Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

lunedì 7 dicembre 2015

Guerre per il controllo geopolitico sulle risorse: petrolio e gas, gasdotti e loro percorsi attraverso la Siria

Avete visto questa intervista della CNN dell'altro giorno al Generale Clark ?





“Who controls the food supply controls the people. 
Who controls the energy can control whole continents. 
Who controls money can control the world.”

- Henry Kissinger
Chi controlla il cibo controlla la gente. 
Chi controlla l'energia puo' controllare interi continenti. 
Chi controlla il denaro puo' controllare il mondo. 


Wesley Clark, da Wiki in italiano:

Clark ha comandato l'Operazione Allied Force nella guerra del Kosovo, durante il suo mandato come Supreme Allied Commander Europe della NATO dal 1997 al 2000. 
Clark ha partecipato alle primarie per la nomination presidenziale del 2004 del Partito Democratico come candidato, dal 17 settembre 2003, ma si è ritirato dalle primarie l'11 febbraio 2004, dopo aver vinto le primarie nello Stato dell'Oklahoma, in seguito appoggiò il candidato democratico John Kerry. Clark attualmente è co-presidente di Growth Energy, una lobby sull'etanolo. (...) 

Interessante il fatto che ora avrebbe interessi nell'etanolo. Ad ogni modo, che dice? Dice - ovviamente la cosa e' passata totalmente in silenzio nei nostri media di massa, e' gia' un miracolo che abbiano passato le parole di Putin sugli interessi Turchi nel petrolio dello "Stato Islamico" - che (da L'Antidiplomatico):

"Cerchiamo di essere molto chiari: l'ISIS non è solo un'organizzazione terroristica, è un'organizzazione terroristica sunnita. Ciò significa che prende di mira gli sciiti. E questo significa che serve gli interessi della Turchia e dell'Arabia Saudita - anche se è una minaccia per loro "
(...) Quando gli è stato chiesto dal conduttore della CNN se le accuse del presidente russo Vladimir Putin alla Turchia - che starebbe "aiutando l'ISIS" - avessero qualche validità, ha risposto: "Tra tutti c'è sempre stata l'idea che la Turchia stesse sostenendo l'ISIS in qualche modo. Sappiamo che hanno permesso il transito di miliziani. C'è qualcuno che acquista il petrolio che l'ISIS vende; sembra che attraversi il confine turco ma i turchi non lo riconoscono".

Insomma, se per caso qualcuno avesse ancora dubbi sulla veridicita' delle parole del "delinquente" Putin (come se i nostri leader invece ...) 

Ma lo scopo del post non e' tanto come ISIS si finanzi col petrolio quanto ribadire ai tonti in ascolto lo scopo di tutte queste guerre che gli americani ci portano a fare, come cani al guinzaglio, da decenni a questa parte. Si, certamente c'e anche una questione di dominio globale, di accerchiamento che ristringe anno dopo anno attorno alla Russia, ma far finta di niente sul fattore risorse e in particolare su LA risorsa della nostra civilizzazione attuale, il PETROLIO, e' a dir poco ridicolo. 

Un po' di link e fatti che dovrebbero, spero, distruggere per sempre nelle vostre teste che si tratti di una "guerra di religione" o puttanate del genere (che essendo premesse falsate rendono ridicola e demente ogni discussione, televisiva o meno, su tutto l'argomento terrorismo e guerre "per portare la democrazia" che vedete in tv su ogni canale da settimane .. se non da decenni)


Zero Hedge - Turkey's Geopolitical Value



Gas distribution is a powerful motive behind the Syrian war. 
Avoiding dependence of gas coming from Russian is a top priority for the European Union

Dice l'autore del pezzo, e cioe': La distribuzione del gas e' una potente ragione della guerra in Siria. Evitare la dipendenza dal gas russo e' una priorita' per l'UE. 

A parte che evitare la dipendenza dalla Russia magari e' piu' una priorita' per gli USA che per noi, noi europei con la Russia e le sue risorse e le industrie dell'occidente potremmo davvero essere una realta' geopolitica potente .. la questione delle risorse energetiche ecco che salta fuori, se a cerchi anche solo un minino (penso al mio troll che appunto trollava che in Afghanistan ed in Syria non c'e' petrolio e quindi tutti i miei discorsi erano stronzate). 


The gas pipelines that would connect the Caucasus and Iran, and that are priority for the European Union are the following: 
- Nabucco and Transcaspia: It connects Azerbaijan with Eastern Europe, passing through Turkey. This gas pipeline exists, but Azerbaijan’s reserves are not enough to cover the energy demand of the European Union. 
The construction of the transoceanic gas pipeline through the Caspian Sea would connect the supply from Turkmenistan and Kazakhstan with Europe. These countries barely make up 3% of global gas exports.  

- Qatar-Saudi Arabia-Syria-Turkey: Qatar exports 11% of global gas. Building this gas pipeline will be a direct threat to Russia’s supremacy over the control of gas. 
Syria and Russia have been military allies since the Cold War. Furthermore, Syria’s government's circle of power is comprised of Alawites, a Shiite sect. Iran is not only the Shiite epicenter, but also provides military support to Syria. 
Turkey, Saudi Arabia, Qatar, the United States, the European Union and other Gulf countries have supported several rebel groups against the regime of Bashar al-Asad, indirectly contributing to the strengthening of the Islamic State within the region.  

- Islamic (Iran-Iraq-Syria-Lebanon): Iran has gas reserves comparable to Russia. 
Building a gas pipeline that goes through Iraq, Syria and Lebanon and ends in the Mediterranean is a diversification alternative for the European Union 
The motives for the United States and the European Union to lift the economic embargo on Iran lies in its strategic value. In turn, the country has been asked not to enrich nuclear power plants. 
After the fall of Saddam Hussein (Sunni dictator), and the withdrawal of the United States’ troops from Iraq, a power void was left in this mostly Shiite country. Said void allowed for Iran’s geopolitical expansion and the creation of the Islamic State as a reactionary Sunnite force to the Shiite expansion in the region.

Et voila', ecco la geopolitica delle risorse energetiche con nomi e cognomi, 3 progetti diversi di gasdotti da Iran e Mar Caspio che taglierebbero fuori la Russia dal resto d'Europa .. oppure no. Sta "robetta" qui, sti "dettagli insignificanti" qui.

L'autore del post qui citato apre con una frase di Henry Kissinger (noto benefattore americano):

“Who controls the food supply controls the people.
 
Who controls the energy can control whole continents. 
Who controls money can control the world.”

- Henry Kissinger

Chi controlla il cibo controlla la gente. 
Chi controlla l'energia puo' controllare interi continenti. 
Chi controlla il denaro puo' controllare il mondo. 

Ecco, stampatevelo bene in testa e magari capirete meglio cosa cavolo succede nel mondo. (altre fonti sulla frase di Kissinger QUI e QUI).

Non vi basta? Kissinger era troppo "statalista", i Tylers pure? (Daje a ride) .. Allora beccatevi Martin Armstrong e quello che scriveva pochi giorni fa:

Armstrong Economics - World War III & a Pipeline (la Terza Guerra Mondiale ed un gasdotto)
To understand what is really Behind the Curtain regarding the Middle East, ISIS, Turkey, and the USA strategic attempt to reduce Russia’s control over energy to Europe, we must start back in 2009 when Qatar proposed a pipeline plan to Assad to send its natural gas to Europe via Saudi Arabia, Syria and Jordan. 
Assad refused it and this has been the entire pretend reason why the Obama Administration wanted to invade Syria. 
The reason for the refusal was to protect the interests of Assad’s long-time ally, Russia, which is Europe’s biggest natural gas supplier based upon all the data. 
It was just one year after Qatar’s proposal, that Assad began negotiations for another pipeline plan with Iran, which would carry Iranian gas to Europe across Iraq and Syria. Russia endorsed this project since it would clearly have more control over gas flow rather that the US linked Qatar. This agreement would strategically place control of the gas flow to Europe in Russia’s hands. Consequently, the Iranian pipeline became a priority for Russia. 
Since Damascus and Moscow working together to block the Qatar pipeline and create the alternative Iranian pipeline, this created the seeds for World War III. 
Clearly, Obama has targeted Russia from the outset. There was a meeting between Obama and Putin at the United Nations where Putin tried to get Obama on side with Syria against ISIS. Obama rejected the proposal. (!!! Er) 
So when Russian forces entered Syria on the ECM Turning point to the day, this was a ominous event. Russia was not only backing the Assad regime, it was also backing the Iranian pipeline. 
Russia’s economy is mostly based on its energy exports. Putin occasionally threaten European countries with cutting off the energy supply and this has been the potential that has set in motion all this chaos. While Russia has the largest gas reserves in the world, the second is actually Iran. 
Even Turkey is also importing some of its energy from Russia, and some from Iran. It has been buying oil at a discount from ISIS. 
Therefore, with the construction of the Iranian pipeline via Iraq and Syria is completed, Europe’s dependence on Russia would continue. 
This was also why Obama was lifting sanction on Iran in an effort to break that alliance. Obama has been attempting to isolate Russia to prevent its control of the main energy market into Europe. 
This is why Russia is backing Syria, Iran and Iraq as well. Russia’s presence in Syria is aimed obviously at something more than merely supporting Assad. Russia is acting within its economic self-interest to maintain controlling its energy pipelines which also went through Ukraine. 
You have to understand what is going on behind the curtain to grasp the seriousness developing in Syria. 
The USA is way out of line. This attack on Syria is benefiting ISIS and then Turkey is buying cheap oil from ISIS funding the very rise of terrorism. 
The French journalist Nicolas Hénin who was a hostage of ISIS, has come out and stated that bombing Syria is benefiting ISIS. 
On this count, Putin is absolutely correct and the military policies of the Obama Administration are without any coherent objectives since removing Assad will hand Syria to ISIS.

... ecco perche' ogni commento deficente non verra' pubblicato, non ho ne tempo ne voglia di stare a debunkare ogni stronzata che uno sciocco voglia postare. E se non vi sentite ascoltati lamentatevi con la RAI e coi giornali che vanno avanti coi vostri soldi, non con me. O apritevi un vostro cazzo di blog, che e' ormai banale farlo. 

2 commenti:

  1. Bravo ER!
    Sei un faro tra le tenebre, specie per quelli come me che non capiscono l'inglese (sic!)

    RispondiElimina
  2. Siria, l'ultima grande guerra del Pipelinestan. Pepe Escobar

    "I suoi vasi sanguigni sono gli oleodotti e i gasdotti che attraversano i potenziali campi di battaglia imperiali del pianeta"

    La Siria è una guerra per l'energia. E il cuore della questione è una competizione geopolitica tra due gasdotti, è l'ultima guerra del Pipelinestan, il termine coniato da Pepe Escobar tempo fa "perché i suoi vasi sanguigni sono gli oleodotti e i gasdotti che attraversano i potenziali campi di battaglia imperiali del pianeta".

    Tutto è iniziato nel 2009, quando il Qatar ha proposto a Damasco la costruzione di un gasdotto che dal proprio campo "North Field"- contiguo con il campo South Pars, che appartiene all'Iran - attraversasse l'Arabia Saudita, la Giordania e la Siria fino alla Turchia, per rifornire l'UNIONE EUROPEA. (...)

    http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=13685

    RispondiElimina