Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

lunedì 14 settembre 2015

Saliani: per il nuovo aereo di Renzi spenderemo 75 milioni più che per gli asili nido

Il Fatto: Voli di Stato. Per il nuovo aereo di Renzi spenderemo 75 milioni più che per gli asili nido
di Paola Saliani | 14 settembre 2015


Foto: Corriere della Sera, vedere articolo celebrativo QUI

Saranno le politiche, anzi, sorry, le rifooorme del governo per incentivare le nascite "nostrane" :) 

Ma quanto aveva ragione quello che tanti anni fa diceva che i lumi a cui si sono formati questi piddini sono Fonzie e Happy Days?

E a proposito di aerei non parliamo dei miliardi e miliardi regalati al complesso industriale-militare americano per quei bocchini degli F35 ..



Pero', ad onore del vero, pare che il debito pubblico sia calato di 1 euro e 47 cent a 2200 miliardi. Daiiiii che agganciamo la ripresaaa! Siamo in pole position nel gran premio della ripresa (che retorica, che retoooorica! Meraviglioso, meglio del Banana come comico) .. secondo me al ragazzo e' mancato qualcuno che lo sventagliasse di schiaffetti alla Bud Spencer e Terence Hill da ragazzo, tenendolo per il bavero e poi via, veloci veloci palmo-dorso-palmo-dorso-palmo-dorso ... :) 

4 commenti:

  1. Rapporto Caritas 2015: da Renzi solo interventi “marginali” su povertà. “Maggiore attenzione grazie ai 5 Stelle”

    Netta presa di posizione politica da parte dell'organismo ecclesiastico. I bonus dell'attuale esecutivo, dagli 80 euro ai "bebè", si traducono in un incremento di disponibilità di spesa per le famiglie di appena il 5,7%. Mentre al movimento di Grillo va il merito "di aver fatto crescere il dibattito", in particolare con la battaglia sul reddito di cittadinanza. "Poveri in senso assoluto sono il 6,8% della popolazione, raddoppiati da periodo pre-crisi"

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/09/15/rapporto-caritas-2015-da-renzi-solo-interventi-marginali-su-poverta-maggiore-attenzione-grazie-ai-5-stelle/2035964/


    e guarda che caso, la Caritas e' l'unica organizzazione, secondo me, veramente cristiana

    RispondiElimina
  2. 1. FERMI TUTTI! ECCO L'AUTOPSIA CHE SCAGIONA I DUE MARÒ LATORRE E GIRONE. E NON È UN DOCUMENTO MISTERIOSO, MA È STATA ALLEGATO DALL'INDIA (SIC!) AL PROCESSO DI AMBURGO
    2. NEL DOCUMENTO SI PROVA SENZA OMBRA DI DUBBIO CHE I PROIETTILI IN DOTAZIONE AI DUE FUCILIERI NON SONO COMPATIBILI CON LE FERITE DEI PESCATORI UCCISI. PERCHÉ I VARI LETTA, MONTI, RENZI, DE MISTURA, NON L'HANNO MAI USATA PER SCAGIONARE I DUE MILITARI?
    3. DALLE CARTE EMERGE CHIARISSIMO L'OCCULTAMENTO DELLE PROVE: IL PESCHERECCIO FU AFFONDATO, IL GPS CONSEGNATO DOPO 8 GIORNI (MANOMESSO?), LE VITTIME SUBITO CREMATE
    4. L'ENRICA LEXIE FU SEQUESTRATA PER SETTIMANE, ALLA RICERCA DI UN'ARMA CHE CORRISPONDESSE ALLE FERITE (MAI TROVATA). I TRUCCHI INDIANI NON HANNO FUNZIONATO, EPPURE GIRONE È SEMPRE IN INDIA. IL GOVERNO SI SVEGLIERÀ PER L'ARBITRATO ALL'AJA?

    http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/ecco-autopsia-che-scagiona-due-mar-latorre-girone-non-108611.htm

    RispondiElimina
  3. notizia vecchia, segnalata oggi da tempi finali
    nondimeno interessante:

    il "nemico" crollerà ENDOGENAMENTE,
    poichè i sistemi COMPLESSI sono una brutta bestia!

    interessante poi notare come ormai
    SISTEMATICAMENTE
    i "poliziotti" siano molto piu fuorliegge dei cittadini

    statesereni

    http://www.ilgiornale.it/news/economia/collati-accertamenti-fiscali-lagenzia-delle-entrate-tilt-1153462.html

    Crollati gli accertamenti fiscali: l'Agenzia delle Entrate è in tilt
    Sergio Rame - Lun, 20/07/2015

    L'Agenzia delle Entrate è paralizzata. Da quando la Consulta ha dichiarato illegittimi gli incarichi di 800 funzionari, gli accartamenti a carico di imprese e professionisti sono quasi fermi.

    Un corto circuito che ha generato un buco di mancate entrate da 1,5 miliardi di euro. Di questo passo, secondo il Corriere della Sera, dei 10 miliardi incassati dall'Agenzia delle Entrate ogni anno non ne entreranno più della metà. Ma non è solo la lotta all'evasione fiscale a soffrirne. Anche i quasi 9 miliardi dei rimborsi Iva, che ogni anno vengono restituiti a più di 50mila imprese, stentano ad arrivare.

    In tutta Italia stanno esplodendo le richieste di accesso agli atti. I contribuenti vogliono verificare coi propri occhi le firme sugli atti con l'obiettivo di farsi annullare gli atti sottoscritti dai dirigenti decaduti dopo la sentenza della Corte costituzionale. Perché se chi ha firmato non è un dirigente assunto per concorso come vuole la legge, ma un funzionario "incaricato di funzioni dirigenziali", l'atto decade immediatamente. "La situazione - ha ammesso il direttore dell’Agenzia, Rossella Orlandi - in alcuni casi è letteralmente ingestibile". In Lombardia, per esempio, sono rimasti in servizio solo quattro dirigenti: un direttore generale e tre sottoposti. Uno di questi, poi, andrà in pensione a settembre. Il malessere è generalizzato, in tutto il Paese. "Capita così che il direttore dell’Ufficio Provinciale di Milano I, e il suo collega a capo della direzione Provinciale di Roma, oltre al loro, abbiano altri 8 incarichi ad interim. Mentre il direttore dell’Ufficio di Milano II ne ha addirittura undici - racconta Mario Sensini sul mCorriere della Sera - nei 107 uffici di controllo in cui è articolata l’Agenzia, i dirigenti rimasti in sella sono appena cinque. In tutte le sedi regionali, poi, gli uffici preposti all’Antifrode e quelli delegati ai rapporti con i Grandi Contribuenti sono gestiti con incarichi provvisori da altri dirigenti. Il tutto in un contesto quasi surreale".

    RispondiElimina
  4. http://www.iconicon.it/blog/2015/08/agenzia-entrate-illegittima-fino-ai-vertici/

    AGENZIA ENTRATE: ILLEGITTIMA FINO AI VERTICI

    “Atti firmati da dirigenti decaduti sono validi, ricorsi vergognosi. Gli atti firmati dai dirigenti decaduti dopo la sentenza della Consulta sono legittimi, spendere soldi in ricorsi non solo è inutile ma vergognoso.”
    dott.ssa Rossella ORLANDI.

    Che la Dott.ssa Rossella Orlandi (ossia la più alta carica del Ministero dell’Economia e Finanze) sia anche Lei un falso dirigente lo sappiamo non solo perché lo spiega la Corte Costituzionale con la Sentenza n. 37/2015, dove si conferma che in ottemperanza a quanto previsto dall’art. 97 della Costituzione,
    si diventa Dirigenti solo dopo aver superato un PUBBLICO CONCORSO,

    ma soprattutto perché troviamo il suo nome incluso nell’elenco dei vincitori del Concorso Interno per Dirigenti, bandito dal Ministero delle Finanze e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.8 del 29 gennaio 1993 IV serie speciale, concorso riservato al personale in servizio inquadrato nella Nona Qualifica Funzionale.

    E allo stesso modo della Dott.ssa Orlandi, anche la Dott.ssa Rulli e la Dott.ssa Petrella risultano essere falsi dirigenti, anche loro vincitrici dei concorsi interni riservati, il cui bando è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 53 dell’8 luglio 1997....

    etc etc...


    RispondiElimina