Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 11 ottobre 2015

Bloomberg: Solare e Vento sono più economici del Carbone in Germania e UK. Sottotitolo: Batterie al Potassio e al Sodio

Convenienza o meno delle rinnovabili negli States, con e senza sussidi

Ogni tanto qualche buona notizia arriva. La maggior parte della gente non se ne rende conto, se non a livelli intuitivo e inconscio ma l'energia e' tutto. Se non e' tutto e' quasi tutto. Nel senso che da essa e soprattutto dalla sua disponibilità per noi a bassi prezzo, dipende un po' tutta la nostra civilta'.

Allo stesso modo credo che quasi tutti, sempre a livelli intuitivo e inconscio, incosciente, ci rendiamo conto che la moneta e il sistema finanziario, le banche, sono la radice di tanti mali .. ma continuiamo a vivere tutta la vita con questo rumore di fondo nel cervello che ci domanda "ma cos'e' 'sta roba che tutti bramiamo, ci scanniamo, ci vendiamo per lei: il denaro?"

Ma torniamo all'energia ora. Buone notizie: anche Bloomberg ammette che ora, in Germania e Regno Unito, solare ed eolico sono più convenienti del carbone per generare elettricità (da noi no perché c'e' meno sole ;) ): 


Bloomberg: Solar and Wind Just Passed Another Big Turning PointIt has never made less sense to build fossil fuel power plants. 
Wind power is now the cheapest electricity to produce in both Germany and the U.K., even without government subsidies, according to a new analysis by Bloomberg New Energy Finance (BNEF). It's the first time that threshold has been crossed by a G7 economy. (...) 

L'articolo di Bloomberg e' in realta' stato fatto per lamentare come l'aumento delle produzioni elettriche rinnovabili danneggia il "capacity factor" delle tradizionali centrali a carbone e diossina ... ed e' vero. Ovvio: anche il passaggio dalle carrozze a cavallo a quelle a benzina danneggio' il mercato dei cavalli 100 anni fa, immagino :). E' un "grave problema" anche dalle mie parti, dove le ex municipalizzate si sono lanciate a costruire inceneritori  -  grazie agli incentivi alla "rinnovabili" piazzati li dal caro Pier "non siamo mica qui a pettinare le bambole" Bersani tantissimi anni fa coi CIP6  -  che ora non hanno piu ragione di esistere.. e la cosa non puo' piacere ai "compagni", verdi di rabbia. 

Ma il problema delle rinnovabili e', lo sappiamo tutti, di ottenere energia quando ci serve e non quando il buon Dio decide di far soffiare il vento e brillare il sole. Il problema e' quello di immagazzinare l'energia prodotta e conservarla per i momenti di magra o di picco della domanda. Il problema può essere risolto in vari modi ma tutti hanno a loro volta dei problemi, delle deficienze. Per esempio si puo' pompare a monte l'acqua nelle dighe durante il giorno con l'energia elettrica in surplus della domanda e rifare cadere l'acqua di notte per rigenerare l'elettricita' usata per pompare su l'acqua di giorno. Ma non risolvi il problema in questo modo. Ci vogliono batterie, questa si che sarebbe una soluzione importante, forse esaustiva. Per esempio ultimamente si e' parlato tanto della PowerWall della Tesla. Tutti a dire la loro, bello questo, inefficiente la, costi troppo alti, ecc. In realta' a mio avviso il vero problema, quello non superabile, e' che queste batterie sono tutte agli ioni di Litio. E la gente non lo sa, non ci pensa, ma in realtà il Litio e' un metallo poco diffuso su questo nostro vecchio caro pianeta. Quindi basterebbero pochi decenni di intenso sfruttamento di queste risorse per esaurirle. E fra l'altro ora si usa quasi solo Litio a buon mercato dalle brines di montagna delle Ande, praticamente e' li prendo da raccogliere come il sale in una salina... ma finito quello di dovrebbe cominciare a cercarlo con tecniche tradizionali da compagnia mineraria, scavare, raffinare, spostare, tirare giu' montagne intere, ecc. .. e 'ste robe costano. Costano soldi e soprattutto energia. 

Quindi? siamo fottuti? tendenzialmente direi di si, nei prossimi secoli il XX secolo diventerà sempre più un'epoca mitica, l'era dell'abbondanza, roba da favole da raccontare a bambini increduli prima della nanna. 

Ma magari no. La terra ha risorse finite ma, specie se la popolazione la smette di crescere come un'invasione di cavallette, potremo trovare un modo soddisfacente di vivere anche nel lontano futuro. Le buone notizie sono che forse sara' possibile costruire batterie in larga scala senza eccessivi problemi di limitatezze delle risorse: batterie al Potassio o agli ioni di Sodio

For decades, it has been regarded as a scientific fact: A potassium-ion battery cannot be built because potassium is incompatible with graphite and other carbon electrodes. New research at the Oregon State University has now refuted this dogma and thrown the door wide open for new electrochemical energy storage systems that will be much cheaper to manufacture than lithium-ion batteries. 
Graphite is a widely-used, inexpensive material for the production of anodes for batteries. Lithium ions function as carriers and move within the graphite electrode, thus producing an electrical current. But lithium has major drawbacks. Not only is it highly reactive and hard to recycle; it is also extremely rare. The amount present in the earth's crust (by weight) is a mere 0.0017%. This makes the material very expensive. 
"The cost problems that exist with lithium are enough to prevent an economy-of-scale effect from boosting profits," Ji said. "In the case of most products, the cost declines when production quantities increase, but with lithium, the exact opposite might happen in the near future. For this reason, we need to find alternatives." 
Potassium is 880 times more common than lithium

leggi tutto QUI.

The battery-grade salts of sodium are cheap and abundant, much more so than those of lithium. 
Another advantage sodium-ion batteries have is they can be drained to zero charge without damaging the active materials. 
This means that they can be stored and shipped safely, even by airplane. In contrast, for a lithium-ion battery to remain viable, it must retain about 30% of its charge during storage. It’s enough charge that lithium-ion batteries could short-circuit and catch fire during shipment.


Leggi tutto QUI.

Sperem! 

Nessun commento:

Posta un commento