Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

mercoledì 6 maggio 2015

Shale Oil Bombs

Altro piiiiccolo inconveniente dello Shale Oil. Non potendo ovviamente (sarebbe troppo costoso e si rischierebbe davvero di andare ad EROEI 1:1 se non sotto) costruire delle pipeline, degli oleodotti, da ognuno delle miriadi di pozzi che lo contraddistinguono sino alle destinazioni finali, e costando probabilmente troppo anche il trasporto in autocisterne (per via del prezzo del petrolio, che si rifiuta di tornare a 20 dollari al barile, il maledetto, chissà perchè) si usano dei treni. Treni che gli americani hanno preso a chiamare "Bomb Train", i Treni Bomba. Ecco perchè:




Fra l'altro i Tylers mostrano il proprietario di quello esploso stamane, provocando un brusco risveglio e l'evacuazione di un'intera cittadina e per un raggio di 6 miglia:


The trains in question are often called “bomb trains” because their black, torpedo-shaped tanks are filled with potentially explosive crude oil.

They are an increasingly common sight on the nation’s rail systems as they carry a million barrels of oil per day to refineries along the East Coast.

The Department of Transportation (DoT) spent two years formulating the recently released new train rules. The regulations introduce new tank car standards for oil and ethanol, and mandate the use of electronically controlled brakes.

"The truth is that 99.9 percent of these shipments reach their destination safely," DOT Secretary Anthony Foxx said to the press. "The accidents involving crude and ethanol that have occurred, though, have shown us that 99.9 percent isn't enough. We have to strive for perfection."
.. ma è SICURAMENTE colpa dello stato, nella forma del Dipartimento dei Trasporti. Mica di un sistema monetario basato su denaro-debito che implica la necessità di una crescita esponenziale (e quindi consumi di energia anche loro in crescita esponenziale) pena il crollo di tutto il sistema.

Nessun commento:

Posta un commento