Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 8 settembre 2015

Grillo: La dinsinformazione di Repubblica


Questo è un titolo di Repubblica dell’8 settembre 2015. Ed è una tale collezione di assurdità, condita da un tale livello manipolatorio, da meritare l’analisi quasi lettera per lettera.
Lavorano e fanno figli” è la frase d'apertura. Allude -senza parere- ad una differenza tra i migranti e i cittadini europei: i primi “lavorano”, come se i secondi non lo facessero. In realtà, oltre alla indiscutibile realtà della disoccupazione nei Paesi del Sud Europa (che porta al triste fenomeno della migrazione interna), quel “lavorano” ammicca a ciò che non si può dire: ovvero che gli immigrati sono disponibili a lavorare come schiavi dei caporali al sud e per un pugno di noccioline al nord, e soprattutto non hanno pretese su quei diritti dei lavoratori che ormai fanno parte del DNA degli europei. Insomma, lavorano e basta ed è ciò che serve al capitale.
Inoltre, “fanno figli”. Diventa un merito: essi “fanno figli” a differenza degli europei, e si trascura che in molti casi il calo della natalità europea sia dovuto a politiche economiche insensate che impediscono ai nostri giovani persino di metter su casa, figuriamoci figliare. Ne consegue che le famiglie occorra importarle già fatte, particolarmente gradite quelle di poche pretese che con un piatto di minestra crescono frotte di bambini.

Cavolo! Ecco perche' i piddini supportano tutte le guerre dell'Impero Americano in nord Africa e Medio Oriente! Che scemo, come li avevo sottovalutati! .. facciamo le guerre li così li convinciamo meglio, ce ne fosse bisogno, a migrare qua' e pagarci la pensione! Prima li bombardiamo (come atto di bonta' ovviamente) e piombiamo i loro paesi nel disordine più totale e poi li sfruttiamo! Ma e' bellissimo .. eppoi, ciliegina sulla torta, ci guardiamo allo specchio e ci diciamo anche quanto siamo buoni, aperti e migliori .. e gli altri bbbestie, chi ci rompe le palle lo accusiamo di essere un nazista dimmerda e un topo di fogna 

... Genial! Ma e' Ge-ni-a-le! ... mea culpa ... che sciocco ... 
Pero' continuo a domandarmelo. Ma se la disoccupazione giovanile e' al 50% e le cose vanno come sappiamo, con delocalizzazioni continue (senza contare il problema delle risorse che colpirà sempre più duro nei prossimi decenni.. ma tanto non esiste, e' un delirio mio che oltre ad essere fascista sono anche notoriamente un pazzo furioso) .. ma che lavoro faranno questi 250 milioni "che ci servono" da qui al 2060 per pagarci le pensioni? Mah, sapranno loro che hanno teste più raffinate e intelligenti della mia.

Mettersi il cuore in pace e schiattare sereni a 70 anni o prima no? Mi sbagliero' ma i prossimi decenni saranno un macello epocale. E stiamo correndoci incontro accelerando contro il muro invece di rallentare e/o provare a cambiare strada e paradigma. 

15 commenti:

  1. I lavoratori del futuro: per i comuni in cambio dell'accoglienza lavorano senza stipendio, nel terziario 100 euro al mese e 500 di contributi per mantenere i parassiti.......e gli italiani a fanculo........Gianluca

    RispondiElimina
  2. https://www.youtube.com/watch?v=LqJvcrxYrYY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. notevole, non lo conoscevo

      nel caso chi legge non lo sapesse, non ho nessun problema con altre "razze" (chi mi legge da tempo sa che per me le razze sono, ora 7 miliardi e rotti secondo me) anzi, mi gusta che ci sia un po' di diversita', l'omologazione del pensiero e dei credo per me e' forse il problema più' grosso della razza (qui si) umana. Pero' una cosa e' volere una società aperta, un' altra volerla sostanzialmente distruggere. ci rendiamo conto che 250 milioni di persone sono quasi l'equivalente del totale degli abitanti dell'UE? Vogliamo meta' dell'Europa popolata da extraeuropei? Non rischiamo (rischieremo) di distruggere veramente tutta la nostra storia, le nostre tradizione, la nostra cultura? Che ci vuoi fare, ci sono affezionato nonostante tutto ..

      Elimina
  3. Ieri leggendo un articolo simile a questo sono landato qui:

    http://www.un.org/esa/population/publications/ReplMigED/Italy.pdf

    In pratica e' un rapporto dell'unione europea con vari scenari per il futuro dell'italia

    Qui il punto chiave: "In the absence of migration, the figures show th
    at it would be necessary to increase working age to
    74.7 years to obtain a potential support ratio of 3.0 in
    2050."

    Tradotto: se non arrivano immigrati, nel 2050 andremo in pensione a 75 anni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'e' un sacco di gente che continua imperterrita a vivere nel mondo dei sogni: raga, io sono parecchi anni che l'ho messo in conto che la mia generazione col piffero che avrà una pensione, tardi e da fame se va bene ... il discorso che fanno tutte queste organizzazioni a me lascia basito perché CHE CAZZO DI LAVORO FARANNO/FAREBBERO 250 MILIONI DI PERSONE IN PIU'?

      Ok, che molti andrebbero in pensione e quindi si libererebbero posti.. ma fossero anche solo la meta' della gente che arriva i lavori NUOVI, IN PIU' che servirebbero, sarebbero 125 milioni di posti di lavoro EX NOVO DA CREARE.

      ok, che 250 milioni di persone in più' vorrebbero dire più' case, più' auto, più' negozi,più' supermercati .. ma devo dire la verita' : a me questi conteggi, con CENTINAJA DI MILIONI di persone che li prendo da li e li metto la, trallallero-trallalla; FANNO RACCAPRICCIO

      Elimina
    2. Gli immigrati sono meno del 10% della popolazione europea, davvero ti fanno tanta paura?
      Ciao, GB

      Elimina
    3. magari sono anche di più' del 10%, ti pare? Sentivo ora il tv regione dell'Emilia Romagna e dicevano che a BO sono il 15%. Questo ora.

      A me fa raccapriccio chi pensa davvero che spostare 250 MILIONI di persone sia un gioco .. a me la societa' multietnica piace anche, non e' questo il problema, mi pare che ragioni per pregiudizi ... io dico che milionate e milionate di immigrati (e sui rifugiati NESSUNO ha mai detto nulla, mi pare che pure il Diavolo, Salvini, e' d'accordo di accoglierli) porteranno ancora piu' giu' i diritti dei lavoratori e gli stipendi... ci terzomondizzeranno. Con la globalizzazione per fare concorrenza a paesi in cui un operaio lo paghi un quinto se non un decimo che da noi ... ma scusa tanto, continua ad esaltarti di quanto sei buono e di gran cuore tu e bestie gli altri, non ti voglio rovinare festa.

      PS: INVECE DI FARE LO SPIRITOSO PROVA A CAPIRE CHE DICO DAVVERO, OLTRE I TUOI STEREOTTIPI, E DOMANDATI CHI FRA NOI DUE HA VOTATO POLITICI CHE LE GUERRE AMERICANE DEGLI ULTIMI 20 ANNI LE HA SOSTENUTE TUTTE INCONDIZIONATAMENTE (ti do un indizio: queste migrazioni di poveri disperati sono causate da quelle guerre. Non ci avevi mai pensato, eh?)

      Elimina
    4. Sinceramente mi piacerebbe fare un discorso tranquillo e razionale, ma se usi questi toni, sinceramente credo proprio che non sia possibile.
      Ciao, GB

      Elimina
    5. Anche se la tua deve essere una vita davvero triste, o comunque molto ansiogena. Esci di casa, e su 100 persone che incontri, probabilmente 99 sono nemici, o pericolosi, da evitare, o comunque da insultare. Sommiamo pidini, giornalisti "mainstream" e tutti quelli che li leggono, complottisti, immigrati, quelli a cui non piacciono i metalli (e leggendoti in questi anni credo che la lista potrebbe essere molto più lunga) e mettono i propri risparmi in banca... Deve essere davvero dura, e non sto facendo lo spiritoso.
      Ciao, GB

      Elimina
    6. Grazie per il tuo buon cuore (/sarc).

      Non hai mica capito, Gibi, io non vedo nemici ovunque, il vedo COGLIONI e RINTRONATI dappertutto, gente che vive, in un modo o nell'altro, ostinatamente nel mondo delle favole. E' un pelino diverso :)

      E magari provo a svegliarli un po', con una "terapia shock". Magari poi ottengo invece l'effetto contrario, che si chiudono a riccio.


      Esempio: quando sento gente che prima vota i bombardamenti di popoli interi (per salvarli) e poi si auto conferisce medaglie di gran cuore perché "si batte" (?) per accoglierne qualcuno in fuga e si erge a 'migliore" mi capita di sentirmi nel pianeta delle scimmie. Ma come, ma se hai supportato ogni guerra che il disastro umanitario lo ha causato come piffero fai a sentirti anche il buono della situazione?

      I piddini hanno in casa uno specchio deformante che li rende sempre belli, buoni e bravi, qualsiasi porcata facciano.

      Elimina
    7. OK, capisco che questo è il tuo stile, fatto anche di provocazioni. Però, a mio modesto avviso, pensare di discutere partendo dal pregiudizio che la controparte, che la maggior parte delle controparti, siano coglioni e rintronati, non è un buon punto di partenza. E neppure ti mette nella posizione di essere ascoltato e preso sul serio...
      Ciao
      GB

      Elimina
    8. Scusa Gibi, ma non e' che parto dal PREGIUDIZIO che i piddini o sono scemi o in malafede.. purtroppo sono VENT'ANNI DI FATTI (F A T T I) che lo dimostrano. Io sinceramente mi domando come facciano certi vecchi comunisti (penso ai babbi e mamme di alcuni miei amici di liceo) a non farsi venire il voltastomaco quando vedono le lodi di Renzie nella "loro" tv (rai 3).

      Elimina
  4. Ottima, lunga analisi di Federico Dezzani

    (...) Chi ha bombardato la Libia? Chi fomenta il caos in Egitto? Chi ha inoculato l’ISIS in Siria ed Iraq? Chi sostiene la mattanza saudita in Yemen? O forse qualcuno ha la sfacciataggine di dire che non c’è un nesso causale tra questi fenomeni e l’ondata immigratoria in atto?

    È fuori di dubbio che l’establishment euro-atlantico voglia implementare il piano Kalergi nel medio-lungo periodo, ma l’attuale ondata immigratoria risponde a logiche di breve periodo: arrestare, con un’emergenza dopo l’altra, il disfacimento dell’eurozona. Oggi i profughi, domani i terroristi dell’ISIS, dopodomani la guerra in Ucraina: Bruxelles, salvaci tu!

    http://federicodezzani.altervista.org/emergenza-immigrazione-ed-isis-lextrema-ratio-salvare-la-ue/

    RispondiElimina
  5. Il professor Otmar Issing ha messo in guardia contro la cessione del controllo sulle imposte e sulle spese prima di una unione politica democratica

    Il padre fondatore dell’euro ha avvertito che l’ultimo piano dell’Europa per un ministero delle finanze a livello UEM è un pericoloso tentativo di contrabbandare per unione politica una violazione dei principi fondamentali della moderna democrazia.

    Il professor Otmar Issing, il principale architetto dell’unione monetaria dei primi anni, ha detto che sarebbe “pericoloso” trasferire il controllo su tasse e sulle spese a livello UE prima che venga stabilita una piena unione politica su basi democratiche.

    Un tale salto di qualità nella struttura costituzionale dell’Europa – la creazione a tutti gli effetti di un superstato UE, con un parlamento paragonabile al Congresso degli Stati Uniti – è impensabile nell’attuale clima politico

    http://vocidallestero.it/2015/09/09/telegraph-padre-delleuro-teme-la-subdola-instaurazione-di-un-superstato-ue/


    "ci vuole più' Europa, non di meno, di più !" dice il piddinoide tutto eccitato.

    Una merdata come quella qui sopra e' il massimo che avremo (e cioè l'ennesima inculata antidemocratica ed elitarista. Garantito al limone.

    RispondiElimina
  6. Gli Usa miravano a destituire Assad dal 2006. Julian Assange

    http://www.lantidiplomatico.it/dettnews.php?idx=82&pg=12608

    RispondiElimina