Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

martedì 24 marzo 2015

Gli Stateri di Lidia, il primo sistema organico di monetazione in oro e argento



Steve St.Angelo (ma davvero si chiama così? fico, St.Angelo) fa pubblicità al nuovo libro dell'Ing. David Morgan e la riancio anch'io, anche se il libro è ovviamente solo in inglese: The Silver Manifesto, un promettente tomone su tutto ciò che riguarda l'amato metallo antivampiri, dalla storia monetaria dal 3200 a.C. ad oggi sino ai fondamentali di domanda e offerta. Pare un must per il metallaro anglofono.

Ecco un estratto sulle origini monetarie di oro e argento e sui tassi di cambio di 26-27 secoli fa in Lidia (secondo Erodoto è proprio da li che migrarono in Italia gli etruschi .. )

Un immenso passo in avanti nello sviluppo del sistema monetario fu fatto dai Lidi che furono i primi ad usare una sorta di coniazione standardizzata in oro e argento per scopi monetari. Successe tutto all'incirca intorno al 700 avanti Cristo.

I Lidi non furono solo i primi a coniare monete ma svilupparono anche un sistema di cambio fra le varie monete coniate. All'inizio usarono delle leghe di oro e argento e furono i primi ad organizzare un sistema per la diffusione delle suddette monete.

Alcuni dicono che fu re Alyattes a creare per primo lo Statere mentre altri dicono che successe sotto il regno di Gyges che presero a circolare queste monete.


Questi piccoli lingotti ovali circolavano in tutte le coste orientali del mediterraneo. Come potete vedere ogni ovale è lievemente differente da un altro quindi, tecnicamente, non si potrebbe parlare esattamente di coniazione.

Il re Gyges regnò dal 690 al 657 mentre Alyattes fra il 610 e il 550 avanti Cristo ma i più sono del parere che fu sotto Gyges che prese piede questo sistema monetario. Le monete erano di una lega di oro e argento (l'elettro. Er) e solo sotto il figlio di Gyges, il re Creso, si prese a sviluppare le tecniche di fusione e separazione dei due metalli. E fu sotto Creso che si arrivà a stabilire una tabella di cambio esatta fra le varie monete coniate:

1 statere d'oro = 8,17 grammi d'oro

1 statere d'argento = 10,89 grammi d'argento

1 statere d'oro = 10 statere d'argento

Rapporto di cambio Oro/Argento (Gold/Silver Ratio) = 13,33
questo invece è quello che trovate su Wiki:
Secondo Erodoto, i lidi furono il primo popolo ad introdurre l'uso di monete d'oro e d'argento e il primo a stabilire negozi per la vendita al minuto in località permanenti. Non è chiaro, tuttavia, se Erodoto volesse significare che i lidi fossero stati i primi a introdurre monete di oro e argento puro o in generale le prime monete in metallo prezioso. Nonostante l'ambiguità, questa asserzione di Erodoto vale come attestazione spesso citata a favore del fatto che i lidi avessero inventato la monetazione, almeno in occidente, anche se le prime monete non erano soltanto d'oro o d'argento, ma costituite da una lega dei due metalli.

La datazione di queste prime monete coniate è uno degli argomenti dell'antica numismatica dibatutti più frequentemente, con date che vanno dal 700 a.C. al 550 a.C., ma la considerazione tenuta più comunemente è che esse fossero state coniate all'inizio (o quasi) del regno di re Aliatte (talvolta riferito in modo non corretto come Aliatte II), che governò la Lidia tra il 610 e il 550 a.C. Le prime monete erano fatte di elettro, una lega di oro e argento che si realizzava già in natura, ma che era ulteriormente falsificata dai lidi con altra aggiunta di argento e anche rame.

Le più grandi di queste monete sono comunemente riferite come 1/3 di statere (trite), del peso di circa 4,7 grammi, sebbene nessuno statere intero di questo tipo sia mai stato trovato, e la moneta di 1/3 di statere probabilmente sarebbe più correttamente riferita come uno statere, che significa "standard".

Queste monete venivano stampate con una testa di leone decorata con ciò che è probabilmente un raggio di sole, simbolo del re. A complemento del taglio più grande, erano fatte frazioni di monete, inclusa la hekte (sesto), hemihekte (dodicesimo), e così fino ad arrivare al 96esimo, con la moneta di 1/96 di statere del peso soltanto di circa 0,15 grammi. C'è disaccordo, tuttavia, sul fatto se le frazioni al di sotto della dodicesima parte di statere siano effettivamente lidie.

Il figlio di Aliatte era Creso, che divenne sinonimo di ricchezza. Sardi era rinomata come una bellissima città. Intorno al 550 a.C., all'inizio del suo regno, Creso finanziò la costruzione del tempio di Artemide a Efeso, che divenne una delle Sette meraviglie del mondo antico. Creso venne sconfitto in battaglia da Ciro II di Persia nel 546 a.C., per cui il regno lidio perdette la sua autonomia diventando una satrapia persiana.
Trovo mooolto interessante come già millenni fa il rapporto di cambio fra oro e argento era intorno ai 10-15 a 1 ... mentre oggi siamo a dei Gold/Silver Ratio veramente incredibili (vedi link a destra per le tabelle aggiornate di questo valore negli ultimi 36 anni). Tutto ciò non mi sorprende visto che intorno a 10 è proprio il rapporto di rarità fra i due metalli nella crosta terrestre

Nessun commento:

Posta un commento