Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 24 novembre 2015

Ranucci (Report): E' tutto oro quello che luccica?



Dalla prefazione del sito Rai, dove trovate anche il video di questa parte della puntata di Report dell'altro giorno:


Ci siamo imbattuti per caso nel mondo dorato della Gsg Evolution, acronimo della Gold Sweet Gold, una società che ha i manager che vivono a Verona e che si occupano di fare formazione su piani di investimento in oro. 
Gira da due anni gli alberghi di tutta Italia e, nel corso di presentazioni effettuate rigorosamente a numero chiuso, informa i risparmiatori italiani sulla convenienza a investire in oro e nei preziosi di una società tedesca di nome Auvesta, di cui la stessa Gsg è partner. 
Il sistema di investimento di cui parlano è questo: il risparmiatore investe i suoi risparmi versandoli su un conto della banca di Trento e Bolzano del gruppo Intesa.  
Auvesta poi prende i soldi e li porta in Germania e li trasforma in lingottini, che vengono stipati in un caveau e secondo i promotori non sarebbero aggredibili dal fisco italiano.  
Grazie ai promoter Auvesta ha già raccolto decine di milioni tra i risparmiatori. Ma è tutto oro quello che luccica?


Il report parte con un'intervista a responsabili della Italpreziosi. Interessante. Diverse leggere imprecisioni del Ranucci, ma accettabili, si vede che non e' un metallaro e riferisce un po' liberamente cose che ha sentito dire. Per esempio "L'oro e' preziosi perche' non si piu' riprodurre artificialmente"... perche', il rame lo riproduci artificialmente? e il piombo? e il Berillio? e il Cadmio? ... chi lo compra finisce magari la frase con "dalle banche centrali, che invece col denaro fiat fanno quello che gli pare". Comunque... aspetto con ansia una puntata di Report su come sono nate le banche centrali e a chi rispondono, chi sono i loro azionisti e cosi' via. Temo che dovro' aspettare a lungo (per sempre). 

Bellissima invece la domanda che si fa il Ranucci: "Ma com'e' che sull'oro non si paga l'IVA?" (dal 2000 se non erro. La risposta dell'intervistata "la trasparenza" direi che fa ridere). Beh, devo dire che me lo domando anch'io da sempre, una specie di rumore di fondo troppo poco ascoltato. Prima, in molti paesi del mondo, non era magari neanche possibile possedere oro (vedi Cina, anche li se non erro si parla di dal 2000, anno in cui, sempre da controllare, fu accettata nella World Trade Organization) ... la domanda non e' per un cazzo peregrina. Potrei provare a da dire che i poteri del mondo decisero che era ora di sperimentare il potere vero delle loro valute fiat, lasciano libero l'oro, ma mi convince poco .. voi che dite, chi ha vinto fra fiat ed oro? Da 300 agli attuali 1070 dollari l'oncia (passando da 1900) non mi pare che deponga tanto a sfavore dell'oro ... ... un altra cosa che invece mi ronza nella testa da sempre e' che abbiano voluto lasciare alla gente l'illusione di poter contare sull'oro, tanto, se dovesse buttare male, potranno sempre confiscarlo, 1933 style. Time will tell. 

Tornano al video direi che per quel che mi risulta si dicono cose mai sentite prima (e si che ho seguito un po' il settore negli ultimi anni): Le banche centrali si sarebbero prefissate l'obiettivo di avere in oro almeno il 20% delle loro riserve. Ma dove l'ha sentita questa, il Ranucci? Se cercate i dati del World Gold Council ..


.. vedete che ogni stato ha in oro percentuali diversissime delle proprie riserve valutarie (il che, gia' di per se, dimostrerebbe che l'oro e' perlomeno ANCHE una valuta). Seconda colonna: UK 11%, Svezia 8%, BCE 27%, Italia 66%, USA 72%, Cina 1%.

Prosegue a dire cose che a me non risultano anche la signora tutta chic (al minuto 2:30), dice che attualmente al mondo si stima che l'oro esistente (cioe' tutto quello estratto dalle rocce/fiumi/ecc dall'alba dei tempi ad oggi) ammonti a 50.000 tonnellate (ragion per cui se la ride che la Cina arrivi al 20% delle sue riserve in oro, gliene servirebbero altre 30.000 tonnellate, dice): a me risulta invece che la cifra ammonti alle 165.000 tonnellate. Ed era un conteggio che fece uno studioso tedesco diversi anni fa ormai, e visto che ora che siamo al picco ne vengono prodotte circa 3000 tonnellate scarse l'anno saremo probabilmente sulle 170-180.000 tonnellate di oro in "superficie". Ovviamente sono numeri con una grossissima alea, stime. Ma tutte le volte che ne ho letto negli ultimi 5 anni almeno ho letto le cifre che ho dato, non quelle della signora (che magari si trova meglio ad offrire cocktails ai clienti della Italpreziosi) 

A parte le imprecisioni di cui sopra comunque, il video e' su questa AuVesta e chi ne fa uso. Non so quanto ci sia da fidarsi di loro o di Ranucci, non sono certo di aver avvistato dei crimini anche se il video lascia intendere che sia tutta una cosa loschissima.. e in parte lo sara' anche, di gente senza scrupoli che magari i suoi "risparmi" li ha rubati ce ne sara' tanta. Vedremo se Report aggiornera' la storia in futuro (se ne sentite scrivetelo in un commento, non guardo sempre la Gabanelli). 

Il mio consiglio e' sempre stato rivolto ai risparmiatori veri, non a chi deve nascondere milioni, magari di dubbia provenienza. Il mio sito e' nato per gente normale che non ci sta a farsi fregare da banche e denaro fiat, che vuole proteggere i suoi risparmi, risparmi veri. Ed ho sempre detto di avere il metallo nelle proprie disponibilita', fisico, non in caveau in CH o in ETF che dicono di essere basati su metallo fisico. 


Molto interessante piuttosto il video precedente della stessa puntata, sui Money Transfer, altro che BitCoin!

1 commento:

  1. hahahahaah "non vedendo la tv per fortuna che ci sei tu" hahhaha

    foibar

    RispondiElimina