Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

lunedì 18 maggio 2015

Acqua, Cibo e gli studi del prof. John Calhoun


In evidenza dai Tylers c'è da jeri un'intervista eloquente a Jim Rogers, ormai un vecchietto ma un tipo che ha anche fatto due volte il giro del mondo in moto oltre che
Jim Rogers, Jr. is an American businessman, investor and author. He is currently based in Singapore. Rogers is the Chairman of Rogers Holdings and Beeland Interests, Inc. He was the co-founder of the Quantum Fund and creator of the Rogers International Commodities Index (RICI).
L'intervista è tutta sull'acqua. Su come si va verso delle guerre per l'acqua. L'acqua non solo da bere ma (ovviamente?) indispensabile per le coltivazioni e quindi per il cibo. Jim parla di immense possibilità di profitto nell'acqua perchè ce n'è tanta ma nei posti sbagliati e/o inquinata e in futuro faranno un sacco di soldi quelli che sapranno risolvere questo problema (ovviamente saremo io e te e non qualche corporazione di proporzioni e potenzialità bibliche. /sarc).


Parla del bisogno di tornare a dare soldi a chi coltiva la terra. Da 30 anni a questa parte i contadini sono considerati degli sfigati, guadagnano poco e i tassi di suicidio fra di loro sono fra i più altri (per esempio in India ma anche in varie zone del ricco mondo occidentale). Dice che costringere la gente a coltivare, come si provò a fare nei sistemi di socialismo reale, non funzionerà: bisogna che il contadino abbia la Lamborghini, solo cos' i giovani si metteranno a coltivare la terra.

Parla dei vari metodi che si possono pensare per scommettere sull'agricoltura (lui è a capo di una ditta che lavora col Fosforo) e non pare troppo ottimista sul futuro dell'umanita, o meglio, sembra semplicemente consapevole che si va incontro ad un periodo pericoloso:
You can farm without fertilizer, people have done that for a long time. But it is less efficient and if you start having phosphorous problems, fertilizer problems and water problems then, my God, there are 7 billion people in the world and there haven’t always been 7 billion people in the world. We may have gigantic changes again.
"Se cominci ad avere problemi col fosforo, coi fertilizzanti vari, e con l'acqua, o mio Dio .. ci sono 7 miliardi di persone al mondo e non ci sono mai state prima 7 miliardi di persone al mondo. Potremmo avere dei nuovi cambiamenti epocali."

Esattamente, o mio Dio. Tutta l'intervista è QUI.

Poi, oggi, i Tylers hanno proposto un post sull'andamento generale della crescita della popolazione umana sul pianeta, QUI.


I Tyler si preoccupano del Picco della Crescita della Popolazione.. hanno ancora un po' un atteggiamento tardo-positivista, sarà la formazione austriaca, boh. Ma è qui che le cose si fanno interessanti. Un lettore segnala questo video, parte di una discussione che si è sviluppate con un altro lettore:



Cioè.. già negli anni '40 si studiavano i possibili sviluppi di una popolazione in crescita - con dei topini da laboratorio - in buone condizioni sanitarie, con cibo disponibile e tutto: La popolazione ben presto raddoppiò e poi raddoppiò ancora e così via. Ad un certo punto però si cominciarno a manifestare segnali di violenza crescente, i topini si cominciavano ad aggredire, altri si isolavano, non combattevano e neanche si riproducevano più ... dopo essersi stabilizzata per un po', la popolazione cominciò a crollare. Sino addirittura ad estinguersi. E questo nella continua presenza di cibo e "servizi sanitari", se capisco bene.

Nessun commento:

Posta un commento