Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 4 ottobre 2015

Durden: La "ripresa" medievale continua: più 21.000 camerieri/e e meno 9.000 posti di lavoro nel manifatturiero a settembre

Piccola analisi sui dati (pessimi) sull'occupazione USA (che hanno fatto schizzare in alto oro e argento venerdì .. mentre anche le borse americane facevano uno dei rally più importanti da parecchio tempo: Bad news are good news again, pare, e ormai ci credono in pochi nel rate hike della Fed entro fine anno). 

In uno dei diversi post sull'argomento che hanno come sempre prodotto i Tylers - The Feudal "Recovery" Continues: 21,000 Waiters Added; 9,000 Manufacturing Workers Lost (la "ripresa" medievale continua: più 21.000 camerieri/e e meno 9.000 posti di lavoro nel manifatturiero) - troviamo diverse grafiche molto più edificanti di un titolone su un giornale:




in rosso i posti di lavoro nel settore manifatturiero dal 2007 ad oggi. In verde Camerieri/e e baristi/e. Bella riperdano eh? D'altronde stupisce poco si ci pensi un attimo: se con la globalizzazione le multinazionali portano le loro fabbriche dove il lavoro costa un quinto se non un decimo che negli States (o nella "ricca" Europa se e' per questo) ... 

E cosa puo' restare nei "paesi sviluppati"? tutto quello che non puoi portare in Cina, Vietnam o Birmania: camerieri, baristi, ristoranti, commessi/e .. quelli per forza devono restare nel "primo mondo" (finche' ci sono ancora soldi in giro) 

Per essere più trasparenti ecco il dettaglio: 



vedete, nuovi posti di lavoro nell'ospitalita', bar, ristoranti, hotel, seguiti da educazione e salute, servizi, governo, vendite al dettaglio ... in negativo industrie minerarie e manifatture. 

E che tipo di lavori sono? Da un altro post dei Tylers



A settembre -185.000 posti a tempo pieno e +53.000 a part time. 

E chi e' che trova lavoro negli States in questi anni di "ripresa"? 



Dal 2007, dallo scoppio della più grossa crisi finanziaria da parecchio tempo a questa parte (per ora) negli States hanno trovato lavoro 2.118.000 stranieri, immigrati contro 528.000 americani di vecchia data. 

Riassumendo si potrebbe dire che questa "ripresa" e' fatta di lavori mediocri, a tempo determinato e/o part time in settori per lo più di basso livello, e all'80% ha "beneficiato" (un posto di lavoro da schiavo non so fino a che punto si possa chiamare beneficio) immigrati dell'ultim'ora (per lo più dall'America Latina immagino) piuttosto che i cittadini americani. Fantastico no?

Nessun commento:

Posta un commento