Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

lunedì 28 settembre 2015

Bellomo: Glencore alimenta il vortice delle materie prime


Era un po' che non leggevo Sissi sul S24O. Oggi, indovina, si parla di Glencore .. e rame (alimenta il vortice? direi che lo spegne se toglie metallo dal mercato, no? mah):

(...) Il rame - dopo essere crollato solo due settimane fa ai minimi da sei anni (4.855 $/tonnellata) - ha invece preso la direzione opposta. La reazione immediata agli annunci di Glencore è stata un balzo di oltre il 2% al London Metal Exchange, che ha spinto il prezzo del metallo fino a 5.208 $/tonnellata (base tre mesi). 
Con la sospensione per 18 mesi delle attività estrattive di Mopani in Zambia e di Katanga nella Repubblica Democratica del Congo, entrambe caratterizzate da costi operativi troppo elevati, Glencore rimuoverà dal mercato 400mila tonnellate di catodi di rame:  una quantità che secondo alcuni analisti potrebbe essere sufficiente a cancellare del tutto l’attuale condizione di eccesso di offerta, fino a produrre addirittura un deficit di metallo entro l’anno prossimo 
Si tratta di un «game changer», un elemento di svolta decisivo, secondo Leon Westgate di Icbc Standard Bank, che ha un atteggiamento particolarmente positivo sul rame. La banca calcola che una serie di eventi - tra cui le avversità climatiche provocate dal Niño e i tagli volontari di altri produttori come Freeport-McMoRan - abbiano già tolto dal mercato 1,5 milioni di tonnellate di rame quest’anno: un calo di offerta superiore a quello che c’era stato nel 2008. Glencore avrebbe insomma dato soltanto il colpo di grazia 
Altri, come Deutsche Bank, sono più prudenti ...


leggi tutto QUI

1 commento:

  1. interessante art di Bottarelli

    http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2015/9/29/SPY-FINANZA-Da-Volkswagen-a-Glencore-i-giganti-dai-piedi-d-argilla/print/642159/

    ne escono delle chicche di sto tipo:

    1- Wolkswagen di fatto non è "tedesca", ma del Qatar... (un po' come Unidebit libica, etc)

    2 - il siluro altezza culo a Volkswagen entra indirettamente nel culo italiota (oh, sempre qui arrivano) per via della botta all'indotto, e all'interscambio commerciale di componentistica

    3 - gli "effetti collaterali" delle manipolazioni dei geni della finanza alle stanze dei bottoni sono sempre + mastodontici e imprevedibili - nello specifico, es.

    gli USA, per mettere in difficolta la Germania, danno il colpetto a Volkswagen, ma questo spinge gli arabi a ritirare una valanga di soldi dai mercati, l'azionario crolla-> non puoi piu alzare i tassi, i fondi pensione, gia massacrati dallo ZIRP ora perdono anche sull'azionario, etc etc

    oppure: i Sauditi, forti delle loro enormi riserve in petrolio e valuta, innescano il ribasso dei prezzi del petrolio, ma vanno oltre, e non riescono + a fermare il "moment", devono attingere alle riserve ed emettere obbligazioni (cioe debito)

    4 - Bottarelli antepone/contrappone i profitti delle multinazionali alle questioni ambientali
    (opinione legittima, che non condivido: si PUO' (potrebbe/dovrebbe) fare business rispettando i beni comuni)

    5 - Draghi è sempre agli ordini di Goldman Sucks/USA (è stato celerissimo a non accettare + i derivati basati su VW)
    scordatevi che la BCE a guida Draghi lavori "per l'Europa"

    complexum tempora currunt

    RispondiElimina