Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 14 aprile 2015

Bloomberg: Il boom dello shale potrebbe finire a maggio per via del crollo dei prezzi .. ma il Peak Oil "è una teoria"


'Sti giornaloni della finanza sono davvero buffi, ormai stanno raggiungendo livelli parossistici e grotteschi:



The Saudis, to be sure, never thought much of peak oil.

That’s the theory that global crude supplies, on an upward trajectory for a century and a half, were about to stop rising and could no longer keep up with demand.
capito? Il peak oil sarebbe "una teoria". Ipse dixit, Bloomberg ad aprile 2015. Una balla così ovvia e colossale da meriterebbe di essere immortalata.
A faction of geologists and environmentalists made this argument part of the policy debate in the early years of this century. In 2005, when a book by oil analyst Matthew Simmons predicted a drop-off in Saudi output would signal that global supplies were beginning an irreversible decline, Naimi belittled the claims and promised higher production capacity. He won the argument. The Saudis pump more today than a decade ago.
una "fazione" di geologi e ambientalisti a inizio secolo ne parlava, prevedendo un calo della produzione mondiale e saudita .. ma invece i sauditi li hanno smerdati e ora producono più di 10 anni fa. Tiè!

una fazione ... una fazione di pazzi, ovviamente.

Davvero, uno resta senza parole di fronte a passaggi come questi. Scritti nel 2015 poi, non nel 1960.

Mi domando solo quanto ci fanno e quanto ci sono davvero ... difatti, il titolo dell'articolo è
Bloomberg - Saudi Arabia’s Plan to Extend the Age of Oil
by Peter Waldman - April 13, 2015

The biggest exporter has let prices plummet—delaying the day when climate concerns, efficiency, and fuel switching break the world’s dependence on crude.
ma scusa, se tu stesso ammetti che la sovrapproduzione che è alla base del crollo dei prezzi (insieme ad una recessione globale in arrivo?) sarebbe tutta una mossa per "prolungare l'età del petrolio", che cazzo continui a bollare come teoria e fazioni chi lo ha detto per decenni ( smerdato da tutti i giornaloni della finanza ) che si sarebbe arrivati al picco per poi discendere ?

E' impressionante come fanno finta di niente, senza accennare neanche ad un "scusa" per aver dato dei pazzi ai pickisti per decadi .. così nello stesso articolo ancora in qualche modo li sfottono e al tempo stesso - forza maggiore - gli danno ragione su tutto il fronte.

La cosa bella è come nessuno parla mai però - in questi giornaloni dei finanzieri - di come il mondo non potrà reggere la piramide della moneta-debito creata secondo una legge esponenziale (è nella natura stessa della creazione delle valute fiat e della riserva frazionaria delle banche) in un mondo in cui l'offerta di energia, per la prima volta in secoli, si sta dirigendo verso un calo invece che un aumento.

Ed è la questione centrale di questi decenni. Tutto il resto è corollario, dettagli, pressochè rumore di fondo.


E nessuno neanche ne parla chiaramente. Ancor'oggi. Anzi, continuano a confondere le idee alla gente parlando ancora di "teoria" del picco, di "sette" o "fazioni" che dicono che ci sarà (o c'è più o meno ora, in questi anni) ...

Mi rifiuto di credere che i "Masters of the Universe" delle banche / banche centrali non sappiano bene cosa la "teoria" dei picchi implica per i loro bei sistemi monetari-debitizi.

PS: intanto, nello stesso sito e lo stesso giorno ...
Bloomberg - Shale Oil Boom Could End in May After Price Collapse
by Lynn DoanDan Murtaugh - April 13, 2015
tz.. e pensare che sul Sole sono ancora la a fare articoli sul mmmmeeraaaaacooooloooo dello shale :o

PPS: Jeri sera mi sono letto un altro po' del libro di Martenson. Interessantissima anche la distinzione che fa tra problems e predicaments, un problema ha soluzione/i, un predicament ( un "frangente", una "situazione difficile" ) no. Devi solo prepararti alla meno peggio alla sua realizzazione, all'impatto. ... more tonight ... maybe

Nessun commento:

Posta un commento