Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

venerdì 23 ottobre 2015

Debito Pubblico italiano al 136% del PIL

Il debito pubblico italiano sale al 136% nel secondo trimestre 2015, e arriva a 2,204 miliardi. 
(...) Il debito italiano era al 135,3% nel primo trimestre del 2015 e al 134,5% nel secondo del 2014. Il 2,7% del debito e' costituito dai prestiti fatti verso i paesi dell'eurozona in difficolta'.
leggi altri interessanti dati sul sito ANSA

Notare che la grafica qui sopra finiva al 2012 e si era ai massimi di sempre (per allora) del 126% ... ma va tutto benone, "siamo in pole position nel gran premio della ripresa" (questa resterà nei libri di storia - e di satira - per quanto mi riguarda) .. il futuro e' miele! Don't worry, be happy!

Ma tanto checcefrega? Ora e' chi ce l'ha che paga un interesse allo stato per il privilegio di tenere i suoi pagherò :)

8 commenti:

  1. In due minuti di quanto hanno buttato giù il nostro metallo preferito, oggi ??
    Gianluca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci han dato giu' pesante venerdi', specie sull'argento ... senza effetti eccezionali pero'

      Bah! Ormai sono "al di la del bene e del male": se scende compro del fisico, se sale guadagno coi miners.. mi pare di vincere sempre :D

      Elimina
  2. Non ho capito bene il tuo commento finale..chi sarebbe quello che paga?

    http://www.comedonchisciotte.org/site//modules.php?name=News&file=article&sid=12426&mode=thread&order=0&thold=0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era sarcasmo. Mi veniva in mente Bassi che ora dice chi non fa debiti in questo "ambiente" e' un pirla (ora sta rilanciando, col suo vecchio amico Barrai l'idea di investire inumi palazzo in Italia, grazie ai tassi bassi dei mutui garantiti da Draghi) ... sono rimasto colpito dalla facilita' con cui Bassi e' diventato Renzie-fan dal tramonto all'alba e come ora pare che "fallitalia" non sia più così fallita (almeno nel breve) ...

      Elimina
  3. Barrai e Bassi sono amici, ma avevano linee di pensiero diverse.

    Ora Bassi sta migrando sulle idee di Barrai, ha colpito anche me la velocità di tale migrazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah, mi fa piacere non essere il solo ad essere rimasto un tantinello colpito : )

      Elimina
  4. Beh se considerate che le piccole aziende campano per lo piu' sul nero (i guadagni in fattura servono a pagare le spese e le tasse) e che in Italia ci sono un'enormita' di piccole aziende artigianali che sono la vera colonna portante della nostra economia, questo grafico non e' poi cosi' preoccupante. Ovviamente IMHO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si.... ma anche soprattutto NO : ) .. il mondo affoga nel debito (credito) ...ora pure i cinesi si sono buttati a capofitto a fare debiti (per pompare il grande indiscusso mito delle nostre vite, LA CRESCITA ).. la cosa non puo' continuare all'infinito.

      mi fa ridere perche' ricordo amici pidini del tempo del liceo che per secoli l'hanno menata di come il Banana aumentava il debito pubblico e loro invece lo "risanavano", lo riducevano

      Elimina