Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

mercoledì 28 ottobre 2015

Oro e Argento di nuovo SOTTO le relative 200gg MA

Immagine da Mining

Secondo Jesse quello di oggi, con la pantomima della Fed che dice che alzera' i tassi (mabbasta! non se ne puo' piu', e' un anno almeno che pare che tutto il mondo giri solo attorno a sta cazzo di decisione, di facciata poi, piu' che altro, se si tratta di un quarto di punto percentuale!) e' stato il piu' classico dei Pump'n'Dump, pompa e smolla: 

Today was a classic. It was like tuning in to an old Milton Berle show and hearing all the familiar jokes, pratfalls, and goofy faces. 
Gold came in steady, near to unchanged from yesterday's close. It was roughly the same for silver. 
Both precious metals were jammed higher for no particular reason in the early morning trade in NY, late London. 
And both were smacked lower on the 'hawkish' FOMC statement, although stocks were having none of it, not one bit. 
The reason for the metals smack can be attributed to their pricing in the dollar cross, as the dollar caught a bid. Not surprising since most of the developed world is busy cutting rates and trying to devalue for the sake of their economies, and the Fed is talking recovery, even though there really isn't any sustainable recovery evident just about anywhere.
Prima tutto piatto, poi, ore prima del "verdetto" del FOMC, la salita di oro e argento, come a preparare il piattino di merda che si stava preparando e nell'istante in cui la Fed ha detto che NON (si noti, NON) alzera' i tassi: BUUUM! 

Bello, complimenti. 

A parte la tragicommedia della Fed che ora, facendo un cazzo, passa per "falco" perche' blatera di ripresa USA non malaccio e che prima o poi alzera' i tassi, magari addirittura, squillo di trombe, prima di capodanno (oooooooh! emoziooone) alla fine l'oro e' ora una decina di dollari sotto il livello di jeri (anche se su quota date da alcuni come "critiche, 1155-1158) e l'argento piu' o meno dov'era prima. Peccato perche' la salitina dell'argento sino i 15,30 circa era carina, sembrava un breakout, finalmente, di questa palude sui 15 che dura ormai da un mese (come un anno fa preciso, fra l'altro). 

Un po' tutte le commodities sono state martellate ... e intanto il Nasdaq e' di nuovo a quasi massimi storici e la botta di un mesetto o due fa e' stata tutta riassorbita (grazie al cazzo, con tutte le banche centrali del mondo "sviluppato" che creano denaro dal nulla e lo danno alla finanza per giocarci alle bische di tutto il mondo!) .. facciamogli una foto



.. comincio a credere che non crolleranno mai questi mercati, perche' dovrebbero? DOW a 40.000 e Nasdaq a 15.000, here we come!

Oggi poi il Dollaro ha fatto una corsona grazie alla Fed (e a tutte le palle di "dichiarazione hawkish")





QUI Jesse analizza brevemente cosa significa un Dollaro forte:
About the last thing that the real economy needs is a truly stronger dollar. And I do not believe that most of the FOMC members would wish for that, but with the rest of the developed world seeming to ease, and some aggressively so, it is a difficult position for them to manage with credibility. 
L'ultima cosa che serve all'economia americana e' un Dollaro veramente forte
The primary beneficiaries of a strong dollar policy are the big holders of dollars who can use them to buy up attractive foreign assets more cheaply, and the holders of dollar denominated debt.
Chi beneficia di un Dollaro forte sono chi ha un sacco di Dollari e li puo' usare quindi per comprarsi roba in giro per il mondo a sconto, e chi ha debito denominato in Dollari (e negli ultimi anni e' esplosa anche l'emissione di debito in dollari da parte degli EM, dei Mercati Emergenti... e' parte de gran maccarone globbbale che si e' sviluppato quest'anno con gli emergenti, fughe di capitali da quei paesi, crolli, svalutazioni delle loro divise...  
It be roughly said to be a policy that sets Main Street versus Wall Street, although the courtiers of the moneyed interests will proclaim the benefits of even more cheaper imports. Too bad the public has little spare income with which to purchase them. 
But that is a tradeoff that in the short term also benefits Big Money with little domestic wage pressure as more people have less employment prospects.
In pratica e' Main Street contro Wall Street (la gente e l'economia reale contro la finanza). I cortigiani del potere e della finanza te la meneranno che e' bellissimo perche' compriamo il petrolio a meno, le commodities a meno, gli import sono piu' economici ... peccato che la gente non abbia soldi da spendere in tutte ste belle cose

La solita storia, la storia delle nostre vite in questo mondo globalizzato ed iperfinanziarizzato di questi ultimi 2 decenni (piu' o meno a partire da Reagan, Thatcher e dalla caduta del blocco sovietico?) 

Post dei Tylers sul FOMC di oggi e le sue uscite "da faaaaalco" QUI, QUI e QUI.





Nessun commento:

Posta un commento