Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 29 dicembre 2015

Durden: I Sauditi aumentano il prezzo del petrolio nel regno del 40% e smantellano lo stato sociale per poter continuare la loro guerra allo shale USA



I Tyler ci fanno notare ancora come il bilancio dell'Arabia Saudita e' sempre piu' sotto stress grazie alla loro politica di dumping del prezzo del petrolio (non tagliando le sovraproduzioni)...

Zero Hedge - Saudis Boost Gas Prices by 40%, Dismantle Welfare State To Wage War With U.S. Shale
Earlier today, we parsed Saudi Arabia’s budget report in order to determine if the kingdom’s fiscal nightmare was better or worse than market expectations.  
As it turns out, it was better. This year’s deficit is expected to come in at around 15-16% of GDP, considerably below the 20% some analysts feared. For 2016, it looks as though the number should be somewhere in the neighborhood of 13%, broadly in line with expectations.

.. ci si domandava se si fosse su un deficit del 15% o del 20% .. pare che sia "solo" del 15-16% .. e magari addirittura "solo" del 13% l'anno prossimo... 


Be that as it may, the Saudis are boxed in as long as they insist on, 
i) keeping oil prices depressed, 
ii) maintaining the riyal peg, and 
iii) holding subsidies steady. 
If something doesn’t give with at least one of those imperatives, then the kingdom will continue to burn through its SAMA reserves which fell by $12.55 billion in November from October. 

I Sauditi pajono autofregarsi se continuano a 


1) tenere i prezzi del petrolio depressi 
2) mantenere il peg del Rial col Dollaro della Fed  
3) mantenere i sussidi sociali ai propri cittadini ad alti livelli ed evitare nuove "primavere arabe" nel proprio regno

Almeno uno di questi punti deve cedere, non si puo' tirare cosi' tanto la corda senza conseguenze .. 

The problem is that deviating from any of the points outlined above has consequences. Allowing oil prices to rise risks putting uneconomic US production back online, dropping the riyal peg would be a significant black swan event for markets and would represent a landmark break with three decades of precedent, and easing up on the subsidies risks creating the type of social unrest that occurred elsewhere in the region during the Arab Spring.

Well it looks like when it came time to choose, the Saudis decided that the people will have to suffer because today, Saudi Arabia raised the price of domestic fuel by up to 40%.

And that’s not all.

Prices for gas, diesel, kerosene, water and electricity were also raised. (...) 
"The kingdom's finance ministry also said it was considering plans to raise charges on public services and apply value-added tax (VAT) in cooperation with other Gulf Arab nations," Mid East Eye notes, adding that "public revenues are the lowest since 2009, when oil prices dived as a result of the global financial crisis."

.. beh, pare che i democraticissimi e civilissimi principi abbiano fatto la loro scelta: I prezzi alla pompa in SA sono saliti di botto del 40%. E anche i prezzi di gas, diesel, kerosene, acqua ed elettricita' sono stati alzati. E poi si arrivera' a tagliare i servizi sociali, alzare le tariffe e aumentare l'IVA ... 

In bocca al lupo nella loro guerra economica contro lo shale USA e/o i russi. 



continua, leggi tutto QUI


Intanto si continuano a leggere previsioni di petrolio ancora piu' 'a buon mercato": 

Zero Hedge - Bank of Montreal Asks If "Oil Prices Could Collapse To $20"; Answers: "Yes"

Certamente questi prezzi dureranno almeno sino al XXII secolo (e' pieno di petrolio ovunque! non si sa dove metterlo! ;D ) ... ma intanto la gente corre a fare il pieno nell'(ex) Arabia Felix



7 commenti:

  1. Come avevo accennato altrove...
    non importa il costo di estrazione di un barile di petrolio, ma quanti Dollari si devono guadagnare per ognuno di essi per mantenere lo stato sociale nel Paese esportatore di petrolio.
    Se si guadagnano pochi soldi per ogni barile di petrolio, occorrerà diminuire il tenore di vita della popolazione del Paese esportatore di petrolio.
    Come lo si fà?
    Aumentando le tasse, aumentando i prezzi dei combustibili fossili, tagliando gli incentivi, ecc.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma qualcuno fa finta di non saperlo, tipo la IEA:

      http://ugobardi.blogspot.it/2015/12/world-energy-outlook-2015-prospettive.html

      grande articolo dello spagnolo Antonio Turiel sulle ultime, immaginifiche previsioni dell'International Energy Agency

      http://crashoil.blogspot.com.es/2015/11/world-energy-outlook-2015-decrecimiento.html

      DA LEGGERE !

      Elimina
  2. Il fatto che il parassitismo della corte dei monarchi medievali sauditi sia chiamato "stato sociale" glorifica quanto ho sempre detto sullo stato finora, se non ve ne siete accorti.

    Auguriamo ai sauditi che non debbano pure spendere soldi un giorno in riscaldamento, guarda in Messico come nevica!

    http://www.sciencedaily.com/videos/a5804b89da614900a27bc20ce2ced3cf.htm

    A seguire immagino dotta spiegazione su come sia colpa del riscaldamento globale (fermatosi secondo i dati satelittari NASA almeno 15 anni fa, val sempre la pena ricordare), assieme alle motivazioni per cui l'Arabia Saudita sta inguaiata a causa del picco del petrolio che ha mandato il barile a 30 dollari.

    La parola al dottore.

    RispondiElimina
  3. P.S.: Riposto il link sulle tempeste di neve in Messico solo perche' ogni tanto dopo l'ultimo aggiornamento il copiaincolla su Mozilla saltuariamente si comporta in modo anomalo:

    http://www.sciencedaily.com/videos/a5804b89da614900a27bc20ce2ced3cf.htm

    Canellare pure se era corretto il primo.

    RispondiElimina
  4. Azz, anche in California, terra di surfisti, record di freddo schiantati...

    http://www.prisonplanet.com/record-cold-temperatures-hit-la.html

    Dal riscaldamento globale non si salva nessuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la nuova era glacialeeeee! Arriva Scratch (?) e i suoi amici! :D

      https://www.youtube.com/watch?v=NYqWgLQj6hg

      Elimina
  5. E delle 3 opzioni in mano ai sauditi anche il peg col Dollaro della Fed pare scricchiolare:

    As Bloomberg reports, USDSAR 12-month forwards jumped 250pts (the most since December 2007) to 725bps (the highest level since March 1999) implying expectations of a looming de-pegged, devaluation. Perhaps just as worrying is this is the same pattern that played out in August as Yuan weakness sparked HIBOR stress, leading to SAR forward weakness and then US equity market collapse.

    http://www.zerohedge.com/news/2015-12-29/something-just-snapped-saudi-arabia

    RispondiElimina