection angle from that low.

A breve c'e' ancora il rischio che l'oro scivoli sotto quota 1000 dollari l'oncia. 

Cambiera' trend solo quando tutti i tasselli saranno al loro giusto posto (parla nello stesso post di ciclo storico delle rivoluzioni a 309,6 anni). 

Probabilmente poi arrivera' a 5.000, massimo 6.000 dollari l'oncia, proprio ad esagerare. 

Non lo sapremo con precisione sino a quando non sara' certo che il minimo finale e' passato.


Beh, ok .. mi accontentero' di solo un quintuplo/sestuplo del prezzo attuale. 


15 commenti:

  1. Aldo - Oro sotto i 1000$, speriamo! Pronti per fare un piccolo aumento delle scorte... :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. suppongo che tu compri in USD ...

      secondo Barrai il CHF e' diretto a 1,20 contro EUR ...

      Elimina
    2. Aldo - Si , le prossime scorte le faccio con i dollari. Quelle in Svizzera dovrebbero già essere sufficenti.
      Ho letto questa cosa di Barrai sul franco debole ma in verità non ci faccio molto caso a quel tipo... Come il Funny è troppo occupato a fare strane previsioni per trovare nuovi clienti...

      Elimina
    3. hehe .. mannaggia, hai ragione (per una volta che scordo un link, per fretta .. ma hai ragione) .. aspetta ...

      http://ilpunto-borsainvestimenti.blogspot.it/2016/01/e-il-franco-svizzero-disse-addio-al.html

      Elimina
    4. "LA BANCA CENTRALE SVIZZERA RISCHIA DI FARE UTILI STRATORFERICI ....SE IL FRANCO DOVESSE PORTARSI A 1,20 SULL'EURO"

      Ah, sicuro.... peccato che nonostante tassi negativi, comprare azioni e titoli in euro, abbia rinunciato al 1,2 per un più sostenibile 1,1.

      Quale sarebbe ora la nuova condizione per cui riuscirebbe a tornare su un 1,2?

      Magari va a finire che ci azzecca come con la previsione dell'apprezzamento del dollaro, motivato (per me senza logica) da quel concetto di dedollarizzazione.

      Se succede ancora diventa epica, in stile caso risolto di Mr. Magoo o ispettore Gadget.

      Elimina
  2. dal solito zerohedge,
    magistrale post di Mark Jeftovic
    http://www.zerohedge.com/news/2016-01-14/trapped-inside-zero-bound-crossing-economic-event-horizon

    persino piu pessimista di me!

    (io penso che prima o poi il sistema complesso gli sfuggira di mano. La dittatura totale non durera molto, ci sarà un grande casino, e nessuno sa cosa ne uscira dopo)

    (sempre meglio comunque di una dittatura globale per sempre)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. orizzonte degli eventi economico. Titolo intrigante

      Elimina
  3. se c'e' qualcuno che governa gli eventi allora sara' una lenta agonia con finale esproprio delle liberta', denaro digitale e metalli fuori legge..se invece sono i cicli a comandare allora ci sara' un minimo sui metalli e sulle borse un massimo sulla carta statale seguito poi da un massimo delle borse e dei metalli ed un crollo della cartaccia statale.
    saluto a.g.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cartaccia pero' NON e' statale, anche se ti martellano da anni su questa idea. Draghi e BCE ti sembrano stato? e la Fed? Magari non sai come sono nate queste banche centrali, chi le ha volute e perche' e chi le controlla:

      Rickards: La Creazione della Fed (1907-1913)
      http://argentofisico.blogspot.it/2015/05/rickards-la-creazione-della-fed-1907.html

      La Creatura di Jekyll Island - Come 100 anni fa nacque la FED
      http://argentofisico.blogspot.it/2013/11/la-creatura-di-jekyll-island-come-100.html

      questa che le banche centrali sono stato e' una COLOSSALE STRONZATA che a qualcuno piace divulgare ... ed e' una stronzata diabolica visto che ti fa mancare il vero bersaglio finale, il bersaglio grosso.

      il 90% della gente manco sa / si domanda come funziona il mondo in cui vive. Del restante 10% una grossa fetta scopre questo e quello, e si scandalizza, giustamente, ma poi, CAZZO, sbaglia il bersaglio finale, aiutato da questi spargitori di balle. Mi domando dove finisce la loro scemenza e dove inizia la MALA FEDE



      "Give me control of a nation's money and I care not who makes it's laws" lo diceva un banchiere, non uno statista e nemmeno un socialista. (il Barone Rothschild ancora nel '700, il capostipite della dinastia)

      Adottalo questo cazzo di neurone

      Elimina
  4. Adottalo questo cazzo di neurone

    Prima tu, dai.

    RispondiElimina
  5. E' proprio come i bambini alle elementari, non e' mai cresicuto. Stessa "dialettica".

    Scemo

    Chi lo dice lo e'!

    L'ho detto prima io

    Specchio!

    Secchio parabolico!

    Raggio Protonico!

    Maglio Rotante!

    ...

    all'infinito


    ZZZzzzzzzzzzzz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS e' lo stesso del clima, stesso orario, stessa NOJA che mi provoca (e credo pure ai lettori)

      Elimina
  6. Per carta statale intendevo bot cct btp chiedo scusa per non averlo precisato.
    a.g.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. comunque e' tutta colpa dello stato, viviamo nell'era del socialismo imperante! ovunque!

      /sarc

      poi pero' non procedono mai con gli la conseguenza logica delle loro sparate da bar: viva l'anarchia! ... macche', voglio vedere quanto gli piacerebbe a questi pasdaran della cazzata biblica "e' tutta colpa dello stato" se non ci fossero piu' anche solo gli archivi delle proprieta' private.

      Provate ad immaginare un mondo senza stati. Bello. Utopia. Tutti che si voglion bene e si rispettano e non ce n'e' bisogno. Fantastico.

      Oppure ... il primo piu' forte ti entra in casa, ti ammazza e si stabilisce li. Il catasto non esiste piu' visto che non c'e' piu' il maledetto stato. Vallo a perseguire, vatti a riprendere la casa (gli "eredi") ...

      A questi gli solo sul cazzo - ed e' cosa SACROSANTA - essere spolpati da tasse inique, a livello di esproprio (e infatti di questo si tratta) ma GLI PIACE AMMANTARSI DI UNA VISIONE IDEOLOGICA, "FILOSOFICA".

      E siccome di siti che la menano sempre e solo su questo fronte, colpa dello stato, ignorando le cose piu' ovvie come per esempio che se i ricchi sino sempre piu' ricchi foooorse non e' esattamente trionfo del socialismo quello in cui viviamo, mi sta sul cazzo che un troll voglia martellare sto stato anche qui a casa mia, tutti i santi giorni. Per questo assistete a questi "bisticci" (con, uuuu, parolaccie! che ovvove!)

      Fra l'altro io non sono mai stato un pasdaran dello stato, anzi. La mia famiglia, fino al 12 grado di parentela, credo che sia una delle meno "statali" del paese (nel senso che quasi nessuno, negli ultimi 100 anni, e' campato di stato, da dipendente pubblico) e quindi quando poi la buttano sull'offesa spiccia o mi etichettano con "statalista" mi frullano i maroni. Si arriva a capire? Ecco perche' vedete un Er "dittatore", che "non accetta il contraddittorio" e tutto il loro armamentario demagogico e retorico.

      Il mio errore semmai e' di essere troppo democratico e lasciargli anche ogni tanto, spesso anche, spazio per "dire la loro". Vai a trollare da Bassi, che ha chiuso l'area commenti per palese inutilita', logica e personale.

      Elimina