Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 8 novembre 2015

Robocop e la bandiera della OCP


In questi giorni danno (incredibilmente?) i film della breve serie di Robocop (uno spin off dai fumetti ante litteram rispetto al trend di questi ultimi anni visto che il secondo della serie e' del 1990. 

Non m'e' mai piaciuto troppo pero' bisogna dire che e' uno di quei rari casi di un regista che aveva inquadrato benissimo la situazione storica gia' 25 anni fa, nell'era di Reagan e Thatcher e con URSS appena crollata. Municipio di Detroit al fallimento, citta' allo sbando, una collezione di edifici fatiscenti e fabbriche abbandonate (le prime ferite della globalizzazione sulla carne americana?), un'uomo coperto, invaso da elettronica e "direttive" da obbedire .. il CEO di una Multinazionale che in Robocop II arriva a dire in tv che e' ora di abolire il municipio, sede solo di inefficienza e corruzione (e socialismo). 

E meravigliosa la bandiera dalla Multinazionale OCP. Ricorda niente? 

PS: Carina anche questa foto che ho trovato in rete:


.. qualcuno l'ha completata con Seven Sisters (Sette Sorelle) ... aah! che complottista che sono! Giacobbo mi fa un baffo! Lo sanno tutti che gli USA e il loro esercito sono il baluardo del Mondo Libero .. questa l'ho appena sentita a Skytg24, dove definivano Potus (il presidente USA) come "il comandante in capo del mondo libero" ... senza vergogna. E tutti a beccare, tutta la vita. E io sono un complottista.  

Nessun commento:

Posta un commento