Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 4 ottobre 2015

Durden: I bombardamenti di un fedele alleato degli USA hanno ammazzato 500 bambini da marzo ad oggi

Sana'a, la mitica capitale yemenita, la "Venezia del deserto". Immagine: UNESCO

Scusate, non c'entra un cazzo con l'oro, l'argento, la moneta e le commodities in generale (beh, forse no, con una commodity nera ed oleosa su cui e' fondata tutta la nostra civilizzazione attuale forse c'entra) ma vedere la parzialità dei media italiani mi fa venire una gran voglia quanto meno di ribattere e ristabilire un minimo di equilibrio. 

Si parla QUI di quei soliti bravi ragazzi dei sauditi (erano sauditi, fra l'altro, anche la maggioranza degli attentatori dell'11 settembre 2001. Curioso no? Poi Bush prese a bombardare l'Arabia Saudita infatti ...) 

According to UNICEF, the ongoing attacks by a U.S.-backed, Saudi Arabian-led coalition in Yemen have resulted in the deaths of at least 505 children since March 26, 2015. Another 710 have been left injured, and 1.7 million are at risk of malnutrition. As Daniel Johnson with the U.N. pointed out, the grievous numbers are equivalent to eight children killed or maimed in Yemen every day for six months. 
On Monday, a missile from a Saudi-led airstrike struck a Yemeni wedding reception in the village of Al-Wahijah, located near the Red Sea. The explosion resulted in 131 deaths, and the incident is being labeled as one of the deadliest attacks on civilians during the six-month conflict. 
In total, there have been 7,217 civilian casualties, including 2,355 killed and 4,862 wounded in the six months since the fighting beganaccording to the United Nations. 
Despite these statistics, the Minister for Foreign Affairs of Saudi Arabia  while addressing the United Nations General Assembly on Thursday evening  had the audacity to scold the international community’s inability to end the bloodshed in Syria. Abdel Ahmed Al-Jubeir hypocritically stated that the world has been “unable to save the Syrian people from the killing machine that is being operated by Bashar al-Assad.”

Supportata dagli Stati Uniti la coalizione Saudita ha ammazzato 505 bambini, sinora, feriti 710 e lasciati alla fame e alla malnutrizione altri 1.700.000. Lo dicono le Nazioni unite stesse

I civili colpiti sarebbero in totale più di 7.000, 2.355 ammazzati e quasi 5.000 feriti/storpiati/ecc.

I sauditi intervengono alle Nazioni Unte per invocare che venga fermato Assad e salvata la popolazione in Syria. (della serie: la faccia come il culo)

Ovviamente non credo che vedrete le conduttrici dei nostri tg, tutti, piangere per i bambini yemeniti. O almeno, sicuramente, non come lo fanno ormai da mesi per quelli siriani. Non tutte le vittime di guerra sono create uguali .. alcune sono mooolto più uguali (anche se poi, magari, nemmeno esistono)

9 commenti:

  1. invece centra eccome perchè questi paesi hanno ancora la banca centrale con la riserva aurea, o abbiamo dimenticato l'ucraina alla quale gli usa hanno scippato 140 tonn. di oro come vi hanno messo piede?

    T.S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D ... beh, si .. in effetti TUTTO e' connesso. Solo gli sciocchi devono mettere le cose in cassetti mentali separati e magari a tenuta idraulica, a compartimenti stagni ;)

      Elimina
  2. L'Arabia Saudita ha appena forzato le Nazioni Unite a far finta di niente sullo Yemen:

    GENEVA — In a U-turn at the United Nations Human Rights Council, Western governments dropped plans Wednesday for an international inquiry into human rights violations by all parties in the war in Yemen that has killed thousands of civilians in the last six months.

    The change of direction came as the Netherlands withdrew the draft of a resolution it had prepared with support from a group of mainly Western countries that instructed the United Nations high commissioner for human rights to send experts to Yemen to investigate the conduct of the war.

    That proposal was a follow-up to recommendations by the commissioner, Zeid Ra’ad al-Hussein, who detailed in a report this month the heavy civilian loss of life inflicted not only by the relentless airstrikes of the military coalition led by Saudi Arabia but also by the indiscriminate shelling carried out by Houthi rebels.

    But in the face of stiff resistance from Saudi Arabia and its coalition partners, and to the dismay of human rights groups, Western governments have accepted a resolution based on a Saudi text that lacks any reference to an independent, international inquiry.

    “The result is a lost opportunity for the council and a huge victory for Saudi Arabia, protecting it from scrutiny over laws of war violations which will probably continue to be committed in Yemen,” said Philippe Dam, deputy director of Human Rights Watch in Geneva.

    http://mobile.nytimes.com/2015/10/01/world/middleeast/western-nations-drop-push-for-un-inquiry-into-yemen-conflict.html?smid=tw-share&_r=2&referer=http://t.co/OtLlehA9OH

    eh si, i morti ammazzati non sono creati uguali

    RispondiElimina
  3. http://www.washingtonsblog.com/2015/10/putin-has-just-put-an-end-to-the-wolfowitz-doctrine.html

    dichiarazione del gen Wesley Clark che riporta una affermazione di Paul Wolfowitz (del 1991)

    il "buon" wolfo parla di zioSam che bombarda serenamente l'Iraq
    (atto di per se criminale e ovviamente fuori da ogni diritto internazionale)
    "semplicemente" perché la Russia non ha potuto/voluto fermarli

    c'è inoltre gia il progetto di far fuori la Siria....

    "we should have gotten rid of Saddam Hussein, and we didn’t … But one thing we did learn [from the Persian Gulf War] is that we can use our military in the region – in the Middle East – and the Soviets won’t stop us. And we’ve got about 5 or 10 years to clean up those old Soviet client regimes – Syria, Iran, Iraq – before the next great superpower comes on to challenge us.”

    il DIRITTO (internazionale) NON ESISTE
    esistono (eccome, invece) i RAPPORTI DI FORZA

    il 100% dei dibattiti parlamentari e televisivi/mediatici sono ARIA FRITTA,
    panegirici intorno a fantomatici inapplicabili "politiche"
    NON PERDETE TEMPO ad ascoltare ste stronzate

    ha, invece MOLTO SENSO studiare le forze in campo
    e i loro punti deboli

    RispondiElimina
  4. Ormai se ne accorgono anche a sinistra:

    DISCORSO ORWELLIANO DI BARACK OBAMA ALL’ONU: “DEMOCRAZIA” È CHI APPOGGIA GLI STATI UNITI
    http://vocidallestero.it/2015/10/05/discorso-orwelliano-di-barack-obama-allonu-democrazia-e-chi-appoggia-gli-stati-uniti/

    CounterPunch pubblica un articolo al vetriolo contro Barack Obama, il minaccioso (perché in fondo minacciato) presidente americano, che tuona contro tutti i paesi che non si conformano all’unica visione del mondo consentita: quella statunitense, cioè tutti coloro che non si sottomettono all’egida militare della NATO e a quella economica del Washington Consensus e del Fondo Monetario Internazionale. Il fatto che gli stessi Stati Uniti abbiano fino ad oggi sostenuto regimi tutt’altro che “democratici” in giro per il mondo, sembra trascurato dal presidente Obama.


    eh gia' ... come diceva Bagnai? Obama: il ragazzo immagine del complesso industriale-militare americano
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E assieme a Hollande bombardiere di Siria e Libia e Mali ecc. questi erano le fulgide promesse del socialismo moderno, anvedi.

      Elimina
    2. si, ma sei monomaniaco, vedi il socialismo ovunque. curioso visto che viviamo in decenni che hanno visto avanzare ovunque il potere di elite, banche, multinazionali e ricchi sempre più ricchi.

      cheppalle i tuoi commenti e cheppalle dovere tutte le volte ribattere ... zzzzz....

      Elimina
  5. Se un muro lo fanno gli ungheresi tutti a puntare il dito e urlare, se lo fanno i sauditi silenzio stampa TOTALE .. e se lo fanno gli Estoni contro i Russi.. beh, e' una cosa bellissima, tecnologica, giusta, fica ...

    " Non è più - aggiunge ancora il primo ministro - il Muro di Berlino (si tratterà peraltro di una recinzione alta forse due metri): qui si potrà passare il confine, ma non lo si potrà fare di nascosto, sapremo chi entra e chi esce. E bisognerà avere i documenti in regola». "

    di Michele Pignatelli - Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/ZHNhDX

    RispondiElimina
  6. Gli americani stupiti dalla potenza militare mostrata dai russi in Syria?

    Il “Kalibr” ha stupefatto il Pentagono. Usa ritirano la portaerei
    Di Maurizio Blondet 10 ottobre 2015

    http://www.maurizioblondet.it/il-kalibr-ha-stupefatto-il-pentagono-usa-ritirano-la-portaerei/

    RispondiElimina