Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

lunedì 30 marzo 2015

Katchum: Quale Silver Miner scegliere in base agli AISC

 

AISC di diverse compagnie minerarie in argento:


SilverCrest
Avino Silver
First Majestic Silver
SilverCorp
Pan American Silver
Coeur Mining
Fortuna Silver Mining
Endevour Silver
Hecla Mining
Great Panther Silver

Seeking Alpha - Which Silver Miner To Choose Based On AISC
Katchum, Correlation Economics - Sep. 24, 2014

- I costi All-In dell’estrarre argento sono scesi
- A causa del prezzo basso si raccomanda di mitigare il rischio scegliendo i miners a basso AISC
- Si può trovare della leva nei silver miners con alti AISC (?!)

Come ben a ogni investitore in metalli preziosi, il prezzo dell’argento è stato schiantato a minimi da 2008, sino a 17,50 dollari l’oncia (poi si è arrivati sino ad una puntata veloce a quota 14,20 USD/oz circa a dicembre 2014! E si è iniziato il 2015 a circa 15,50. Er).



I premium sull’argento si sono mossi soprattutto all’Exchange di Shanghai (SGE), dove le riserve immagazzinate di argento sono molto basse. È anche molto interessante notare che mentre il prezzo dell’argento di carta - il prezzo finanziario - è caduto, le compagnie minerarie non si sono mostrate troppo desiderose di vendere il loro argento fisico a questi bassi prezzi. Per esempio, la First Majestic Silver Corp. vende ancora il suo bullion d’argento a 23 $/oz e lo sta continuando a fare da un annetto ormai.

Ciò nonostante gli investitori farebbero bene a ridurre il rischio nel loro portafoglio e questa cosa si può fare guardando ai costi. A giugno 2013 il World Gold Council, un gruppo industriale, ha prodotto uno standard dettagliato di quello che le compagnie minerarie dovrebbero includere nel calcolo di un valore chiamato AISC, che sta per all-in sustaining costs, alias costi di sostentamento (o di sostegno, non so bene come tradurlo) considerando tutte le voci effettive. Useremo quindi questa metrica.

Se i prezzi dell’argento continuano a crollare e vanno sotto i Costi All-In di produzione dell’argento, la compagnia non riuscirà a fare dei profitti. Per questo ho raccolto i dati più recenti sugli AISC di alcune grosse compagnie minerarie e li ho comparati a quelli del 2013. Questi numeri possono essere trovati nei financial reports delle rispettive compagnie, anche in internet. Hecla Mining [NYSE:HL] non ha riportato i suoi AISC per il 2013 ma una stima è stata fatta un anno fa è può essere trovata qui. (figo! Da tradurre!)

Hecla ha recentemente rilasciato il valore del suo AISC 2014 in uno statement: 8 USD/oz.

Ecco i dati riassunti in una tabella ed in un più leggibile grafico





La prima cosa che noto è che tutte le compagnie hanno ridotto i loro AISC rispetto all’anno scorso tranne la First Majestic Silver Corp. [NYSE:AG], questo a causa del salire dei costi nelle loro miniere di Del Toro e San Martin.

Tutto ciò è sorprendente perché i Costi All-In sono stati in crescita durante tutto il boom dei minerari introno al 2010, in crescita di pari passo con i prezzi dell’argento (vedi il grafico 4 tratto da pagina 8 di questo pdf della Coeur Mining) la media degli AISC delle compagnie considerate era di circa 25 $/oz nel 2012, perché il prezzo dell’argento era più alto allora, i miners riuscivano a trarre un profitto anche ad alti AISC. Se guardo ai numeri di oggi vedo che sono scesi significativamente insieme col calo delle quotazioni.

Oggi la media degli AISC è sui 18 $/oz guardando alla chart qui sopra. Sappiamo che i miners si stanno concentrando sui progetti di high grading adesso e nel prossimo 2015 (l’high grading consiste nello scavare le parti di miniera che si sa essere più ricche di metallo prezioso ove quando i prezzi erano più alti si scavava in maniera più diffusa e meno focalizzata. Er) e alla fine questi corpi rocciosi ad alta gradazione si esauriranno. Quindi quello a cui stiamo assistendo ora è un abbandono (deleveraging nel testo inglese) dei nuovi progetti da parte di questa industria.

(Nonostante tutto) si stima che l’offerta di argento minerario salirà sino al 2016, anche se ad un ritmo più calmo. La produzione di oro invece scenderà l’anno prossimo (2015) ed entrerà in un periodo di declino secolare (!). Anche se gli AISC sono scesi ci sono ancora compagnie che hanno un AISC più alto del prezzo attuale dell’argento, tipo la Great Panther Silver [NYSEMKT:GPL].



La prossima domanda è “in quali compagnie vuoi investire?". Dalle chart sugli AISC 2014 vediamo che molte compagnie hanno degli AISC intorno ai 17 $/oz mentre altre sono nel range dei 12 $/oz. È ovvio per ogni investitore che quelle da scegliere sono le compagnie più profittevoli in questo momento (avrei tanti se e ma su questo. Er). Fra queste ci sono la Avino Silver & Gold Mines [NYSEMKT:ASM] e la Silvercrest Mines [NYSEMKT:SVLC].

Se il prezzo dell’argento dovesse scendere ancora più in basso queste compagnie possono sopportare la pressione e la performance delle loro azioni ha sovraperformato quella degli altri miners (è vero, Silvercrest ha perso relativamente niente rispetto alle altre nel 2013-14… ma il 24 settembre 2014, data dell’articolo, era a 1,55 mentre ora è a 1,29, un calo del 17% circa. Vatti a fidare di un piccolo miner da solo 150 mln di market cap. Fallire non fallirà, magari, però non da shares e sarebbe tutto solo un aspettare il nuovo mercato toro… probabilmente sarà da comprare quando si delineerà la fine di questo periodo di bastonate per i prezzi dei metalli… o forse ora che è sceso ancora? … Er). Avino Silver in particolare è interessante in quanto hanno appena iniziato la produzione alla loro miniera di Avino (Avino S&G ha un market cap di solo 58 mln, e il 24 settembre 2014 stava a 1,57 e ora, 16 febbrajo 2015, è a 1,63, su del 4% .. ma dopo essere passata da 1,09! Niente dividendi anche loro… e un P/E di 380?! Er).

Per l’investitore che pensa che il prezzo dell’argento risalirà presto,verso la fine dell’anno (son passati 6 mesi a siamo ancora la, dopo altre discese ai minimi storici del periodo, si spera. Er) è meglio scegliere i miners con degli AISC più alti così da avere la leva maggiore (che significa? Che essendo crollati parecchio, al contrario di Silvercrest col basso AISC, potranno salire più fulminei e di parecchio? Er). Raccomanderei qui Endeavour Silver [NYSE:EXK] perchè hanno mostrato un buon numero di manovre per abbassare i costi. Fate voi, io non voglio rischiare in questo scenario prima che sia successo qualcosa di significativo nell’economia (ma dice il disclaimer che l’autore è long ASM e AXK .. niente azioni? .. la Endeavour Silver, 250 mln di market cap ora, nel periodo intercorso dalla pubblicazione dell’articolo è crollata da 4,50 a 2,48 di oggi, un meno 45% !! da Er).

---

Disclosure: The author is long ASM, EXK. The author wrote this article themselves, and it expresses their own opinions. The author is not receiving compensation for it (other than from Seeking Alpha). The author has no business relationship with any company whose stock is mentioned in this article.

Editor's Note: This article covers one or more stocks trading at less than $1 per share and/or with less than a $100 million market cap. Please be aware of the risks associated with these stocks.

Nessun commento:

Posta un commento