Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

domenica 14 giugno 2015

Durden: l'IMF dice che continuerà a prestare all'Ucraina anche dopo un default. Perchè questa è una brutta notizia per le riserve auree greche


Zero Hedge - IMF Says It Will Continue Lending To Ukraine Even After A Default, And Why This Is Bad News For Greek Gold
Submitted by Tyler Durden on 06/13/2015

Con la delegazione di Tsipras al lavoro disperatamente a Bruxelles in cerca di un accordo dell'ultimo minuto per preservare le "linee rosse" sulle pensioni greche, per non parlare della permanenza stessa della Grecia nell'eurozona, è l'IMF (FMI) stesso ad essere diventato l'ostacolo maggiore al raggiungimento di un accordo perchè anche se la Commissione Europea è pronta a differire i tagli da 400 milioni di euro alle piccole pensioni greche se la Grecia ridurrà di una cifra analoga le sue spese militari (e i famosi sottomarini ordinati in Germania che fine hanno fatto? Er), l'IMF ha prontamente affondato questa ipotesi, almeno secondo FAZ.

Quindi mentre iniziamo questa domenica con quella che potrebbe essere l'ultima possibilità di trovare un accordo prima che un "accidentale" scenario Grexit entri in scena, abbiamo pensato che i nostri lettori greci potrebbero essere interessati ad imparare che mentre l' "apolitico" IMF di Lagarde sta lottando con le unghie e coi denti per evitare di dare ai greci anche il minimo respiro (l'equivalente di mezz'ora appena di un tipico giorno di POMO della Fed), jeri la stessa Lagarde ha detto che l'IMF "could lend to Ukraine even if Ukraine determines it cannot service its debt", l'IMF continuerò a prestare soldi all'Ucraina anche se e dopo dovesse fallire.

Si, è la stessa Ucraina i cui bond la scrosa settimana sono crollati del 9% dopo che il loro ministro delle finanze - l'americana Natalie Jaresko (!!!) - ha detto che l'Ucraina farà default sul suo debito a meno che i creditori (fra cui i contribuenti russi ed americani attraverso l'IMF stesso, oltre a molti hedge e mutual funds che sono usi a farsi salvare all'ultimo minuto nei loro più terribili investimenti) non si dimostrino acquiescenti alle loro richieste di ulteriori ajuti (leggi: altro debito).

Lo statement della signora "Hermes e brutta abbronzatura" Lagarde dimostra che non conosce la differenza fra un prestito ed un investimento azionario, perchè è a questo che "il prestito" all'insolvente Ucraina equivale.

Tornando al punto la ragione vera per cui l'IMF ha assunto una posizione così intransigente con la Grecia è esattamente perchè (...) sotto pressione di qualcuno un prestito (coi soldi dei contribuenti americani, per lo più) alla grecia è un deal killer mente uno a Kief non è neanche una sassetto nella scarpa.

Da Deutsche Welle:
IMF chief Christine Lagarde has reassured Ukraine that funds can still be made available even if the country fails to repay its private creditors. She ruled out resorting to national reserves to avoid defaulting.

Christine Lagarde, head of the Washington-based crisis lender, which had launched a four-year loan program of $17.5 billion (15.6 billion euros) in March for Ukraine's government, said that the IMF was still encouraging a settlement in the debt talks, while highlighting that there were backup options in place.

"I believe that their program warrants the support of the international community, including the private sector, which is indispensable for the success of this program," Lagarde said. She stressed that the IMF did not have to cut off its funding of the Ukraine government if it stopped servicing its private debts.

"But in the event that a negotiated settlement with private creditors is not reached and the country determines that it cannot service its debt, the fund can lend to Ukraine consistent with its lending-into-arrears policy," Lagarde explained.
In effetti esiste un documento del Fondo Monetario Internazionale intitolato "IMF Policy on Lending into Arrears to Private Creditors" (La politica dell'IMF nei riguardi dei prestiti a creditori privati oltre i tempi di mora), documento che un paper del 2006 descrisse come "incoraggiante verso l'azzardo morale" ... anche se in un mondo ormai così oltre il punto di non ritorno dell'insolvenza finale, coi mercati dei capitali pianificati a livello centrale da Tokyo a Shanghai, da Frankfurt a New York,un moral hazard locale o globale è proprio l'ultima preoccupazione di chiunque.

Purteoppo per i greci, che ormai non hanno più nessun creditore privato visto che i debiti sono stati tutti trasferiti al settore pubblico europeo e alla BCE, questo giochino pare impraticabile.

Oddio, forse un sistema ci sarebbe .. parlando di Ucraina Lagarde ha recentemente escluso le voci di un uso delle riserve della banca centrale ucraina per pagare i creditori. Le riserve della National Bank of Ukraine "cannot be used for sovereign debt service without the government incurring new debt", il che parrebbe andare contro gli scopi del programma di salvataggio dell'IMF per quel paese travagliato.

In realtà la ragione per cui le riserve dell'Ucraina - che ha già ricevuto 5 miliardi di prestito dall'IMF a marzo scorso e coi ricavi prontamente spediti offshore dai suoi politici-fantoccio per gli USA - non possono essere usate sono semplici: le riserve praticamente non esistono e le vere riserve dell'Ucraina, l'oro, è già stato sconfiscato da parecchio tempo e/o venduto sull'open market, come abbiamo riportato a novembre scorso, quando l'Ucraina ammise che l'oro era andato: "There Is Almost No Gold Left In The Central Bank Vault."

La Grecia invece ne ha ancora di oro. Circa 112,5 tonnellate per esser precisi, appena una pochino più della famigerata Bank of International Settlements (BIS o BRI),riserve che all'attuale prezzo spot dell'oro varrebbero poco più di 4 miliardi di dollari .. abbastanza per mantenere solvente la Grecia per un mesetto circa.

E' comunque una quantità che la BIS o qualsiasi altra banca centrale sarebbe deliziata di prendere. Per dire, proprio oggi la NY Fed ha saputo che si dovrà separare da un altro miliardino in oro per soddisfare le richieste di uno stato del Texas improvvisamente molto preoccupato.

Chissà se la Grecia deciderà di usare quest'ultima carta e sarà d'accordo di svendere il suo oro per ripagare 1-2 mesi di arretrati all'IMF o alla BCE, che sarebbe felice di stampare il denaro necessario per l'acquisto dell'oro greco in vendita. E se si, come reaggirà la popolazione greca quando verrà a sapere di essere stata "ucrainizzata" dai suoi corrotti pupazzi politici?

Nessun commento:

Posta un commento