Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

mercoledì 7 ottobre 2015

Durden: Asta brasiliana per concessioni petrolifere offshore va quasi deserta


Ma quant'e' ridotto ai minimi termini il sentiment sulle commodities e l'energia (e i soldi per fare investimenti, ricerca, sviluppo e quant'altro e' indispensabile per non trovarsi in braghe di tela fra qualche anno)?

Brazil, which is caught in a vicious recessionary spiral which is only set to get much worse before it gets better, tried to obtain some much needed cash when earlier today it conducted an auction to sell exploration rights for of its oil and gas. It was, in short,  a disaster.
 
According to Reuters, by midday Brazil had only sold 17 of 119 blocks offered. Companies made no bids at all for blocks offered in four of six basins, including areas in the prolific Campos Basin, Brazil's top producing region, and the offshore Camamu-Almada and Espirito Santo basins. Worse, the auction sold just 2 of the 10 blocks for sale in the Sergipe-Alagaos basin, which had been expected to be one of the most fiercely contested. The winning bidders had no competition.

Belle notizie per un Brasile sempre più nella merda, col Real sempre più debole, le commodities che esporta ai minimi da una generazione .. in bocca al lupo cari carioca! 

3 commenti:

  1. Il miracolo shale in California, la formazione Monterey nel San Joaquin Basin, si è appena preso un’altra batosta dopo il downgrade del 96% dell‘anno scorso.

    In maggio 2014 ho scritto che le “recoverable resources” sono state diminuite del 96% da 13.7 miliardi di barili a soli 600 milioni.

    E ora arriva la notizia che l’USGS riduce ancora le aspettative a 21 milioni di barili di petrolio, o di altri -96%.

    Mentre prima si diceva che il petrolio ci fosse, ed era solo questione di tecnologia immatura (non di livello del prezzo), ora invece pare che hanno cambiato idea proprio sulla geologia. Il petrolio non c’é più, è migrato via dalla roccia madre, e qualsiasi pozzo esplorativo non troverebbe nulla.

    Insomma, il caso non tanto insolito di stime stellari al momento della ricerca di finanziamenti. Che poi vengono ridemensionate – le stime, non i finanziamenti.

    http://osservamondo.com/2015/10/08/shale-in-california-unaltro-96/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Della serie:
      si prendono in giro a vicenda per spolparsi come animali.
      Nel 2000/2001, al tempo delle bolle dotcom, c'era un'azienda che voleva quotarsi in borsa per incassare un sacco di soldi a spese dei fessi che credevano alle loro previsioni.
      Avevano fatturato 360.000 euro nell'anno corrente; prevedevano di fatturarne 3,6 Milioni nel successivo (10 volte di più, +1000%) e di fatturarne 33 Milioni nel successivo ancora (+900% rispetto al precedente).
      Cioé, l'azienda prevedeva di moltiplicare per 90 volte il fatturato in 2 anni!!!

      Per fortuna, nel frattempo scoppiarono le bolle dotcom e tale azienda non riuscì neanche ad arrivare a fine anno, e chiuse per fallimento! (ma come?... con una prospettiva di moltiplicare il fatturato di 90 volte, sono caduti in disgrazia?!
      Della serie: sono tutti lupi che aspettano di sbranare il popolo pecorone.

      Elimina
    2. aaaand its gooone!.....

      "sparisce" anche lo shale...

      http://osservamondo.com/2015/10/08/shale-in-california-unaltro-96/

      Shale in California, un’altro -96%

      Il miracolo shale in California, la formazione Monterey nel San Joaquin Basin, si è appena preso un’altra batosta dopo il downgrade del 96% dell‘anno scorso.

      In maggio 2014 ho scritto che le “recoverable resources” sono state diminuite del 96% da 13.7 miliardi di barili a soli 600 milioni.

      E ora arriva la notizia che l’USGS riduce ancora le aspettative a 21 milioni di barili di petrolio, o di altri -96%.

      Mentre prima si diceva che il petrolio ci fosse, ed era solo questione di tecnologia immatura (non di livello del prezzo), ora invece pare che hanno cambiato idea proprio sulla geologia. Il petrolio non c’é più, è migrato via dalla roccia madre, e qualsiasi pozzo esplorativo non troverebbe nulla.

      Insomma, il caso non tanto insolito di stime stellari al momento della ricerca di finanziamenti. Che poi vengono ridemensionate – le stime, non i finanziamenti.

      Elimina