Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

giovedì 5 marzo 2015

Ucraina: Esprimersi contro la guerra è reato, ammazzare cittadini no

Fortuna che da noi c'è la democrazia .. e un'informazione di massa che informa davvero anche ...
ByoBlu - Viktoria Shilova: vi racconto l’Ucraina e il Donbass. Quello che non sapete.
Pubblicato 4 marzo 2015 da Claudio Messora

Viktoria Shilova: Il nostro è un movimento pacifista e antibellico. I nostri tre motti principali sono: “Stop alla guerra. Stop all’oligarchia. Stop alla mobilitazione bellica“. E’ nato dieci mesi fa ma abbiamo potuto registrarci solo nell’agosto del 2014. Questo perché il Governo ha un atteggiamento molto critico nei miei confronti. Io sono critica nei loro confronti e loro mi ricambiano con la stessa moneta. A mio parere non vi è nessuna operazione anti-terroristica in atto nelle regioni del sud-est ucraino. Piuttosto, abbiamo a che fare con una banale intimidazione militare verso tutti coloro che non condividono il punto di vista del regime. Otto milioni di persone non possono essere considerate terroriste e separatiste, quando la loro età varia da un’ora a oltre cento anni. Ciò che accade oggi nel Donbass è senza alcun dubbio una vera guerra. Una guerra civile, alimentata dai media completamente controllati dagli oligarchi del paese. Siamo prigionieri di una spaventosa censura che non ha precedenti.

(...) Il nostro movimento lavora costantemente sotto pressione: un mese fa hanno aperto un procedimento penale contro di noi. Stiamo parlando della procura generale dello stato Ucraino: la procura militare fa parte della procura generale. A quanto pare, oggi come oggi esprimersi contro la guerra, in Ucraina, è reato. Uccidere dei civili nella regione del Donbass non è considerato un reato, mentre pronunciarsi in difesa della pace lo è.
leggi tutto su ByoBlu

Nessun commento:

Posta un commento