Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

mercoledì 5 agosto 2015

Pettifor: L'Euro, come il Gold Standard, è destinato a fallire

A me però questo disprezzo "a sinistra" per l'oro pare sempre una grossissima idiozia, un fraintendimento epocale. 

Si, certo il gold standard creava vincoli .. ma proprio per questo non era facile come oggi creare credito/debito, derivati e diavolerie varie. Vi pare poco? Poi tutti a lamentarsi dell'iperfinanza, dei derivati e delle diavolerie che si sono inventate le banche negli ultimi decenni. Forse bisognerebbe identificare meglio i nemici. 

E l'euro ha tutti i problemi del tasso di cambio fisso fra realtà economiche diverse e mal assortite, ma da questo a glorificare la valuta fiat tralasciando quasi totalmente il problemuuuuccio di chi la crea e la gestisce ... ehm, ehm ... forse bisognerebbe che ci fosse un po' più apertura mentale a sinistra (e non solo) 




Voci dall'Estero: L'euro, come il gold standard, è condannato a fallire
Di Ann Pettifor, 31 luglio 2015  
Finalmente un segno di vita su Social Europe dove Ann Pettifor – direttrice di un certo di ricerca per le politiche macroeconomiche (PRIME) – fa una lucidissima analisi della genesi storica dell’euro. 
Come già sottolineava Goofy a suo tempo, si tratta di una versione PIU’ rigida del vecchio gold standard, una costruzione basata sui peggiori dogmi neoliberisti – l’incrollabile fede nell’autoregolamentazione del mercato, il disprezzo per gli Stati, e quindi per la democrazia. Come il suo “illustre” predecessore, l’euro non può che avviarsi verso un solo destino: il fallimento.

Nessun commento:

Posta un commento