Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 1 novembre 2015

Durden: Altre 20 tonnellate d'oro ritirate dalla Fed ad ottobre. Dal 2014 siamo a - 276 tonnellate (and counting)


Altri ritiri di oro fisico straniero alla Fed di New York ad ottobre, una ventina di tonnellate. Ovviamente vige sempre il solito regime di segretezza ed omerta' su cose che, mi pare, dovrebbero essere di pubblico dominio per definizione visto che si tratta dell'oro di qualche banca centrale di stati sovrani europei probabilmente (la Germania?). Non dico di dire il giorno e l'ora del trasloco dei lingotti e il numero dell'aereo che li trasporta, ma .. ; D


First it was Germany who redeemed 120 tons of physical gold in 2014; then it was the Netherlands who "secretly" redomiciled 122 tons of gold; then this past May, we learned that Austria would be the third "core" European nation to repatriate most of its offshore gold, held primarily in the Bank of England, redepositing it in Vienna and Switzerland.

Thanks to the latest NY Fed data released yesterday, we now know that beginning in 2014 and continuing through yesterday, the gold "bleeding" from the vault located 90 feet below street level at 33 Liberty Street (and which may or may not be connected by a tunnel to the JPM gold vault located just across the street at 1 Chase Manhattan Plaza) is not only continuing but accelerating. 
As the chart below shows, while central banks assure the population that there is nothing to worry about when it comes to paper money, and in fact it is the evil ISIS terrorists who plot and scheme to crush the benevolent Fed with their terroristy "gold dinars" and if not that then their made in Hollywood propaganda movies, they have been quietly pulling gold from the biggest centralized depository of global gold in the world: the New York Federal Reserve. (...)


Il post dei Tylers continua presentando anche un interessante grafico dell'andamento dell'oro in possesso di Treasury e Fed nella prima meta' del XX secolo, compresa la nazionalizzazione dell'oro dei cittadini USA (solo quello monetario, niente giojelli e numismatica) del 1933: come vedete fu solo poca roba, il grosso venne accumulato poco prima, durante e subito dopo la II Guerra Mondiale (!) ... si sa che gli USA si arricchirono parecchio durante tutta la I GM (in cui entrarono solo alla fine .. e sarebbe una storia molto educativa da raccontare anche quella) e anche durante la seconda, vedendo di tutto a tutti ... 

Insomma, a parte le digressioni storiche, continua la grande fiducia delle banche centrali del mondo le une nelle altre (e specie nei confronti di Fed e BoE), e dopo aver smesso di essere venditrici di oro una decina di anni fa hanno preso in parecchi casi ad accumularne sempre di piu' (Cina e Russia su tutte). 

Sono tendenze storiche su cui bisognerebbe alzare le antenne, direi. 

Nessun commento:

Posta un commento