Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

venerdì 3 aprile 2015

AISC 2014 di Eldorado Gold intorno agli 830 $/oz (Barrick Gold 870, Goldcorp 850) ... secondo Sherwood su Seeking Alpha


Seeking Alpha - Eldorado Gold Delivering Solid Performance
Charles Sherwood - Aug. 12, 2014

Sommario
 
- Eldorado Gold ha recentemente riportato per il 2° trimestre 2014 in linea con le aspettative degli analisti.
- Durante il 2° trim. Eldorado ha incassato un parere positivo di Impatto Ambientale da parte del Governo Turco per il loro progetto di espansione della miniera di Kisladag, il che aumenterà la loro produzione.
- Eldorado continua a generare cash flow ed ha liquidità solide per lo sviluppo del suo progetto di espansione.

Eldorado Gold (NYSE: EGO) ha di recente riportato i suoi risultati per il 2° trimestre 2014, con earnings pari a 0,05$ per azione, come si aspettavano gli analisti.
La produzione d’oro in questi 3 mesi è stata di 200.551 once il che è pari ad un 9% in più rispetto allo stesso trimestre dell’anno prima (y/y, year over year)
La revenue del 2° trim. è stata piatta, 265,5 milioni di dollari rispetto ai 266,9 y/y, e il net income è calato da 43,3 mln$ a 37,6 mln$ per via dei costi lievemente superiori e del più basso prezzo dell’oro.

Cosa più importante, Eldorado ha alzato il suo outlook per il 2014. Paul Wright, CEO della Eldorado Gold ha detto che “Dati i nostri forti risultati da inizio 2014 ad oggi e il nostro outlook per il bilancio 2014, siamo fiduciosi di poter rivedere la nostra previsione per una produzione di 790.000 once d’oro nel 2014 ad un cash cost medio di 495 $/oz e un AISC di 850 $/oz.” La previsione precedente era di una produzione di 730.000-800.000 once d’oro ad un cash cost medio di 550-590 $/oz e degli AISC medi di 915-985 $/oz.

Eldorado già era fra i produttori d’oro a più basso costo al mondo e la notizia che i suoi AISC saranno anche più bassi di quanto previsto è una grande notizia per gli investitori.

Con gli AISC del 2° trim. a 829 $/oz la Eldorado batte sia i pesi massimi della produzione a basso costo come Barrick Gold (NYSE: ABX), che ha riportato degli AISC per il 2° trim. 2014 di 865 $/oz, che Goldcorp (NYSE: GG) che ha riportato degli AISC di 852 $/oz. (Riassumendo per la consulazione a colpo d'occhio, Er):

Eldorado Gold (2° trim ’14) > 829 $/oz Barrick Gold (2° trim ’14) > 865 $/oz Goldcorp (2° trim ’14) > 852 $/oz

Mettendo insieme i suoi ottimi costi di produzione con una produzione ora assicurata al top end delle previsioni precedenti, pare che la Eldorado abbia battuto le previsioni generali degli analisti per il 2014.

Un altro sviluppo positivo per la Eldorado è stato l’arrivo del parere positivo sull’Impatto Ambientale da parte del Ministero dello Sviluppo e dell’Urbanizzazione turco nei riguardi del progetto di espansione della miniera di Kisladag (Turchia). L’espansione di questa miniera permetterà alla Eldorado di espandere la quantità di roccia frantumata che possono mettere nei loro leach pad, nei loro bacini di percolazione di Kisladag da 12,5 milioni di tonnellate l’anno sino ad un Massimo di 35 milioni di tonnellate l’anno. Eldorado ha reso noto che il loro target ottimale sarebbe di circa 20 milioni di tonnellate l’anno, cosa che porterebbe un capital cost addizionale di circa 90 milioni di dollari. Il completamento del progetto è previsto per la metà del 2016 e l’espansione aumenterà la produzione a Kisladag ad una media di 325.000 once l’anno per i primi 5 anni dopo l’espansione (cioè per gli anni 2016-2021, poi, immagino, tornerà a calare per l’esaurimento delle vene, Er), quindi tutto sommato ci sarà un incremento modesto rispetto alle 306.000 once prodotte nel 2013 (quindi immagino che il progetto di espansione fosse vitale per non arrivare nel giro di pochi anni all’esaurimento delle vene, Er).

Un altro fattore di crescita per la Eldorado sono i suoi progetti di sviluppo. Eldorado ha due progetti di sviluppo che dovrebbero entrare in produzione nel 2016 e aumenteranno sostanzialmente la sua produzione aurifera.

Il primo progetto di sviluppo è quello di Skouries (Grecia) che sarà una miniera open pit e sotterranea di rame ed oro. Si prevede di produrre li circa 140.000 once d’oro all’anno e 30.000 tonnellate di rame per i successivi 27 anni di vita previsti per la miniera.

Il secondo progetto di sviluppo è quello di Perama Hill (Grecia) una miniera open pit di oro e argento che si prevede produrrà 104.00 once d’oro ed 85.000 once d’argento all’anno per gli 8 anni di vita previsti per la miniera.

Eldorado ha prodotto 92,2 mln$ di cash flow dalle operations in attività, durante il 2° trim. 2014. Il cash generato dalle operations insieme con il cash, cash equivalent e depositi a termine della company a 585 mln$ e con 375 mln$ in linee di credito alla fine del 2° trim, mette la Eldorado in una buona situazione finanziaria per il futuro.

La Eldorado ha riportato un profitto in 4 degli ultimi 5 trimestri e i loro bassi costi gli permettono di restare profittevoli anche durante i periodi di basse quotazioni dell’oro.

La Eldorado ha tagliato le spese di esplorazione come risposta ai bassi prezzi dell’oro ed ha ridotto la propria stima di spese per lo sviluppo per il 2014 da 345 mln% a 265 mln$.

Eldorado Gold ha riportato dei solidi risultati anche durante I periodi di quotazioni dell’oro più bassi. Ai prezzi attuali (intorno ai 1300 $/oz a luglio-agosto 2014, periodo dell’articolo. Er) non ha problemi a generare un cash flow positivo e a finanziari i suoi progetti. Se il prezzo dell’oro salisse gli investitori vedrebbero la Eldorado generare forti cash flow e profitti. Nel frattempo la Eldorado si prepara a svilupparsi con progetti che la posizioneranno per restare uno dei produttori a costo più basso pur aumentando la propria produzione.



Disclosure: L’autore non ha posizioni aperte nell’azionario delle compagnie citate nell’articolo, l’autore non riceve compensi se non da Seeking Alpha e non ha relazioni di sorta con le compagnie citate, ecc..

PS: da questo articolo pare che abbiano solo una miniera in Turchia e progetti in Grecia. In realtà la Eldorado Gold ha un'altra miniera in Turchia, una in Grecia e progetti in Grecia e Romania, ben 3 miniere in Cina e un'altra in progetto, e una miniera attiva e un'altra in progetto in Brasile.

Nessun commento:

Posta un commento