Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

venerdì 14 agosto 2015

Gundlach (a gennajo): Se il petrolio scende sotto i 40 USD/b le conseguenze geopolitiche potrebbero essere terrificanti



Jeff Gundlach a gennajo scorso (dai Tylers):
Question: The crash in the oil market is already causing jitters in the financial markets around the globe. What is your take on that?

Gundlach: Oil is incredibly important right now. If oil falls to around $40 a barrel then I think the yield on ten year treasury note is going to 1%. I hope it does not go to $40 because then something is very, very wrong with the world, not just the economy. The geopolitical consequences could be – to put it bluntly – terrifying.

PS: Il ministro degli esteri russo Lavrov si fa scappare un "fottuti coglioni" (f$$king Morons) bisbigliato in conferenza stampa dopo gli incontri col suo omologo saudita (i respinsabili del crollo del petrolio di questi mesi). Al minuto 41:00




2 commenti:

  1. Palpabile la tensione del Lavrov,
    la situazione non è buona se questi personaggi si lasciano andare cosi!
    foibar

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fra Sauditi e USA hanno messo su un'aggressione alla Russia e alle sue aree di infulenza (Ucraina, Siria) da paura, una vera e propria guerra d'aggressione, tragicomicamente venduta agli italiani come lotta per la livberazione di popoli e trojate simili (sigh!)

      Fra l'altro fooooorse dovremmo prendercela con gli USA per le masse di sfollati che cercano di raggingere l'Europa a bordo di gommoni o via terra ... no? Ma se non lo dice la tv il pidinoide (che non è solo il pidino nei secoli fedele, sempre e comunque) non ci arriva, ha bisogno dell'imbeccata dalla tv

      Elimina