Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

mercoledì 2 dicembre 2015

Verde: L'Argentina si avvia ad essere eterodiretta dalle grandi multinazionali e da quella galassia bancario-finanziaria che l'aveva portata al fallimento


L'Antidiplomatico - L'Argentina si avvia ad essere eterodiretta dalle grandi multinazionali e da quella galassia bancario-finanziaria che l'aveva portata al fallimento
di Fabrizio Verde

Uomini ritenuti molto vicini a grandi multinazionali ricopriranno ruoli chiave nel prossimo governo argentino che sarà formato dal nuovo presidente Mauricio Macri. Un vero smacco per una nazione che negli anni del kirchnerismo era riuscita a risollevarsi dal baratro dove era sprofondata a causa di un regime neoliberista ottuso, dove regnava l'irrazionalità economica e le politiche producevano profitti enormi per le grandi corporations e una certa classe dirigente corrotta, mentre il popolo languiva nella miseria e veniva spoliato di ogni bene.

Ogni dubbio circa l'effettiva volontà di Mauricio Macri di far ritornare indietro le lancette della storia in Argentina è svanito all'annuncio di alcuni uomini che andranno a ricoprire incarichi importanti nel nuovo governo del paese. L'Argentina si avvia ad essere eterodiretta dalle grandi multinazionali e da quella galassia bancario-finanziaria che l'aveva portata al fallimento, il tristemente noto default. Qualche esempio potrà essere utile per comprendere al meglio la situazione.

La banca d'affari Jp Morgan siederà al ministero dell'economia grazie ad Alfonso Prat-Gay, 50 anni politico ed economista argentino, già dipendente del colosso finanziario statunitense e presidente della Banca Centrale della Repubblica Argentina quando Presidente della Repubblica era Eduardo Duhalde. Prat-Gray lasciò l'incarico per insanabili contrasti con Nestor Kirchner divenuto Presidente della Repubblica dopo Duhalde. È utile ricordare che Jp Morgan in un rapporto del 2013 affermava la necessità di intervenire politicamente nei paesi del Sud Europa per imporre politiche di austerità, sostenendo che in questi paesi le Costituzioni adottate in seguito alla sconfitta dei fascismi fossero inadatte per raggiungere una «maggiore integrazione europea», in quanto «fortemente influenzate dalle idee socialiste».

La Shell, multinazionale operante nel settore petrolifero, si insedierà al Ministero dell'Energia direttamente con un proprio uomo. Infatti, Macri nominerà ministro Juan José Aranguren dal 2003 al 2015 presidente della filiale argentina di Shell. (...) 



continua, leggi tutto su L'Antidiplomatico


e sempre a proposito di Argentina a Multinazionali:

LifeGate - El costo humano de los agrotóxicos. Come il glifosato sta uccidendo l’Argentina

Un fotografo argentino emergente ha deciso di realizzare un reportage di quelli davvero tosti. Come Davide contro Golia, i suoi nemici sono il glifosato e la Monsanto.

8 commenti:

  1. Il fatto che viene curiosamente omesso come i socialisti o come si vuole chiamare la pastetta dei "non neoliberisti ottusi" avesse fatto ALTRETTANTI disastri e RUBATO TANTO quanto viene gentilmente omesso, certo - come per Venezuela, Brasile ecc. = "politiche ottuse" sono anche quelle che portano la gente a scannarsi per strada per la carta igienica o sbaglio.

    Ah, ma in tutti i casi osserviamo il fattore comune: interventi statali sull'economia (inutile che continuiamo a menarla col "neoliberismo" o "turbocapitalismo" e altre puttanate, visto che poi passa la stessa differenza tra Renzie e Berlusca) perche come ti tutela lo stato e gestisce i tuoi soldi, non lo fa nessuno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristo, ma sei monomaniaco. Ti mostro l'ennesima prova di come sono le multinazionali a governare il mondo e tu che fai? sempre a prendertela col "socialismo". Questo tipo di socialismo mi pare che sarebbe piu' corretto chiamarlo FASCISMO (e cioe' una forma di capitalismo con una struttura sociale per tenere a bada le masse).

      Sempre la stessa cosa: indico la luna e questo fissa sempre, come un mentecatto, il dito. Indico le cause e lui fissa gli effetti, sa vedere solo quelli. Non c'e' peggior sordo di chi NON VUOLE ascoltare

      Elimina
    2. .. guarda, piu' passa il tempo e piu' mi convinco anch'io che tanto varrebbe la pena vivere nell'anarchia, senza tasse, regole, polizia, eserciti ... il problema, il piiiiicolo dettaglio, e' che NON SUCCEDERA' MAI, proprio perche' aI Poteri Che Esistono (TPTB) fa troppa gioco avere un sistema di controllo dei paesi e delle masse.

      Chiedi a qualche Confindustriale quanto gli piace l'idea dell'anarchia.

      Elimina
  2. Tutto come descritto nel libro "sicari dell'economia" guarda il video su YT

    RispondiElimina
    Risposte
    1. conosco Johnny, conosco (e scrivete un cazzo di firma, che vi si distingua almeno!) ... pubblicato piu' volte su AF in passato

      Elimina
  3. Licenziamenti di massa e repressione in Argentina: a picco il consenso per Macri

    http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=5694&pg=14681

    RispondiElimina
  4. Zibordi:

    Bloomberg: "Wall Street è di nuovo al comando in Argentina"

    http://www.bloomberg.com/news/articles/2016-03-09/jpmorgan-and-deutsche-bank-boys-are-running-the-new-argentina

    (i nuovi ministri economici sono di JP Morgan)

    Wall Street Is in Charge in Argentina (Again)

    te lo dicono pure in faccia!

    che bello eh, Hiei & amichetti? Abbasso i socialisti! (e viva le corporations evidentemente, ma questo non lo dicono .. poi ti vengono pure ad insultare linkandoti un improbabile post su come sarebbero - anche - antiliberisti. tz. Beato chi ci crede)

    RispondiElimina
  5. [im]https://pbs.twimg.com/media/CgV4w7wWsAAZ447.jpg:large[/im]

    RispondiElimina