Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 29 dicembre 2015

Codice Civile – Art. 1834 – Depositi di danaro

Da Il Grande Bluff:

... E’ ufficiale, anche se nei fatti lo è sempre stato, se una banca fallisce, dopo gli azionisti e gli obbligazionisti, a pagarne le conseguenze sono chiamati anche i clienti della banca che hanno depositato denaro sul c/c ... che gli azionisti rimettano il proprio capitale e gli obbligazionisti perdano il loro credito, è ineccepibile. Ma lo è altrettanto parlando dei soldi dei clienti ? Da un punto di vista etico no, da un punto di vista tecnico si. Ecco perché.

Quando si depositano dei soldi in banca in realtà si sta facendo un prestito.  Infatti si percepiscono interessi, altrimenti bisognerebbe pagare un costo di deposito.  Ma è facile l’inganno in quanto il codice civile (almeno in Italia) si esprime male:

Codice Civile – Art. 1834 – Depositi di danaro 
Nei depositi di una somma di danaro presso una banca, questa ne acquista la proprietà ed è obbligata a restituirla nella stessa specie monetaria, alla scadenza del termine convenuto ovvero a richiesta del depositante, con l’osservanza del periodo di preavviso stabilito dalle parti o dagli usi. 
Salvo patto contrario, i versamenti e i prelevamenti si eseguono alla sede della banca presso la quale si è costituito il rapporto.

Si parla di “deposito” ma poi si dice che la banca “ne acquista la proprietà”, ecco che allora è un prestito, e il cliente non è un depositante, ma un mutuatario. In sostanza un creditore, e in caso di fallimento della banca potrebbe perdere i suoi soldi....


leggi tutto da Stefano Bassi


E beati poi quelli che credono addirittura che le banche tengano i loro soldi, CASH,  TUTTI, dentro una cassaforte :D ...

6 commenti:

  1. A proposito di banche... guarda un po'...

    http://www.corriere.it/economia/15_dicembre_29/etruria-lingotti-l-oro-consigliato-clienti-0f70bade-adfc-11e5-a515-a44ff66ae502.shtml

    Pig

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cazzo, e' vero! Grande Pig!

      Banca Etruria era una di quelle che consigliava l'oro! Me l'ero dimenticata!

      Infatti quello che si e' suicidato, Luigi o Luigino, avevo sentito da qualche parte che aveva cercato almeno di entrare in possesso di un suo ligottino d'oro (che evidentemente la banca spacciava ma poi s elo teneva lei! ;D) .. sarebbe da indagare e farci un post

      Elimina
  2. Pensa che ci sono matti in giro che credono che quella carta straccia abbia davvero valore in quanto lo dice lo stato! O che lo stato poi li tuteli! Roba da non credere, davvero! Che mondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando uno vive di stato tende ad essere un po' miope sui sui tanti problemucci .. ma non solo loro hanno questo tipo di fede cieca (e ignoranza storica)

      Elimina
  3. yeah

    "deposito" è prestito
    la federal reserve non è "federale"
    e Bankitalia non è pubblica
    e gli "onorevoli" non lo sono

    questione di che etichetta ci piazzi sopra, e vendi qualsiasi cosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io so' Er Monnezza ... ma profumo di violette ;D

      Elimina