Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

mercoledì 4 marzo 2015

Produzione d'oro australiana ai massimi dal 2003. Perchè non è una festa


(...) lower prices forced Australian gold miners to increase the grade of ore they were targeting and push their processing plants even harder.

However, Close warned there was a downside to producing gold in this manner. "Superficially, the figures give the impression of a healthy and vibrant industry but you need to dig a little deeper to get the whole picture. It’s not all good news" Close said.

"Higher grades and greater throughput certainly lift production but lower grade material becomes uneconomic, so mine lives are shortened."

I Tylers hanno fatto oggi un post sulla bolla crescente dell'immobiliare australiano che però parla anche di oro. A parte il fatto che i prezzi degli immobili a Sidney e Melbourne stanno salendo di dei 10-14% annuallizzati e la cosa sa tanto di bollona ...


.. ecco una grafica che da l'idea della "superproduzione" d'oro degli aussie nel 2014:



Ma perchè non è necessariamente un segnale positivo lo spiega MiningAustralia.com:
Australia’s gold output has hit its highest level in 11 years.

The production of gold rose by 4% in 2014 to 284 tonnes, its highest level since 2003.

(...) According to Sandra Close, director of mining consultancy firm Surbiton and Associates, lower prices forced Australian gold miners to increase the grade of ore they were targeting and push their processing plants even harder.

However, Close warned there was a downside to producing gold in this manner. "Superficially, the figures give the impression of a healthy and vibrant industry but you need to dig a little deeper to get the whole picture. It’s not all good news" Close said.

"Higher grades and greater throughput certainly lift production but lower grade material becomes uneconomic, so mine lives are shortened."

Close said the high level of unemployment in the gold sector and the “waste of trained people” was also cause for concern, with the proposed gold royalty hike in WA set to make matters worse.

A final WA state government report on royalties is expected to be released soon. The current royalty rate is 2.5 per cent, with any increase set to cause an industry-wide backlash.

Gold miners have lobbied against royalty hikes, saying that there are many small producers that could not afford additional expense on marginal profit ratios.
In pratica questo "bel" risultato dipende dal fatto che le compagnie minerarie, nel tentativo di sopravvivere a questi anni di quotazioni basse, si sono messe a fare "high grading" e cioè a scavare solo le vene più ricche, lasciando stare le parti di miniera a tassi di oro per tonnellata di roccia più bassi e risicando sulle spese di ricerca delle miniere del futuro. Insomma, hanno puntato a vendere tanto oro pur di restare ai livelli di entrate pulite che gli servono.

La disoccupazione è alta nel settore e a questo si aggiunge ora il pericolo di un aumento delle royalties che lo stato del Western Australia vuole, dal 2,5% a X.

Farei anzi notare che, nonostante i loro sforzi per massimizzare la produzione, non sono riusciti a tornare ai livelli di solo 15 anni fa.

E, fra parentesi, stiamo parlando del secondo produttore mondiale d'oro dopo la Cina.

Bonnes chances!

Nessun commento:

Posta un commento