Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 27 settembre 2015

Martenson: Compra oro adesso, finche' puoi !



Ottimo post di Chris Martenson sull'oro ripreso anche dai Tylers. che nella versione originale su Peak Prosperity e' intitolato "Compra oro finché e' ancora possibile!" (che detto da uno posato come Chris mi pare che la dica lunga).


Il post riporta estratti di discorsi di Greenspan ma anche di altri alle riunioni del FOMC (Che, curioso, vengono desecretate solo dopo 5-6 anni da quando sono state fatte) che dimostrano, se ce ne fosse bisogno ancora, che non c'e' assolutamente nulla dalla "teoria del complotto" nell'asserire che la Fed come minino tiene costantemente d'occhio il prezzo dell'oro perché ..

There it is, in black and white from an FOMC member’s own mouth spelling out the primary reason why I hold gold: I lack faith in our fiat money system. He nailed it.  Or rather, I have very great faith that the people managing the money system will print too much and ultimately destroy it. Same thing, said differently. 
And of course the people at the Fed are acutely aware of gold's role as a barometer of people’s faith in ‘fiat money.’ Of course they track it very carefully, discuss it, and worry about it when it is sending ‘the wrong signals.’ I would, too, if in their shoes. 
The Federal Reserve Note (a.k.a. the US dollar) is literally nothing more than an idea.  It has no intrinsic value. (...) 

.. e' il termometro, la cartina tornasole della fiducia della gente nei pezzi di cotone verdi bianchi e neri che la Fed stampa (o, per la quasi totalità, crea come  bit in qualche computer): i Dollari (FRN, Federal Reserve Note) 

Si parla anche di com'e' sempre più evidente che il prezzo dell'oro viene "tenuto a bada", se non dalla Fed stessa da qualcuno dei suoi tanti proxy, e con Fed sorridente se il prezzo cala e organismi di controlli perfettamente distratti (vedi il crollo da 200 dollari in una notte dell'aprile 2013 evidenziato nel grafico qui sopra). Si ripassa l'intervista ad un rifinire svizzero che preferisce non pronunciarsi troppo sullo scollamento fra quotazioni flosce e domanda asiatica rampante e così via. 

Leggi tutto QUI

Nessun commento:

Posta un commento