Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 22 settembre 2015

Deutsche Bank: Il recente crollo dei prezzi delle commodities in un contesto storico


Secondo Deutsche Bank i prezzi delle commodities, se messi nel contesto degli ultimi 2 secoli, sono ancora alti:
"So this short section shows that commodities have differing long-term price trends and also that many hard commodities have been close to historically high levels in recent years either due to China or due to extremely loose monetary policy. 
However many have now corrected although it’s hard to say they are cheap relative to their long-term trends."

Vedi altri grafici QUI 

E secondo questo ragazzo i prezzi delle commodities, altre a dover cadere ancora, sono destinati a restare bassi per decadi

Ovviamente nessun pensiero al fatto che oggi siamo più di 7 miliardi di persone su sto pianeta mentre nel 1800 eravamo meno di 1 miliardo e bujo totale sul fatto che le risorse non rinnovabili in un pianeta (finito per definizione) sono limitate. 

E fra l'altro a me pare che se guardi alle medie nel XIX secolo siamo mediamente sotto la media di allora, siamo sopra, e di poco, solo per la media del XX secolo.... vi pare?  Io vedrei tranquillamente l'argento, per esempio, tornare su qui 50-60 (calcolati con l'inflazione) di 100-200 anni fa man mano che nei prossimi anni/decenni le produzioni mondiali caleranno sempre più dopo il picco (e facendo finta che non esistano tutti gli altri problemi economico-finanziari che sappiamo).

8 commenti:

  1. Aggiungo io : senza contare i debiti globali e la stampa selvaggia di moneta. Dovrebbe esserci un grafico che tenga conto di tutte le variabili, compresa la difficoltà d'estrazione ormai raggiunta oggi !!!!
    Gianluca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i problemi verranno più per i costi energetici e dell'energia stessa sempre maggiori nei prossimi decenni (picco petrolio & Co). Comunque si, fanno sempre i conti senza l'oste :)

      Elimina
  2. Aggiungo ancora: opinione di una banca fallita !!!!!!
    Gianluca

    RispondiElimina
  3. Blankfein (boss di Goldman Sachs) dice che ha un linfoma e si curera' senza lasciare il comando. Come mi dispiace, poveriiiino. Speriamo che vada tutto bene (sarc)

    http://www.zerohedge.com/news/2015-09-22/goldman-ceo-lloyd-blankfein-reveals-he-has-lymphoma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questi son gente grama,
      vedrai che il linfoma scappa a gambe levate

      anche berlusca ciaveva un tumore
      oh, è scappato (il tumore!!!)

      Elimina
  4. ma che cazzo si fumano sti qua?
    i "prezzi" degli ultimi DUECENTO anni?

    ma che cazzo dicono???

    duecento anni fa compravi casa con 10 lire!!!!

    ma come cazzzo fai a confrontare i "prezzi" (totalmente fasulli e manovrati da (anche da) loro con futures e derivati, fra l'altro) con quelli di DUECENTO anni fa^

    MA CHE CAZZO DICONO??!!!?!!?!?!?!?!?!?!?????????????????????????????????????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti devono essere studi lunghi e interessanti ... quanto piuttosto aleatori. Mi domando piuttosto quali tassi di rivalutazione/inflazione hanno usato anche solo per gli ultimi decenni. Fra quelli ufficiali e quelli reali ci sta che siano la meta' (quelli ufficiali)

      .. e' intrigante pero' la questione ... mi domando dove li hanno presi i dati dei prezzi di 200 anni fa, in che paese/i, da che fonti ... poi ci sono una quantità di cose che sono state assolutamente non costanti come la popolazione (che influenza un pochino la domanda se, per dire, raddoppia .. o settuplica) ... e' vero che abbiamo ora tecnologie che anche solo 100 anni fa se le sognavano .. e' vero anche che la questione ENERGIA (avere tanta e a buon prezzo) sara' la vera muraglia contro cui si schianterà nei prossimi decenni l'industria estrattiva ... sarei curiosi di vedere i doc che hanno raccolto e lavorato in quel centro studi

      Elimina