Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 22 settembre 2015

Topf: Le produzioni aurifere del Nevada crollano ai minimi dal 1988


Le produzioni aurifere dello stato del Nevada sono crollate ai livelli del 1988, quando c'erano le olimpiadi di Calgary e l'oscar andava al'Ultimo Imperatore di Bertolucci (anche se molti preferivano Attrazione Fatale). 

Mining - Nevada gold production slumps to 1988 lows
Andrew Topf | September 13, 2015
 
(...) 1988 was also the year that gold production in Nevada was under 5 million ounces. According to a new Division of Minerals report put out by the state, just 4.94 million ounces was extracted from Nevada's 30 mines in 2014, compared to 5.5 million ounces the previous year. 2014 was the first time since 1988 that production of the precious metal dropped so low. 
Of course, the bugbear in the low production figures is the gold price, which on Friday closed just $24 above the yearly lows reached in July of $1,084.50 an ounce. However, prices aren't the only determinant in the state's gold production, evidenced by the fact that in 1998, when gold was hovering between $425 and $450 an ounce, Nevada gold production was at a record 9 million ounces.

Siamo tornati alle 5 milioni di once circa del 1988, dopo un massimo (picco) nel 1998, con quasi il doppio, 9 milioni di once prodotte in 365 gg. Allora il prezzo dell'oro era meno della meta' di quello già depresso di oggi, sui 425-450 USD/oz.

Il Nevada (fra l'altro chiamato pero' "the silver state") produce i 3/4 di tutto l'oro estratto oggigiorno negli States e il 6,1% di tutte le produzioni aurifere globali annuali. 

La produzione d'argento dello stato invece e' cresciuta abbastanza: 10,9 milioni di once nel 2014 contro 8 nel 2013. 

Nessun commento:

Posta un commento